L’influenza aviaria chiude le strutture pubbliche del Vancouver Island Wildlife Rescue Center

(Centro di salvataggio della fauna selvatica MARS)

L’influenza aviaria ha raggiunto l’isola di Vancouver, spingendo un centro di salvataggio della fauna selvatica locale a chiudere al pubblico per rallentare la diffusione del virus.

Il Mountaineer Bird Rescue Center (MARS) di Merville chiuderà temporaneamente il suo centro visitatori e il negozio di articoli da regalo a partire da lunedì, dopo che un caso del virus H5N1 altamente patogeno è stato confermato nella Comox Valley.

Il direttore della MARS Wildlife Rehabilitation, Jill Anderson, afferma che è stata una decisione difficile che è venuta in mezzo al personale che ha mantenuto il benessere degli uccelli residenti, tra cui aquile, gufi e corvi, così come i pazienti della fauna selvatica, al primo posto nelle loro preoccupazioni.

“Ci auguriamo che questa misura precauzionale aggiuntiva aiuti a ridurre il rischio di trasmissione del virus al sito”, ha scritto Andersen in una nota.

Mercoledì scorso l’Agenzia canadese di ispezione alimentare Ha confermato che un piccolo gregge di pollame nella valle Risultato positivo all’influenza aviaria.

Ciò porta il numero totale di piccoli stormi o cortili nella Columbia Britannica a contrarre il virus a sette, probabilmente attraverso il contatto con uccelli selvatici migratori infetti.

Da aprile, gli allevamenti sono risultati positivi all’influenza aviaria a Kelowna, Richmond, Armstrong e nel centro di Kotnaise.

Ma la chiusura di MARS significa che il centro sta perdendo le donazioni tanto necessarie da parte del pubblico, secondo Andersen.

“Il Wildlife Hospital rimane aperto, ma la chiusura temporanea del nostro centro visitatori ridurrà significativamente i nostri fondi nel momento in cui è più necessario”, ha affermato.

“È la stagione delle nascite di marzo ed è iniziato l’afflusso di uccelli, procioni e altri piccoli mammiferi feriti e orfani”.

READ  NASA e USGS rilasciano le prime immagini di Landsat 9

Andersen afferma che le maggiori spese per MARS sono cibo e forniture per l’asilo nido in questo periodo dell’anno, ma con l’influenza aviaria ora nel mix, anche dispositivi di protezione individuale e prodotti per la pulizia aggiuntivi sono essenziali.

“Speriamo di poter aprire presto il nostro centro visitatori al pubblico, ma nel frattempo chiediamo aiuto ai nostri sostenitori!” Andersen ha aggiunto.

Il personale MARS chiede a chiunque possa donare al fondo per il benessere degli animali del centro di visitare il loro sito sito webrilevando qualsiasi contributo “molto apprezzato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.