L’onda più potente del mondo è stata registrata nell’Oceano Pacifico settentrionale

I ricercatori annunciano che un’onda sinistra di 17,6 metri – la più potente onda sinistra mai registrata – è stata misurata nelle acque al largo di Ucluelet, nella Columbia Britannica.

L’onda anomala, alta quanto un edificio di quattro piani, è stata registrata nel novembre 2020 dai sistemi di dati dei Marine Labs con sede a Victoria, nella Columbia Britannica. È oggetto di un rapporto scientifico del Dr. Johannes Jimreich e Leah Seccon, entrambi dell’Università di Victoria, pubblicato sulla rivista, Rapporti scientifici.

L’onda gigante misurava tre volte l’altezza dell’onda circostante. Le onde anomale sono onde che sono più del doppio delle altre onde che si verificano intorno a loro. Conosciute anche come freak o killer wave, la loro tendenza a manifestarsi inaspettatamente e con una forza tremenda le rende particolarmente pericolose e negli ultimi anni sono state regolarmente collegate alla crescente inondazione di fuoriuscite di scatole da molte navi portacontainer.

La prima onda anomala mai misurata si è verificata al largo delle coste della Norvegia nel 1995. Conosciuta come l’onda del Draubner, misurava 25,6 m in uno stato di mare con un’altezza d’onda di circa 12 m, il doppio dell’onda che si verificava intorno ad essa. L’onda registrata da MarineLabs a Ucluelet era di 17,6 metri in condizioni marine con un’altezza d’onda di circa 6 metri, quasi tre volte la dimensione delle onde circostanti.

“Relativamente parlando, è probabile che l’onda occulta sia l’onda anomala più estrema mai registrata”, ha detto Jimrich, che studia eventi di grandi onde lungo la costa della Columbia Britannica come parte del suo lavoro come fisico all’Università di Victoria. “Sono state osservate direttamente solo poche onde anomale in alto mare, e nessuna di questa entità. La probabilità che un tale evento si verifichi una volta ogni 1.300 anni”.

READ  Come gli astronauti celebrano il Natale e altre festività nello spazio

L’onda da record di Ucluelet è stata registrata da una delle boe sensoriali di MarineLabs dispiegate presso l’Amphitrite Bank, a circa 7 chilometri dalla spiaggia di Ucluelet.

“L’imprevedibilità delle onde anomale e la forza assoluta di queste pareti d’acqua possono renderle estremamente pericolose per le operazioni offshore e per il pubblico”, ha affermato il dott. Scott Petty, CEO di Marine Labs. “La prevedibilità delle onde anomale rimane una questione aperta, ma i nostri dati aiutano a capire meglio quando, dove e come si formano le onde anomale e i rischi che comportano”.

Gli inverni successivi nel Pacifico settentrionale hanno visto molti incidenti di fuoriuscite di scatole, in particolare un punto (Nella foto), che ha perso fino a 200 milioni di dollari in container alla fine del 2020. Gli esperti meteorologici stanno monitorando un puntoIl percorso della nave indica che la cellula temporalesca che ha colpito potrebbe aver visto la nave colpita da onde fino a 16 metri.

Si stima che un’onda su 10.000 sia un’onda malvagia, ma sebbene sia stata oggetto di folklore marino per secoli, è stata registrata ufficialmente per la prima volta negli anni ’90.

Uno studio del 2019 che ha esaminato due decenni di dati sulle onde del National Oceanographic Center del Regno Unito e dell’Università di Southampton ha rilevato che l’altezza delle onde anomale aumentava dell’1% di anno in anno.

I ricercatori hanno anche scoperto che le onde anomale variavano nel corso delle stagioni, diventando “feroci” in inverno, cioè in termini di altezza relativa dell’onda anomala rispetto alle onde di fondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.