L’importazione di un cane rabbioso negli Stati Uniti innesca un’indagine in più paesi multi




FILE – In questo lunedì 22 aprile 2019, foto di file, un aereo sorvola la South Air Traffic Control Tower all’aeroporto internazionale O’Hare di Chicago. Un cane rabbioso importato negli Stati Uniti il ​​10 giugno 2021 ha scatenato un’indagine multistatale sulla salute pubblica. Funzionari sanitari affermano che un gruppo internazionale di animali di soccorso ha trasportato 33 cani e un gatto dall’Azerbaigian a Uhair. (Foto AP/Kiichiro Sato, file)

New York (AFP) – Un cane rabbioso importato negli Stati Uniti questo mese ha scatenato un’indagine sulla salute pubblica in diversi stati.

Funzionari sanitari affermano che un cane portato negli Stati Uniti dall’Azerbaigian e che è finito con una famiglia nella contea di Chester, in Pennsylvania, ha iniziato a comportarsi in modo strano. In seguito è stato testato per la rabbia e soppresso. Almeno 12 persone sono state esposte all’animale.

Il cane era uno dei 34 animali – 33 cani e un gatto – importati da Animal Rescue dall’Azerbaigian all’aeroporto internazionale O’Hare di Chicago il 10 giugno.

Gli animali non erano nella cabina principale o nel terminal principale dell’aeroporto. I viaggiatori attraverso O’Hare non sono considerati a rischio, ma i funzionari sanitari stanno controllando se altri animali nella spedizione sono stati infettati e stanno ancora rintracciando nuovi proprietari di animali domestici.

La rabbia non circola più regolarmente tra i cani negli Stati Uniti, ma gli animali importati sono considerati a rischio di riemergere della malattia.

Le agenzie federali stanno lavorando alle indagini con funzionari sanitari in Pennsylvania, Illinois, Indiana, New Jersey e New York.

L’incidente segna il quarto cane antirabbico ad essere importato negli Stati Uniti dal 2015. I tre precedenti erano cani da salvataggio arrivati ​​con certificati di vaccinazione antirabbica che in seguito si sono rivelati fraudolenti.

Questa settimana, il CDC ha annunciato che, a partire dal 14 luglio, imporrà divieti di un anno ai cani provenienti da più di 100 paesi, incluso l’Azerbaigian, dove la rabbia rimane un problema. Il divieto è stato imposto a causa dell’elevato numero di cuccioli a cui è stato negato l’ingresso perché non abbastanza grandi per essere completamente vaccinati.


Il Dipartimento della salute e della scienza dell’Associated Press riceve il sostegno della Divisione di educazione scientifica dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

READ  La missione di perseveranza della NASA è fantastica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *