Nolan su supereroi, pensionamento e intelligenza artificiale

Nolan su supereroi, pensionamento e intelligenza artificiale

Immagini universali

Dopo aver realizzato la sua trilogia “Il cavaliere oscuro”, Christopher Nolan afferma di aver praticamente finito di dirigere qualsiasi altro progetto nel genere dei supereroi.

Il regista di Oppenheimer è stato recentemente intervistato da Decodificatore Hugo Sono stati discussi molti argomenti e dice di essersi visto fare film per i prossimi 10 anni senza alcuna intenzione di passare alla produzione di una serie TV.

Quando gli è stato chiesto se avrebbe diretto un altro film di supereroi, ha semplicemente risposto “No”. Quando gli è stato chiesto se avrebbe diretto un film di Star Wars, ha fatto una pausa e poi ha detto: “Bitter”.

parlò anche Vero cieco Dove gli è stato chiesto se ha piani simili a Tarantino e si ritirerà dopo un determinato numero di film, o se continuerà (ala Ridley Scott, Martin Scorsese):

“La verità è che capisco entrambi i punti di vista. Raccontare storie al cinema crea dipendenza. È un duro lavoro, ma è così divertente. È qualcosa che ti senti motivato a fare, quindi è un po’ difficile immaginare di smettere volontariamente.”

Ma vedo anche… il punto di Quentin è sempre stato – e non specifica mai, molto bene, mai di quali film sta parlando o altro – ma guarda ad alcuni dei lavori che i cineasti hanno fatto negli anni successivi e si sente che se è così non può essere all’altezza del suo apice, sarebbe meglio se non esistesse. Penso che questa sia la visione più pura. È il punto di vista di un amante del cinema che apprezza la storia del cinema.

[I’m not] Sono sicuro che mi fiderei del mio senso del valore assoluto di un’opera per vedere se dovrebbe esistere”.

Aggiunge anche di essere un “grande fan” dei film che “non raggiungono pienamente ciò che stanno cercando di ottenere”. Nolan ha anche recentemente toccato un confronto tra l’intelligenza artificiale e il suo nuovo film e come si incentra sulla nascita di una nuova tecnologia potenzialmente pericolosa. Parla in un post-proiezione del suo nuovo film a New York (via diversiLui dice:

“L’ascesa delle aziende negli ultimi 15 anni che associano parole come algoritmo – non sanno cosa significano con alcun tipo di significato matematico significativo – questi ragazzi non sanno cosa sia un algoritmo. Le persone nella mia azienda ne parlano, non vogliono assumersi la responsabilità di ciò che fa.” algoritmo.

Applicata all’intelligenza artificiale, questa è una prospettiva terrificante. terrificante. Anche perché i sistemi di intelligenza artificiale alla fine entreranno nelle infrastrutture di difesa. Saranno responsabili delle armi nucleari. Dire che questa è un’entità separata dalla persona che usa, programma e usa l’IA è condannato. Dovrebbe riguardare la responsabilità. Dobbiamo ritenere le persone responsabili di ciò che fanno con gli strumenti che hanno”.

Oppenheimer debutterà nei cinema il 21 luglio.

READ  Il cantautore Suspicious Mind Mark James muore a 83 anni - Entertainment News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *