Manifestazioni in Italia per la detenzione in Ungheria della presunta attivista Antifa Ilaria Salles

Manifestazioni in Italia per la detenzione in Ungheria della presunta attivista Antifa Ilaria Salles

La polizia ha respinto i manifestanti che sabato hanno tentato di marciare verso l'ambasciata ungherese a Roma, chiedendo il rilascio dell'attivista politica antifa Ilaria Salis, che è sotto processo in Ungheria.

Il palazzo della rappresentanza diplomatica è stato protetto dalle autorità italiane, che hanno chiuso le strade che vi conducono, impedendo l'accesso all'ambasciata. Quasi un centinaio di manifestanti di estrema sinistra hanno cercato di sfondare il cordone di polizia e lanciare fumogeni, ma la polizia li ha respinti.

La protesta è stata organizzata dai cosiddetti movimenti studenteschi anarchici. Si è tenuta un'altra marcia filo-palestinese e da ottobre questa marcia si ripete ogni sabato. Ma questa volta la manifestazione chiedeva anche il rilascio dell'attivista italiano di estrema sinistra detenuto in Ungheria.

Dall'Ungheria alla Palestina, tutti siano liberi! Lo striscione diceva: “Siamo tutti antifascisti! Uscite dalle carceri con tutti! Palestina libera!” Ha esultato.

Nel centro di Milano, circa 100 membri del movimento Sentinel (Guardia) hanno organizzato una manifestazione per chiedere il rilascio di una donna detenuta in Ungheria. I membri del gruppo giovanile estremista Revolta hanno occupato venerdì per due ore gli uffici del consolato onorario ungherese a Venezia e poi hanno continuato la loro protesta per le strade.

Lo ha detto intanto a Berlino il ministro della Cultura e dell'Innovazione Janos Schack

“Attaccare una persona o attaccare un’istituzione a causa della sua opinione non è compatibile con la cultura europea”.

L'edificio del Collegium Hungaricum a Berlino è stato verniciato con vernice spray durante l'attacco del 26 gennaio, commesso dal cosiddetto gruppo antifascista. Secondo la loro dichiarazione, l’attacco è il risultato di un procedimento penale ungherese iniziato alla fine di gennaio di quest’anno in connessione con gli attacchi ANTIFA del febbraio 2023 a Budapest.

READ  Il vaccino riscalda le cisti, ma non troppo. Cosa c'è di nuovo oggi?

Il ministro ha detto che la protezione dell'istituzione culturale è stata rafforzata.

Articoli Correlati

Il ministro degli Esteri italiano chiede una soluzione giuridica per il caso Ilaria Sales

Il ministro degli Esteri italiano chiede una soluzione giuridica per il caso Ilaria Sales

Ha affermato che attualmente sono detenuti all'estero più di 2.400 cittadini italiani. Continua a leggere

tramite MTI; Immagine in primo piano: Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *