L’Etiopia espelle 7 funzionari delle Nazioni Unite per le pressioni sul blocco del Tigray

L’Etiopia ha annunciato giovedì di aver espulso sette funzionari delle Nazioni Unite accusati di “interferire” negli affari interni del paese, mentre la pressione sul governo etiope aumentava per il suo mortale blocco della regione del Tigray.

Le espulsioni sono la mossa più drammatica del governo per limitare l’accesso umanitario alla regione di sei milioni di persone dopo quasi un anno di guerra. Le Nazioni Unite sono diventate sempre più esplicite poiché il flusso di forniture mediche, cibo e carburante si è praticamente fermato.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è detto “scioccato” dall’annuncio e ha espresso la sua “piena fiducia” nel personale delle Nazioni Unite, dicendo che sono guidati da imparzialità e neutralità.

Guterres ha dichiarato in una dichiarazione che le Nazioni Unite stanno contattando il governo dell’Etiopia “nella speranza di consentire al personale competente delle Nazioni Unite di continuare il loro importante lavoro”.

Il governo etiope ha accusato gli operatori umanitari di sostenere le forze del Tigray, i cui soldati e le forze alleate combattono da novembre. Gli operatori umanitari lo hanno negato.

Migliaia di persone sono morte nel conflitto, che ha visto stupri di massa, espulsioni di massa e distruzione di centri sanitari, con testimoni oculari che spesso accusano i soldati etiopi e le persone nella vicina Eritrea.

La peggiore crisi della fame in un decennio

Questa settimana, il funzionario umanitario delle Nazioni Unite, Martin Griffiths, ha dichiarato all’Associated Press che la crisi in Etiopia è una “macchia sulla nostra coscienza” poiché i bambini e altri muoiono di fame nel Tigray sotto quello che l’ONU descrive come un blocco del governo de facto. Ha detto che solo il 10 per cento delle forniture umanitarie necessarie ha raggiunto il Tigray nelle ultime settimane.

READ  La data per il vertice del GCC del 2020: il vertice del GCC il 5 gennaio a Riyadh; Salman Raja - Il re dell'Arabia Saudita invita i leader del Golfo a partecipare al vertice del Consiglio di cooperazione del Golfo che si terrà a Riyadh il 5 gennaio

I commenti rappresentano una delle critiche più aspre contro la peggiore crisi della fame del mondo in un decennio. I ricordi della carestia degli anni ’80 in Etiopia, che ha ucciso quasi un milione di persone e prodotto immagini che hanno scioccato il mondo, sono ancora freschi nella sua mente, ha detto Griffiths, “e speriamo vivamente che ciò non accada per il momento”.

L’Associated Press, citando testimonianze e documenti interni, ha riportato la scorsa settimana i primi morti per fame da quando il governo etiope ha imposto il blocco a giugno nel tentativo di impedire che il sostegno raggiungesse le forze del Tigray.

Una dichiarazione rilasciata dal ministero degli Esteri etiope afferma che i sette funzionari delle Nazioni Unite devono lasciare il Paese entro 72 ore. La portavoce del Dipartimento di Stato Dina Al-Mufti non ha risposto immediatamente a una richiesta di dettagli sulla loro presunta interferenza.

A marzo, una donna tiene in braccio un neonato mentre fa la fila per il cibo alla scuola elementare Tsehye, che è stata trasformata in un rifugio temporaneo per le persone sfollate a causa del conflitto, nella città di Shire, nella regione del Tigray in Etiopia. (Baz Ratner/Reuters)

Tra gli espulsi ci sono cinque con l’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite, tra cui il vice coordinatore Grant Leyte, uno dell’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite e la rappresentante dell’UNICEF nel paese, Adele Khader. Un portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari e alcune delle persone espulse non hanno immediatamente commentato.

I risultati di un’indagine congiunta sulla guerra condotta dall’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite e dalla Commissione etiope per i diritti umani istituita dal governo – un processo raro che ha suscitato preoccupazione e critiche – saranno resi noti il ​​1° novembre. Non è stato subito chiaro se l’indagine sarebbe stata influenzata dall’espulsione del membro delle Nazioni Unite della squadra congiunta, Sonny Onigbula.

Gruppi di aiuto accusati di diffondere “disinformazione”

In precedenza, il governo etiope aveva sospeso le operazioni di due grandi gruppi umanitari internazionali – Medici Senza Frontiere e il Consiglio Norvegese per i Rifugiati – accusandoli di diffondere “disinformazione” sulla guerra.

Il governo è così vigile che agli operatori umanitari che si imbarcano sui rari voli per il Tigray è stato detto che non possono portare cose come apriscatole, vitamine, medicine, persino oggetti personali, nonché documentazione di crisi, inclusi dischi rigidi e unità flash. unità.

Griffiths ha detto all’Associated Press che anche lui è stato perquisito, con le autorità che controllano tutto nella sua borsa e si chiedono perché portasse gli auricolari.

Da mesi gli operatori umanitari sono sempre più riluttanti a parlare apertamente del blocco governativo del Tigray per paura di perdere l’accesso all’area. Ma la mancanza di carburante e altri rifornimenti ha lasciato molti senza mezzi per aiutare poiché alcune persone stanno morendo di fame.

“Ci hanno messo le mani intorno alla gola mentre ci soffocavano con le nocche bianche”, ha detto un operatore umanitario all’Associated Press questa settimana a condizione di anonimato per paura di rappresaglie. “Ci lasciano ansimare di tanto in tanto così non moriamo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *