L’Italia onora il Direttore Generale dell’Opera e del Balletto Turco

Ankara

Murat Karahan, tenore e direttore generale dell’Opera e del Balletto Turco (DOB), è stato insignito dell’Ordine della Stella d’Italia.

class=”cf”>

La cerimonia di consegna del premio si è svolta presso l’Ambasciata d’Italia ad Ankara. L’Ambasciatore italiano ad Ankara Massimo Gayani ha affermato che Karahan è un artista di fama mondiale ed è seguito con grande ammirazione in Italia.

Notando che Karahan ha creato un ponte culturale tra la Turchia e l’Italia, Gayani ha affermato: “Karahan è il miglior ambasciatore italiano in Turchia e il miglior ambasciatore turco in Italia”.

Durante il suo discorso in italiano e turco, Karhan ha espresso l’onore che provava per aver ricevuto la medaglia.

Karahan ha osservato che esistono relazioni radicate tra Turchia e Italia e che ci sono somiglianze tra i popoli dei paesi fratelli dai caratteri allo stile di vita e alle caratteristiche materiali della cucina, e ha affermato che i rapporti nel campo della cultura e dell’arte sono sempre avanzati con grande forza.

“Dalle relazioni diplomatiche tra l’Italia e l’Impero ottomano risalenti al 1856 a questa posizione speciale che continua ancora oggi, è anche motivo della mia felicità poter contribuire al campo dell’opera, che è il mio campo professionale”. Lei disse.

Carahan ha affermato che il suo rapporto professionale con l’Italia, iniziato come studente nel 2009, si è esteso a ruoli di primo piano in spettacoli d’opera in diverse città italiane.

class=”cf”>

“Gli articoli che completano la stampa italiana dopo gli spettacoli sono i motori che aumentano la motivazione. Prima dell’Arena di Verona 2019 in particolare, l’intervista a tutta pagina ‘Leaving Italy’ su La Repubblica occupa un posto speciale. Dopo la pandemia, ha preso il ruolo Il protagonista nell’opera Cavalleria Rusticana, la performance di apertura del festival stesso, è sicuramente tra i miei ricordi più indimenticabili.”

READ  Foto: Gelateria Toscana completata e inaugurata oggi nel Padiglione Italia a EPCOT

“Accetto questo premio speciale come simbolo tangibile di radicata comunicazione, cooperazione culturale e amicizia tra i due Paesi. Mi inchino rispettosamente alla presenza spirituale del grande [Mustafa Kemal] Atatürk. Voglio ringraziarvi ancora con l’augurio di poter stare insieme in tempi pieni d’arte”.

Dopo che Gaiani ha presentato un cavalierato dalla Stella d’Italia, Karahan ha eseguito una canzone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *