Non abbiamo mai visto il ghiaccio marino antartico così basso

Non abbiamo mai visto il ghiaccio marino antartico così basso

Mentre molte persone sperimentano estati afose, nel profondo dell’Antartide è inverno. Di solito, questo significa che c’è molto ghiaccio marino intorno al continente. Tuttavia, quest’anno, è un minimo storico. Che cosa sta accadendo?

Le misurazioni satellitari del National Ice and Snow Data Center (NSIDC) della NASA mostrano che a luglio di quest’anno, la copertura del ghiaccio marino era in media di soli 13,5 milioni di km. Questa è la misurazione più bassa da quando il centro ha iniziato a misurare il ghiaccio nel 1978. In genere, il ghiaccio marino antartico interessa un’area di circa 15 milioni di chilometri quadrati. Cresce e si dissolve con il cambio delle stagioni. Per l’inverno del 2023, il tasso di crescita è rallentato drasticamente, coprendo due milioni di chilometri quadrati al di sotto della media. E questo è insolito. “Quello che stiamo vedendo quest’anno è un territorio inesplorato nella registrazione satellitare”, ha detto Walt Meyer, scienziato del NSIDC.

C’è sicuramente una tendenza al ribasso del ghiaccio marino, e non è una novità. È una continuazione del crollo della produzione iniziato nel 2014. Quell’anno, la crescita del ghiaccio in tutto il continente è stata molto elevata. In effetti, per un po’, è aumentato di circa l’1% ogni decennio. Da quel momento, la produzione è rallentata. Uno dei cali più ripidi si è verificato nel 2016 e da allora le cose sono andate in discesa. “La maggior parte dei mesi dal 2016 sono stati ben al di sotto della media”, ha detto Meyer.

Non abbiamo mai visto il ghiaccio marino antartico così basso
Grafico che mostra i cambiamenti del ghiaccio marino antartico nel tempo. Per gentile concessione: NSIDC.

Perché il ghiaccio marino si sta ritirando in Antartide?

Il motivo di questo spostamento non è ancora chiaro. “L’aumento del ghiaccio marino antartico prima del 2014 e il suo rapido declino da allora è di grande interesse per gli scienziati, senza un consenso sui driver”, ha affermato Claire Parkinson, scienziata del clima presso il Goddard Space Flight Center della NASA. Parkinson è un’esperta nell’uso delle osservazioni satellitari per mappare l’estensione del ghiaccio marino e nel 1983 ha fatto parte del gruppo che ha pubblicato il primo atlante del ghiaccio marino antartico dai dati satellitari.

È interessante notare che la diminuzione osservata intorno all’Antartide tra il 2014 e il 2017 è stata maggiore della diminuzione del ghiaccio osservata nell’Artico. Tuttavia, è interessante notare che anche i campi di ghiaccio settentrionali sono interessati da qualcosa che interferisce con i loro campi di ghiaccio.

La Baia di Hudson, ad esempio, era libera dai ghiacci all’inizio del 2023. Anche altre aree dell’emisfero settentrionale, come il Mare di Siberia, il Mare di Beaufort (Alaska settentrionale) e il Mare di Kara in Russia, stanno perdendo la copertura di ghiaccio. Anche il famoso ghiacciaio Mendenhall vicino a Juneau, in Alaska, è decisamente più piccolo del solito. All’inizio di agosto, un vicino lago glaciale è straripato a causa dello scioglimento della neve nelle zone vicine. Le autorità lo hanno collegato al riscaldamento, che ha contribuito a ridurre il ghiacciaio.

Il ghiacciaio Mendenhall in Alaska si sta restringendo a causa dell'aumento delle temperature.  Per gentile concessione dell'NSIDC.
Il ghiacciaio Mendenhall in Alaska si sta restringendo a causa dell’aumento delle temperature. Per gentile concessione dell’NSIDC.

Possibili spiegazioni

Il problema del ghiaccio antartico sta sicuramente catturando l’attenzione degli scienziati a causa del suo più grande declino nel record satellitare di 40 anni. Insieme alla Groenlandia, sta rapidamente perdendo ghiaccio. Allora, cosa potrebbe succedere? Ovviamente, il cambiamento climatico sembra essere la ragione di questo. Il riscaldamento associato sta colpendo gli oceani, portando potenzialmente a uno spostamento verso un minore accumulo di ghiaccio intorno all’Antartide. In alcune delle sue ricerche, Parkinson cita altri possibili driver della perdita di ghiaccio, inclusi i collegamenti all’effetto El Niño-Southern Oscillation (ENSO), l’oscillazione interdecadale del Pacifico o il cosiddetto Amundsen Sea Low.

Mappa dei mari antartici. Per gentile concessione di: Rooiratel, CC BY-SA-4.0.

Proprio come un esempio, Parkinson discute gli studi che si sono concentrati sull’estremo declino del ghiaccio marino nel 2016. Ci sono molte prove che lo collegano alle condizioni dell’atmosfera locale e degli oceani. C’è stato un forte deflusso nell’atmosfera artica che ha causato il rapido ritiro dei ghiacci nel mare di Weddell (appena sopra l’Antartide occidentale). Altri cambiamenti hanno causato la perdita di ghiaccio nel Mare di Ross. C’è stato anche un El Niño estremo che ha raggiunto il picco all’inizio di quell’anno, riscaldando le acque di Bellenhaus, Amundsen e le parti orientali dei mari di Ross. Altre condizioni meteorologiche hanno contribuito all’estensione del ghiaccio marino quell’anno. In breve, non è stato solo un evento a influenzare la crescita del ghiaccio, ma una combinazione di più eventi.

READ  La nostra galassia in realtà ha consumato una galassia più piccola tre miliardi di anni fa: Cheap Cheek

Non ci sono risposte definitive al mistero del ghiaccio marino… ancora

Questa combinazione di eventi e influenze potrebbe essere ciò che sta accadendo nel 2023? Non c’è ancora consenso. Alcuni scienziati hanno ipotizzato che il ghiaccio marino antartico potrebbe iniziare a spostarsi verso una minore produzione di ghiaccio. Tuttavia, anche con 40 anni di dati, Meyer ha affermato che è troppo presto per dire se ci sia stato o meno un tale cambiamento. Tuttavia, studi recenti indicano il cambiamento delle condizioni oceaniche come possibile driver. La temperatura dell’oceano può svolgere un ruolo più importante del solito. In tal caso, ciò potrebbe limitare la crescita del ghiaccio in autunno e in inverno e quindi promuovere episodi di scioglimento della neve in primavera e in estate.

per maggiori informazioni

Ghiaccio marino eccezionalmente basso in Antartide
Un record di 40 anni rivela aumenti graduali del ghiaccio marino antartico seguiti da diminuzioni a tassi di gran lunga superiori a quelli osservati nell’Artico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *