L’Iran convoca gli inviati russi sulla dichiarazione con il Consiglio di cooperazione del Golfo sulle isole | Notizie di politica

L’Iran convoca gli inviati russi sulla dichiarazione con il Consiglio di cooperazione del Golfo sulle isole |  Notizie di politica

Come la Cina ha fatto a dicembre, la Russia ha firmato una dichiarazione con i paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo, contestando la proprietà dell’Iran di tre isole.

Teheran, Iran – Il ministero degli Esteri iraniano ha convocato l’ambasciatore russo a Teheran per il sostegno di Mosca alla rivendicazione degli Emirati Arabi Uniti su tre isole contese in una dichiarazione congiunta con il Consiglio di cooperazione del Golfo.

Il ministero degli Esteri iraniano ha dichiarato mercoledì che l’Iran ha protestato contro la sfida alla sua proprietà delle isole nel Golfo Persico e ha chiesto alla Russia di “correggere la sua posizione” sulla questione.

Il ministero ha affermato che l’inviato russo ha sottolineato il rispetto della Russia per l’integrità territoriale dell’Iran e ha promesso di trasmettere il messaggio di protesta a Mosca.

Martedì, il portavoce del ministero degli Esteri Nasser Kanani ha respinto la dichiarazione riguardante le isole, dicendo: “Queste isole appartengono all’Iran in modo permanente e il rilascio di tali dichiarazioni contraddice le relazioni amichevoli dell’Iran con i suoi vicini”.

Nella dichiarazione rilasciata dalla Russia e dai paesi del CCG dopo la riunione del dialogo strategico congiunto di lunedì a Mosca, è stata contestata la proprietà iraniana di Greater Tunb, Lesser Tunb e Abu Musa.

La Russia e i Paesi arabi hanno affermato di sostenere “tutti gli sforzi pacifici, compresa l’iniziativa degli Emirati Arabi Uniti e i suoi sforzi per raggiungere una soluzione pacifica” alla questione “attraverso negoziati bilaterali o la Corte internazionale di giustizia, in conformità con le norme del diritto internazionale e il Carta delle Nazioni Unite”.

Le tre isole nello Stretto di Hormuz sono sotto il controllo iraniano dal 1971, ma gli Emirati Arabi Uniti le rivendicano come parte del proprio territorio.

READ  Le evacuazioni dall'Afghanistan prendono slancio mentre i talebani promettono la pace

L’allora Shah dell’Iran inviò la Royal Navy nelle tre isole nel 1971 dopo che gli inglesi ritirarono le loro forze armate da quelli che oggi sono gli Emirati Arabi Uniti. Da allora i leader degli Emirati hanno affermato che le isole appartengono a loro, con il sostegno di altri stati arabi.

L’Iran ha respinto queste chiamate, rifiutando qualsiasi negoziato.

Intervenendo mercoledì dopo una riunione di gabinetto, Mohammad Dehghan, vicepresidente iraniano per gli affari legali, ha respinto le affermazioni degli Emirati Arabi Uniti, affermando che tutti i documenti precedenti indicavano l’indiscutibile proprietà iraniana delle isole.

“Alcuni governanti della regione stanno cercando di falsificare documenti e corrompere un certo numero di esperti legali internazionali, il che non ha alcun valore legale. I vecchi documenti su questo tema sono chiari e poiché la base del nostro movimento è legale, non abbiamo dubbi al riguardo ”, ha detto ai giornalisti.

Il richiamo dell’ambasciatore russo è considerato importante, poiché Teheran e Mosca stanno convergendo politicamente, economicamente e militarmente, soprattutto dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina lo scorso anno.

L’Iran ha recentemente convocato l’inviato cinese dopo che il presidente Xi Jinping ha firmato a dicembre una dichiarazione congiunta con gli stati del Consiglio di cooperazione del Golfo a sostegno del diritto degli Emirati Arabi Uniti a perseguire la proprietà delle isole a livello internazionale.

Xi ha ospitato il presidente iraniano Ebrahim Raisi a Pechino un mese dopo, durante il quale le due parti hanno firmato una serie di accordi e sostenuto il miglioramento delle relazioni bilaterali.

La Cina ha mediato un accordo tra Iran e Arabia Saudita a marzo, che ha portato al ripristino delle relazioni diplomatiche dopo sette anni ed è stato accompagnato da una raffica di attività diplomatiche in tutta la regione.

READ  Arresto del leader del partito di opposizione pakistano Shah Mehmood Qureshi

Nella loro dichiarazione, la Russia ei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo hanno sostenuto l’accordo, esprimendo la speranza che costituisca “un passo positivo per risolvere le divergenze e porre fine a tutte le controversie regionali attraverso il dialogo e mezzi diplomatici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *