L'oceano gigante si trova a 700 chilometri sotto la superficie terrestre. La scoperta scientifica si diffonde rapidamente

L'oceano gigante si trova a 700 chilometri sotto la superficie terrestre.  La scoperta scientifica si diffonde rapidamente

Il serbatoio è stato scoperto a una profondità di 700 chilometri sotto la superficie terrestre.

Alcune scoperte e risultati scientifici hanno affascinato il mondo. Da un enorme buco nero a un reattore a fusione nucleare in Corea del Sud che raggiunge la temperatura più calda mai vista, queste incredibili scoperte hanno lasciato a bocca aperta le nostre giovani menti. E ora, c'è un'altra notizia scientifica che sta guadagnando terreno sui social media: riguarda un enorme oceano che si nasconde sotto la crosta terrestre. L'acqua è immagazzinata 700 chilometri sotto la superficie terrestre in una roccia conosciuta come ringwoodite. Questa falda acquifera è tre volte più grande di tutti gli oceani del pianeta messi insieme.

I risultati sono stati presentati in dettaglio in un articolo scientifico del 2014 intitolato “Disidratazione di fusione nella parte superiore del mantello inferiore”. Ha anche messo in mostra le proprietà uniche della ringwoodite.

“La Ringwoodite è come una spugna, assorbe l’acqua”, ha detto alla conferenza il geofisico Steve Jacobsen, membro chiave del team di scoperta.“C’è qualcosa di molto speciale nella struttura cristallina della ringwoodite che le consente di attrarre l’idrogeno e intrappolare l’acqua. ” tempo.

Ha aggiunto: “Penso che stiamo finalmente vedendo le prove di un ciclo completo dell'acqua della Terra, che potrebbe aiutare a spiegare l'enorme quantità di acqua liquida sulla superficie abitabile del nostro pianeta. Gli scienziati hanno cercato quest'acqua profonda perduta per decenni.” Egli ha detto.

I ricercatori hanno fatto questa scoperta dopo aver studiato i terremoti e aver scoperto che i sismografi captano le onde d'urto sotto la superficie terrestre.

“L'elevata capacità di stoccaggio dell'acqua dei minerali nella zona di transizione del mantello terrestre (da 410 a 660 km di profondità) suggerisce la possibilità di un profondo serbatoio d'acqua, che potrebbe causare la fusione per disidratazione del mantello che scorre verticalmente. Abbiamo studiato gli effetti della subsidenza dalla transizione”, hanno detto gli scienziati. “La regione del mantello inferiore attraverso esperimenti di laboratorio ad alta pressione, modellazione numerica e conversioni sismiche da P a S.”

READ  2 Gli scienziati sostengono che il Sole è in parte più piccolo di quanto pensassimo

Hanno anche trovato fusione intergranulare nella zona di transizione. “Questi risultati indicano la bagnatura di un’ampia area della zona di transizione e che la fusione per disidratazione potrebbe servire a intrappolare l’H2O nella zona di transizione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *