Netflix allena l'Italia, Eddie Jones e il Sei Nazioni

Netflix allena l'Italia, Eddie Jones e il Sei Nazioni

Martedì 13 febbraio 2024 alle 19:01

Quando incontri l'ex vice allenatore dell'Italia Neil Barnes nel film drammatico Netflix del Six Nations Rugby Full Contact, la sua schiettezza ti intimidisce.

Quando incontri l'ex vice allenatore dell'Italia Neil Barnes nel film drammatico Netflix del Six Nations Rugby Full Contact, la sua schiettezza ti intimidisce.

“Per l'amor del cielo”, “Picchia quel bastardo” e “Dai la palla a Capo, come si chiama”. [Ange Capuozzo]“È troppo veloce” erano solo alcuni degli utili proverbi del neozelandese non italiano.

Ma a Barnes importa semplicemente troppo e, avendo lasciato l’Italia per tornare al rugby provinciale in casa nel 2023, non ha più alcun coinvolgimento nel calcio internazionale. È l'autenticità incarnata.

L'Italia è la vincitrice annuale del Sei Nazioni, avendo concluso 18 volte da quando ha aderito alla competizione annuale nel 2000.

Ma anche tutti li adorano; Hanno una stella in Capuozzo e una serie di interessanti prospettive in Michele Lamaro e Tommaso Minoncello. Trasudano classe in punti rari e rari.

Non per la fotocamera

“Quando lavoravo con i ragazzi con le telecamere, non stavo mettendo su uno spettacolo”, spiega Barnes. città io essere

“Se non sei onesto e sincero in quello che fai e dici, i giocatori se ne accorgeranno. Probabilmente hai ignorato il fatto che c'erano le telecamere.

“So che il mio linguaggio può essere un po' colorito a volte, quindi mi scuso per questo. Ma sono quello che sono.”

“Ho amato l'Italia, è stata una grande sfida e devo tanto tanto di cappello a Kieran [Crowley, then head coach] Perché il tuo lavoro come allenatore è far credere ai tuoi giocatori in quello che stai facendo.

READ  L'Algeria si impegna a rafforzare la cooperazione con l'Italia durante la visita presidenziale

“E quello che faceva l'Italia in passato non ha avuto successo. Cercavano di giocare un gioco basato sulla stessa percentuale di rugby di tutti gli altri. Ma bisogna capire i limiti. Hanno solo due squadre nell'URC, e in il passato erano in fondo al tavolo.

“Stai cercando di scegliere un Test Team e ti trovi di fronte a giocatori forti con molta esperienza. Quindi, quando prendi in considerazione tutte queste cose come parte del lavoro, siamo andati davvero là fuori e ci siamo convinti i giocatori che non potevamo continuare a fare la stessa cosa che avevamo sempre fatto e volevamo cambiare la loro mentalità.” .

Quest’anno l’Inghilterra ci è andata vicino

Mentalità italiana

Barnes parla a lungo a tarda notte a causa della differenza di fuso orario tra Londra e Taranaki sull'Isola del Nord della Nuova Zelanda. Ma le sue lamentele sulla burocrazia e sulla burocrazia si ripetono ancora e ancora. Nel documentario in otto parti, Barnes è visibilmente sconvolto dal licenziamento di Crawley da allenatore della nazionale azzurra, mentre i suoi compagni neozelandesi ora allenano in Giappone.

Afferma che al suo ex compagno di squadra non è stato concesso abbastanza tempo e cita il karma che ha colpito l'Australia per non aver sostenuto il suo ex allenatore Dave Rennie ai Mondiali quando invece hanno optato per l'allenatore anticonformista.
Eddie Jones.

“Mi innervosisco in ambienti professionali con alcuni capi che non capiscono cosa serve per avere successo”, aggiunge Barnes. “A volte ci vogliono due o tre anni per costruire qualcosa di veramente forte e ottenere i risultati che meriti.

“Sono molto felice di avere il vice-allenatore Marius Goossen [defence]E Andrea Moretti [forwards] Sono stati mantenuti dal nuovo regime perché sono sicuro che continueranno ciò che abbiamo già iniziato, il che, si spera, li vedrà ottenere più successo.

“Ma il mio problema più grande è quando non hai un numero sufficiente di giocatori con solo due squadre professionistiche, quindi una volta che perdi due giocatori di prima linea, sei sotto pressione.

“Sono rimasto deluso da Kieran che non lo hanno tenuto lì perché era una squadra molto giovane e mi piace pensare che il prossimo equipaggio che arriverà adesso otterrà dei risultati.

“Ma è quello che è. Guarda persone come Rennie e l'Australia, è stato ridicolo quello che è successo lì, ma hanno ottenuto ciò che si meritavano nella Coppa del Mondo”. [out in the pool stages]”.

Pubblicità

Psicologia delle Sei Nazioni

Barnes parla spesso di filosofia e mentalità, insistendo sul fatto che sono importanti per qualsiasi squadra di successo.
In Full Contact abbiamo visto come giocatori del calibro di Sepp Negri e Stephen Varney soffrissero di pressione psicologica in campo per vari motivi.

Ma è chiaro che l’attuale gruppo di appassionati giocatori azzurri sta sviluppando questa mentalità come gruppo, e la sconfitta per tre punti contro l’Inghilterra nel primo turno del Sei Nazioni lo ha dimostrato. A ciò è seguita una sconfitta per 36-0 contro l'Irlanda.

Quest'anno sono stati venduti più di 120.000 biglietti per le due partite casalinghe. L'intrattenimento sportivo è tornato nella terra dei gladiatori, in gran parte grazie alle basi gettate da Crawley e dal suo braccio destro Barnes, che ammette di non avere Netflix e si affida agli attuali giocatori di Taranaki per dirgli cosa succede. Fai il taglio.

“Volevamo fare un gioco che pensavo sarebbe piaciuto a tutti, dato che Irlanda e Francia sono simili sotto molti aspetti”, dice l'ex allevatore.

“Il pubblico italiano merita di essere intrattenuto e i giocatori meritano di poter giocare una partita in cui possano esprimersi piuttosto che limitarsi a cercare di battere o giocare a tennis.

“Mi dà fastidio. Ma perseguire le filosofie che ho imparato e insegnato è ciò che mi spinge ora. E ne sono felice.”

Ritorno in Nuova Zelanda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *