Notizie dal sistema sanitario “Ansia, depressione e disturbo ossessivo compulsivo non mi definiscono”

Notizie dal sistema sanitario “Ansia, depressione e disturbo ossessivo compulsivo non mi definiscono”

Scritto da: Idella Sturino, Consulente in Comunicazione, Sunnybrook Health Sciences Center

Cassie Josephson è un'infermiera pediatrica, orgogliosa zia di due nipoti e un'amante degli animali che ha allevato oltre 150 gatti.

Convive anche con ansia, depressione e disturbo ossessivo-compulsivo (DOC).

Nell'ultimo Sunnybrook Serie di altoparlantiCassie ha descritto l'impatto che il disturbo ossessivo compulsivo ha avuto sulla sua vita e l'esclusivo programma di trattamento che alla fine l'ha aiutata a stare meglio e a raggiungere i suoi obiettivi.

Cassie, che vive a Regina, Saskatchewan, è stata curata da Sunnybrook Centro Frederick W. Thompson per i disturbi d'ansia, come parte di un innovativo programma di trattamento residenziale per persone con disturbo ossessivo compulsivo grave. Il programma è l'unico nel suo genere in Canada ed è aperto a clienti provenienti da tutto il paese e dagli Stati Uniti.

Secondo il Centro per le dipendenze e la salute mentale“I principali sintomi del disturbo ossessivo compulsivo sono ossessioni o compulsioni ricorrenti che interferiscono con la vita di una persona.”

immagine Inserito da Cassie Josephson

Cassie ha raccontato che la sua ansia e il suo disturbo ossessivo compulsivo sono comparsi per la prima volta durante l'infanzia. Era spesso in ritardo per lo scuolabus perché doveva aggiustare i suoi vestiti in modo che si sentissero “giusti”. Da adolescente si preoccupava di tutto, dalla guida in inverno a ciò che gli altri pensavano di lei.

“La mia mente andava automaticamente agli scenari peggiori”, ha detto Cassie “Ho iniziato a fare tutto il possibile per controllare le cose e ottenere quella sensazione 'giusta' per calmare il panico che sentivo dentro.”

All’età di 21 anni, quando era all’ultimo anno di scuola per infermiere, Cassie era davvero alle prese con la sua salute mentale. Ha cercato cure presso l'ospedale locale ed è stata messa in congedo medico da scuola in modo da potersi concentrare sulla sua salute.

READ  #SpaceSnap: immagine del telescopio spaziale Hubble di una parte del complesso di nubi camaleontiche

Cassie ha attribuito allo psichiatra con cui ha iniziato a lavorare durante questo periodo il merito di aver avuto un impatto enormemente positivo sulla sua vita.

Tuttavia, nel tempo, l'ansia, la depressione e il disturbo ossessivo compulsivo di Cassie peggiorarono.

Molte delle ossessioni e compulsioni presentate dal suo disturbo ossessivo compulsivo ruotavano attorno al numero tre, come toccare l'interruttore della luce tre volte o controllare il numero di volte in cui i tergicristalli venivano lavati durante la guida. Le attività quotidiane come guidare divennero presto impossibili e lei rimase con una disabilità lavorativa a lungo termine.

“Se non avessi fatto esattamente quello che pensavo di essere un disturbo ossessivo compulsivo, mi sentirei un completo fallimento”, ha spiegato.

Anche il disturbo ossessivo compulsivo di Cassie cominciò a portare all'autolesionismo. Negli anni successivi ciò portò a diversi ricoveri ospedalieri. Purtroppo i medici che la curavano non riconobbero pienamente il suo disturbo ossessivo-compulsivo. Invece, a Cassie è stato diagnosticato erroneamente un disturbo borderline di personalità, un'esperienza che secondo lei ha avuto un impatto negativo su di lei.

“È stato controproducente per il mio recupero perché mi ha sottoposto a un piano di trattamento che non si adattava alle mie esigenze. Ciò di cui avevo veramente bisogno era un trattamento intensivo e specializzato per il disturbo ossessivo compulsivo che non era disponibile in Saskatchewan. È stato allora che ho trovato Thompson di Sunnybrook,” lei disse. centro.”

Cassie ha descritto le cure ricevute al Thompson Center come “che le hanno cambiato la vita”.

“Trovare un intero team di professionisti specializzati nel disturbo ossessivo compulsivo, che comprendono veramente le difficoltà che esso comporta senza giudizio e che ti vedono per te e non per la tua malattia, è stato fondamentale per riprendermi la vita.”

READ  Focolaio di vaiolo delle scimmie in Europa e Nord America, l'OMS convoca riunione di emergenza: rapporto

Cassie ha detto di aver lasciato il programma sapendo che il suo kit di competenze e tecniche necessarie per gestire il suo disturbo ossessivo compulsivo era completamente fornito.

Ora che vive a casa a Regina, Cassie ha detto che lavora duro utilizzando le competenze che ha affinato ogni giorno al Thompson Center. Continua anche a visitare regolarmente il suo psichiatra.

Cassie ha detto che è orgogliosa di quanta strada ha fatto nel suo viaggio.

Dopo quattro anni di disabilità a lungo termine e recupero da una condizione quasi fatale Sindrome serotoninergicaCassie ha detto che è tornata al lavoro e ha trovato un nuovo scopo nel suo lavoro di infermiera pediatrica, uno dei suoi sogni di tutta la vita. Presto ha intenzione di acquistare la sua prima casa.

“Accetto che nella vita ci sono molte cose su cui alla fine non abbiamo alcun controllo”, ha detto Cassie “Cerco sempre di fare le cose che amo e che mi piacciono, continuo a fare passi avanti e faccio del mio meglio per realizzarle .” Seguo il flusso e affronto i colpi che la vita mi dà, e ho ancora alti e bassi e molte lotte, ma non mi controllano e certamente non mi definiscono.

Scopri di più sulla storia di Cassie e sul lavoro speciale del Centro per i disturbi d'ansia Frederick W. Thompson a Sunnybrook. Qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *