L’Italia cerca di incontrare Slovenia e Croazia sulla migrazione della “Rotta Balcanica”.

L’Italia cerca di incontrare Slovenia e Croazia sulla migrazione della “Rotta Balcanica”.


Fiume, Croazia. Dall’ottobre 2022, il numero di migranti in arrivo varia da cento a 200 persone al giorno.

Poiché il numero di migranti che arrivano a Fiume, in Croazia, vicino al confine sloveno e italiano, è salito a circa 200 al giorno, l’Italia ha convocato un trio di italiani, sloveni e croati per incontrarsi a Roma per discutere i modi per rafforzare i controlli alle frontiere.

Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajanion ha annunciato venerdì che terrà un incontro “a Roma nelle prossime settimane con Slovenia e Croazia per trovare una forma di collaborazione in materia [migrants’] La via balcanica.

L’annuncio è arrivato dopo un incontro a Lubiana tra il ministro italiano e la sua controparte slovena, Tanja Vagon, dove i due hanno discusso di immigrazione.

L’Italia parla da mesi di una “riunione ad alto livello” sulla cosiddetta “rotta balcanica” per la migrazione per affrontare una questione che il governo di destra di Roma ha dato priorità senza successo da quando è salito al potere dopo le elezioni del settembre 2022.

Prima dell’incontro, fonti che citano l’agenzia di stampa slovena STA hanno indicato che pattuglie congiunte della polizia slovena, croata e italiana erano state prese in considerazione tra le opzioni per migliorare il controllo delle frontiere.

“Stiamo cercando modi per Italia, Slovenia e Croazia per garantire congiuntamente i confini esterni di Schengen”, ha detto Vagon a Tajani. La Croazia è entrata a far parte dell’area Schengen senza passaporto a gennaio.

Jordana Brkić Zagar, portavoce della città di Fiume, ha dichiarato a BIRN che la città fornisce cibo e altre forme di assistenza a un massimo di 200 arrivi al giorno.

READ  La grande annata di Djokovic

Dal 25 ottobre 2022 la Città di Fiume ha finanziato la preparazione e la distribuzione di 200 pasti al giorno per gli immigrati e dal 1 marzo 2023 la Caritas, la Diocesi di Fiume, ha assunto il finanziamento dei pasti. Ha spiegato che l’area in cui risiedono i migranti viene pulita regolarmente ed è stata allestita una stazione sanitaria dove i migranti possono fare la doccia e cambiarsi i vestiti.

Circa 20.046 migranti sono arrivati ​​in barca in Italia finora quest’anno, un numero record, che mette il paese sulla buona strada per superare il massimo storico di arrivi nel 2016, quando 181.436 persone sono arrivate in Italia in barca, riferisce Reuters. Secondo dati non ufficiali delle Nazioni Unite, 12.000 salparono dalla Tunisia.

Almeno 86 migranti sono annegati nel sud Italia alla fine del mese scorso, creando un gioco per incolpare chi era responsabile.

L’agenzia per le frontiere esterne del blocco, Frontex, ha riferito che la rotta dei Balcani occidentali è stata, nel 2022, l’attraversamento illegale delle frontiere verso l’UE più utilizzato. Ha affermato che la forza ha registrato 145.000 attraversamenti illegali attraverso i Balcani occidentali, in aumento del 136% rispetto all’anno precedente e il numero più alto registrato dal 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *