L’Irlanda batte l’Italia innovativa e atletica in cima alla lista

L’Irlanda batte l’Italia innovativa e atletica in cima alla lista

L’irlandese Bondi Ake ha segnato la terza meta dell’Irlanda contro l’italiano Stephen Varney sabato allo Stadio Olimpico di Roma. Informazioni/Billy Stickland

Italia 20; Irlanda 34

Se giochi abbastanza con il fuoco, finirai sicuramente per scottarti. Il Ct dell’Irlanda Andy Farrell deve ricordare quel vecchio adagio in quanto squadra di molti cambiamenti, sette in tutto, è stato inchiodato al bavero prima di contare una squadra italiana vivace, creativa e atletica a Roma sabato pomeriggio.

Con la Scozia in trasferta e l’Inghilterra in casa che si profila all’orizzonte, è imperativo che l’Irlanda schieri la sua top 15 di riserva se vuole firmare nella prima parte del 23 con un cartello “missione compiuta” appeso alla maniglia.

Iscriviti alla newsletter irlandese

Iscriviti oggi per ricevere le ultime notizie e visualizzazioni quotidiane dall’America irlandese.

Sì, alla fine abbiamo ottenuto cinque mete, ottenuto il punto bonus e ottenuto un’altra vittoria in trasferta, ma non eravamo così dominanti o coesi come unità come lo eravamo stati nelle vittorie su Francia e Galles nei turni precedenti.

Anche gli infortuni sembrano aumentare, e con Tagg Byrne già escluso per il resto della stagione del Sei Nazioni, sabato Finley Pelham ha lasciato il campo con quello che sembrava essere un infortunio al ginocchio a lungo termine. Se Tadgh Furlong dovesse tornare in squadra, sarebbe una soluzione, ma se gli manca ancora la forma fisica, esamineremo una quarta scelta ravvicinata per sostenere l’eccellente Tom O’Toole per la partita con la Scozia. .

Quindi eccoci qui. Tuttavia, è un bel posto dove stare, non è vero, essere in cima alla classifica e vincere nonostante non si giochi bene o con una squadra al completo. Fino a poco tempo fa, una qualsiasi di queste situazioni poteva significare un disastro per la squadra di rugby irlandese, ma ora non più. Abbiamo finito con il punto bonus ei nostri sogni intatti per almeno altri 10 giorni circa. Tuttavia, guardando la Scozia giocare bene a Parigi anche se sconfitta, non c’è dubbio che dovremo essere a tutto vapore e al meglio per vincere a Murrayfield sabato.

READ  Il video elegante mostra che la leggenda dell'Italia era "immune alle pressioni"

Sappiamo da molto tempo quanto sia importante Johnny Sexton per la squadra. Sabato abbiamo anche appreso che Garry Ringrose è cruciale a centrocampo poiché il mix di Bundee Aki e Stuart McCluskey di sabato era troppo simile ai canali 12 e 13 per gestire senza intoppi come fa l’uomo del Leinster settimana dopo settimana. Aki porta forza fisica e muscoli e sa dove provare la linea ma non è abile e non legge le giocate avversarie come Ringrose.

Ross Byrne ha fatto un’ottima prova ed è apparso bene, ma Craig Casey è stato troppo prevedibile, permettendo alla difesa italiana di inserire la palla troppo spesso mentre il numero 10 la raccoglieva.

Nonostante tutto questo, l’Irlanda ha mantenuto la sua posizione in un primo quarto pieno di invenzioni per ottenere il proprio punto bonus al 34 ° minuto della partita grazie alle mete dei capitani James Ryan, Hugo Keenan, Akie e McHansen. A quel punto era finita fino a quando Aki ha dato una meta ai nostri avversari solo da Pierre Bruno prima del fischio dell’intervallo per rimetterli in campo.

Farrell deve essersi arrabbiato per quell’errore perché l’Italia era brava come pensavamo e la partita era nel crogiolo nel terzo quarto quando c’erano solo quattro punti tra le due squadre. L’Irlanda ha dovuto prendere l’opzione prudente di calciare Byrne dal dischetto per riportare il proprio vantaggio a sette prima che Hansen segnasse la sua seconda meta dopo il cambio che Connor Murray ha collegato brillantemente dopo aver rotto la linea per la vittoria a 10 minuti dalla fine.

Farrell è rimasto frustrato dalla performance, anche consentendo il numero di modifiche. Si è lamentato del numero di occasioni da meta che la squadra si era lasciata alle spalle e della debolezza del loro gioco. “Immagino che la cosa positiva siano le occasioni che abbiamo creato, ma la cosa negativa è che non le abbiamo sfruttate tutte di nuovo. Cos’è stato? Quattro o cinque tentativi li abbiamo lasciati lì? Ma tutto il merito va all’Italia, quella è stata una vera Partita di prova, è stata dura. Sono una squadra decente”. E tutti possono vedere i loro progressi, ma quando sei qui e quando lo affronti”.

READ  Studia all'estero a Firenze, in Italia, attraverso il Pasadena City College - Pasadena Now

Riferendosi agli italiani, ha proseguito: “Erano forti, erano flessibili, in attacco non ci davano assolutamente nulla e in difesa della loro linea erano molto fisici. Poi ovviamente in attacco ogni tanto ci tagliavano. Complimenti a loro , Ho pensato che fosse fantastico oggi. Li abbiamo lasciati entrare in partita a causa della mancanza di disciplina a volte e non abbiamo controllato il gioco come avremmo dovuto.

“Ma il rugby di prova non va sempre per la tua strada ma abbiamo trovato un modo, anche se abbiamo fatto quattro o cinque tentativi, abbiamo trovato un modo ed è bello vincere il punto bonus fuori casa ,” Ha aggiunto. .

Irlanda: Hugo Keenan; James Lowe, Bondi Aki, Stuart McCluskey, Mac Hansen; Ross Byrne e Craig Casey; Andrew Porter, Ronan Kelleher, Finlay Pelham; Ian Henderson, James Ryan (Capitano); Kaylan Doris, Josh Van Der Vlière, Jack Coonan. Sostituti: Dan Sheehan, Dave Kilcoyne, Tom O’Toole, Ryan Bird, Peter O’Mahony, Connor Murray, Jack Crawley, Jamie O’Brien.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *