Nuove preoccupazioni mentre più lava scorre da un vulcano sull’isola di La Palma

Venerdì la lava è fluita da una spaccatura appena aperta presso il vulcano Cumbre Vieja sull’isola spagnola di La Palma, tracciando un percorso diverso rispetto ai flussi precedenti e sollevando timori di ulteriori devastazioni, mentre la cenere fine ha costretto gli isolani a indossare maschere e occhiali.

Un fiume di lava calda scorreva lungo la collina dalla nuova fessura, che è scoppiata giovedì sera a circa 400 metri a nord del sito principale dell’eruzione.

Molteplici bocche sono state aperte da quando il vulcano ha iniziato a eruttare il 19 settembre, ma l’Istituto di vulcanologia delle Isole Canarie ha descritto l’ultima apertura come un “nuovo focus sull’eruzione”.

“C’è preoccupazione per il percorso di questo nuovo flusso verso il mare, anche se si prevede che si unirà al precedente flusso nelle prossime ore”, ha affermato il presidente del consiglio della Palma, Mariano Hernandez Zapata.

Ha detto che la lava ha inghiottito più case durante la notte.

“Abbiamo più drammi e più persone di cui occuparci”, ha detto in una conferenza stampa.

Circa 6.000 persone sono state evacuate dall’inizio dell’eruzione e non sono ancora tornate a casa. Più di 800 edifici sono stati distrutti, comprese case, chiese e scuole.

Il leader regionale Angel Victor Torres ha affermato che il vulcano ha emesso 80 milioni di metri cubi di roccia fusa, raddoppiando la quantità espulsa durante l’ultima grande eruzione della Palma 50 anni fa in metà del termine.

I residenti di Los Llanos de Aridan, una delle città più colpite, hanno preso l’abitudine di portare ombrelli e indossare occhiali di protezione per precauzione dalla polvere vulcanica che ricopre le strade e fluttua nell’aria.

READ  Ha la bocca più grande di qualsiasi donna al mondo e ne è orgogliosa
Un barista pulisce la cenere fuori da un bar, dopo l’eruzione di un vulcano sull’isola canaria di La Palma, a Los Llanos de Aridan, venerdì. (Borja Suarez/Reuters)

“La scorsa notte, la cenere mi ha irritato molto gli occhi. Ho dovuto usare un collirio e la pelle mi bruciava”, ha detto Matilde Gonzalez Tavarez, 45 anni, assistente di cura, in visita a sua madre in una casa di cura a Los Llanos. .

“È una sensazione di impotenza, paura e insicurezza. Non sai cosa accadrà”, ha detto, mentre gli spazzini rimuovevano il tappeto di cenere nera dietro di lei.

Juan Antonio Perez Gonzalez, 56 anni, che gestisce un negozio di fiori in città, teme che il peggio debba ancora venire.

“Non posso fare una buona faccia o darti buone notizie perché questo è un disastro”, ha detto a Reuters. Ha detto che molti cittadini si stavano preparando a fare i bagagli e partire.

(CBC Notizie)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *