Missile giapponese H-2A pronto per il lancio con il satellite di navigazione – Spaceflight Now

Un razzo giapponese H-2A decolla verso la piattaforma di lancio al Tanegashima Space Center utilizzando il satellite QZS 1R. credito: MHI

Il Giappone lancerà lunedì un satellite sostitutivo per un veicolo spaziale di navigazione che è nello spazio dal 2010, rafforzando la rete GPS dell’esercito degli Stati Uniti per fornire servizi di posizionamento e cronometraggio più accurati nella regione Asia-Pacifico.

Il nuovo satellite si unirà al sistema satellitare giapponese Quasi-Zenith, o QZSS, aiutando a fornire agli utenti migliori stime della loro posizione, specialmente nelle città e nelle aree remote, dove grattacieli, alberi e montagne possono bloccare i segnali dai satelliti GPS.

Un razzo giapponese H-2A è pronto per dispiegare il nuovo satellite, chiamato QZS 1R o Michibiki 1R, per sostituire il primo veicolo spaziale Michibiki lanciato sul precedente volo H-2A nel settembre 2010. Il satellite QZS 1 è 10 anni più vecchio dell’originale stile di vita.

Il razzo H-2A da 174 piedi (53 metri) dovrebbe decollare dal Centro spaziale di Tanegashima nel sud-ovest del Giappone per aprire una finestra di 15 minuti alle 22:19:37 EDT lunedì (0219 GMT; 11:17) Martedì alle 19:00, ora solare del Giappone).

Il volo è stato ritardato di 24 ore a causa delle cattive previsioni del tempo per la prima opportunità di lancio della missione.

Le squadre giapponesi di Mitsubishi Heavy Industries, il principale appaltatore e operatore dell’H-2A, hanno fatto rotolare il missile dall’edificio di assemblaggio alla piattaforma di lancio circa 15 ore prima del decollo. Il volo di 1.600 piedi (500 m) su una piattaforma di lancio mobile ha richiesto circa 30 minuti per essere completato.

Una volta che il missile ha raggiunto la rampa di lancio, è stato collegato a sistemi di propulsione elettrici e terrestri, consentendo al team H-2A di iniziare a caricare idrogeno liquido e ossigeno liquido nei serbatoi del primo e del secondo stadio del lanciatore.

READ  Edmonton Oilers a Calgary Flames (19/02/2021)

Il QZS 1R, prodotto da Mitsubishi Electric Corp., pesa. , circa 4 tonnellate (4,4 tonnellate) completamente riempite di carburante sopra il missile H-2A.

L’H-2A è dotato di due cinghie di propulsione a razzo solido, che forniscono la maggior parte dei 1,4 milioni di libbre di spinta per spingere il lanciatore lontano dalla piattaforma.

Lo stadio principale del razzo è alimentato dal motore principale LE-7A raffreddato con combustibile a idrogeno e un altro motore di raffreddamento – LE-5B – è installato nel secondo stadio del razzo.

Dirigendosi a est dopo il decollo da Tanegashima, i booster del razzo alimentato a cintura consumeranno il loro propellente in circa due minuti prima di gettarli nell’Oceano Pacifico. Lo stadio primario, ricoperto da una coltre di schiuma isolante arancione, brucerà per sei minuti e mezzo.

Il motore LE-5B accenderà quindi uno stadio superiore per due manovre di iniezione del satellite QZS 1R in un’orbita di trasferimento ellittica a più di 22.000 miglia (circa 36.000 km) sopra la Terra. La navicella spaziale dovrebbe essere dispiegata circa 28 minuti dopo il decollo.

Il satellite QZS 1R durante i test pre-lancio. Credito: Ufficio di Gabinetto del Giappone

Progettata per 15 anni, la navicella utilizzerà il suo sistema di propulsione per raggiungere un’orbita geosincrona con un’altitudine media di circa 22.000 miglia. Il satellite QZS 1R si sistemerà in un’orbita operativa inclinata tra 40 e 45 gradi rispetto all’equatore, orbitando attorno al pianeta una volta ogni 24 ore.

La flotta di quattro satelliti di QZSS, completamente compatibile con il GPS, è posizionata in orbite vaganti sul Giappone. I satelliti GPS, gestiti dalla US Space Force, orbitano attorno alla Terra in orbite basse, il che significa che diversi veicoli spaziali sono visibili nel cielo in momenti diversi.

READ  L'eclissi lunare parziale sarà la più lunga dai tempi di Enrico VI

Visto contro la superficie terrestre, il percorso al suolo del satellite QZS 1R dovrebbe mappare uno schema ottagonale asimmetrico che si estende dal Giappone all’Australia mentre si alterna a nord ea sud dell’equatore. Tre dei satelliti attivi quasi azimutali sono posti in orbite geosincrone inclinate simili, e gli altri sono parcheggiati in un’orbita geostazionaria sopra l’equatore, rimanendo in una posizione fissa sopra il pianeta.

Come il satellite che sta sostituendo, QZS 1R sarà vicino al picco, o quasi, nel cielo giapponese per otto ore al giorno. Con una gamma completa di satelliti, la costellazione consente una copertura continua del Giappone.

Michibiki significa “guidare” o “mostrare la via” in giapponese.

Sono necessari quattro satelliti GPS per calcolare una posizione accurata sulla Terra, ma un satellite Michibiki che trasmette gli stessi segnali in banda L fornirà una stima del ricevitore se non ci sono abbastanza satelliti GPS visibili, oppure può aiutare a produrre un calcolo più accurato del posizione anche con un servizio GPS completo.

Il Giappone sta sviluppando tre satelliti di navigazione semi-picco per il lancio entro la fine del 2023. La flotta ampliata di sette veicoli spaziali fornirà al Giappone una copertura di navigazione completa sul territorio giapponese, indipendentemente da eventuali segnali GPS.

Invia una mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Tweet incorporato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *