Lo studio esamina l’ultimo giorno dei dinosauri

Upsala: I dinosauri si sono estinti più di 65 milioni di anni fa, tuttavia, rimangono dubbi su come creature così massicce si sono estinte da non lasciare traccia di loro ora. Gli scienziati hanno pensato e ricercato questo per anni. Ora, un team internazionale di ricercatori ha scoperto che l’asteroide che ha ucciso quasi tutti i dinosauri ha colpito la Terra durante la primavera.

Questa conclusione è stata fatta da loro dopo aver esaminato sezioni sottili, scansioni a raggi X ad alta risoluzione e registrazioni di isotopi di carbonio di lische di pesce morte meno di 60 minuti dopo l’impatto dell’asteroide. Il team ha presentato i risultati sulla rivista Nature.

I ricercatori dell’Università di Uppsala in Svezia, della Frei University (VU) di Amsterdam, della Vree University di Bruxelles (VUB) e dell’European Synchrotron Radiation Facility (ESRF) in Francia si sono rivolti alla regione unica di Tanis nel Nord Dakota (USA) per trovare pesci spatola e storione Un fossile che fu vittima diretta del cosiddetto impatto della meteora Chicxulub che segnò anche l’ultimo giorno dei dinosauri. L’impatto ha scosso la placca continentale e ha causato enormi onde stazionarie nei corpi idrici. Questi accumularono enormi quantità di sedimenti che inghiottirono i pesci e li seppellirono vivi mentre le sfere d’impatto piovevano dal cielo, meno di un’ora dopo la collisione.

I pesci fossili nei sedimenti dell’evento Tanis sono stati perfettamente conservati e le loro ossa non mostrano quasi segni di alterazione geochimica. I dati dei raggi X di sincrotrone, resi disponibili per essere esplorati da chiunque, confermano che i globuli d’urto filtrati sono ancora bloccati nelle loro narici. Anche i tessuti molli sono stati preservati!

READ  Gli astronomi hanno scoperto un eccesso di litio nell'atmosfera della nana bianca sporca

Le ossa di pesci selezionati sono state studiate per ricostruire l’ultima stagione del Cretaceo. “Queste ossa hanno registrato una crescita stagionale molto simile a quella degli alberi”, ha affermato Sophie Sanchez dell’Università di Uppsala e dell’ESRF.

“Gli episodi di crescita recuperati non solo hanno raccontato la storia della vita dei pesci, ma hanno anche registrato le stagioni più recenti del periodo Cretaceo, e quindi la stagione in cui si è verificata la catastrofica estinzione”, ha affermato l’autore senior Jeron van der Loeb di VU ad Amsterdam.

Un’ulteriore linea di prova è stata fornita dalla distribuzione, dalle forme e dalle dimensioni degli osteoclasti, che sono anche noti per fluttuare con le stagioni. “In tutti i pesci studiati, la densità e il volume delle cellule ossee possono essere tracciati per diversi anni. Dennis Foyten dell’Università di Uppsala ha dichiarato:

Uno dei pesci spatola studiati è stato sottoposto a un’analisi dell’isotopo del carbonio stabile per rivelare il suo schema di alimentazione annuale. La disponibilità di zooplancton, la loro preda preferita, ha oscillato stagionalmente e ha raggiunto il picco tra la primavera e l’estate.

“Questo aumento temporaneo dello zooplancton ingerito ha arricchito lo scheletro del predatore con l’isotopo di carbonio a 13°C più pesante rispetto all’isotopo più leggero a 12°C”, ha spiegato Susan Verdigal-Warmerdam della VU Amsterdam. “Il segnale dell’isotopo di carbonio attraverso il record di crescita dello sfortunato pesce spatola conferma che la stagione dell’alimentazione non ha ancora raggiunto il suo picco: la morte è arrivata in primavera”, conclude Melanie Dhak dell’Università di Uppsala e della VU Amsterdam e autrice principale della pubblicazione.

L’estinzione di massa alla fine del Cretaceo rappresentò una delle estinzioni più selettive nella storia della vita che vide la scomparsa di tutti i dinosauri non aviari, pterosauri, ammoniti e la maggior parte dei rettili marini, mentre sopravvissero mammiferi, uccelli, coccodrilli e tartarughe . Poiché ora sappiamo che l’estinzione deve essere iniziata improvvisamente durante la primavera nell’emisfero settentrionale, può essere più facile capire che questo evento si è verificato durante le fasi della vita particolarmente sensibili degli ultimi organismi del Cretaceo, compreso l’inizio dei cicli riproduttivi. E poiché l’autunno dell’emisfero australe coincide con la primavera nell’emisfero settentrionale, i preparativi per l’inverno potrebbero essere solo le creature riparate dell’emisfero australe.

READ  4 usi e benefici dell'olio di zenzero a cui potresti non aver pensato

Melanie Durn ha concluso: “Questa scoperta cruciale aiuterà a rivelare perché la maggior parte dei dinosauri è morta mentre gli uccelli e i primi mammiferi sono riusciti a sfuggire all’estinzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.