Le forze eritree si ritirano dalle principali città del Tigray in Etiopia, un giorno dopo aver dichiarato un cessate il fuoco

I soldati eritrei si sono ritirati martedì da tre importanti città della regione etiope del Tigray, un giorno dopo che i combattenti del Tigray hanno preso il controllo della capitale regionale dalle forze etiopi in ritirata e il governo etiope ha dichiarato un cessate il fuoco unilaterale.

Le forze del Tigray hanno promesso di espellere i “nemici” dall’area, indicando che non c’è cessazione immediata delle ostilità.

La rapida inversione di tendenza nella guerra di quasi otto mesi ha lasciato le persone affannate per capire le implicazioni per la regione di sei milioni in cui i collegamenti di comunicazione sono stati in gran parte interrotti. Persone a stretto contatto con i testimoni hanno confermato il ritiro degli eritrei a condizione di anonimato per la loro sicurezza.

Lunedì, il governo etiope ha annunciato un cessate il fuoco unilaterale immediato nella regione del Tigray dopo quasi otto mesi di sanguinoso conflitto. I soldati della vicina Eritrea sono stati accusati dai testimoni di alcune delle peggiori atrocità della guerra.

I soldati eritrei hanno lasciato le città di Shire, Aksum e Adwa, ma non è stato subito chiaro dove fossero diretti o se il ritiro fosse temporaneo. Il Ministero dell’Informazione eritreo, che i gruppi per i diritti umani hanno descritto come uno dei paesi più repressivi del mondo, non ha risposto immediatamente alle domande.

“Non sappiamo ancora se si stanno ritirando” completamente dal Tigray, ha detto alla commissione per gli affari esteri della Camera il vicesegretario di Stato Robert Godick. Ha detto che gli Stati Uniti non hanno visto una dichiarazione da nessuna delle parti che affermasse di essere impegnati a un cessate il fuoco.

READ  La cenere vulcanica potrebbe essere la causa degli ultimi giorni di nebbia nella metropolitana: meteorologo

Godek ha detto che gli ex leader del Tigray hanno affermato di avere il controllo della capitale regionale, Mekele, dopo “quello che sembra essere un importante ritiro delle forze di difesa nazionali etiopi dal Tigray”.

I leader del Tigray, che stanno conducendo una guerriglia da novembre dopo un litigio politico con il governo del primo ministro Abiy Ahmed, giovedì sera hanno invitato i loro sostenitori ad “intensificare la loro lotta fino a quando i nostri nemici non lasceranno il Tigray”.

(Tim Kendracchuk/CBC)

Non è stato immediatamente possibile raggiungere un portavoce delle forze del Tigray, Getachew Reda. Un portavoce dell’esercito etiope non ha risposto al telefono.

L’arrivo delle forze del Tigray a Mekele lunedì è stato accolto con applausi dopo che l’amministrazione regionale ad interim, nominata dal governo etiope, è fuggita dopo alcune delle più feroci battaglie della guerra nel secondo paese più popoloso dell’Africa.

I combattenti del Tigray martedì si sono trasferiti ad Aksum e Shire, una città che negli ultimi mesi ha visto l’arrivo di centinaia di migliaia di persone in fuga dalle intimidazioni nel Tigray occidentale ed è un’importante area di sosta per gli aiuti umanitari.

L’analista afferma che le forze del Tigray “non si fidano” del cessate il fuoco

William Davison, analista dell’International Crisis Group, ha dichiarato in una dichiarazione che le forze del Tigray hanno ora il controllo di gran parte della regione dopo una massiccia controffensiva che ha ottenuto il sostegno pubblico di massa. “Ora sono in grado di facilitare l’accesso a molte aree precedentemente inaccessibili”, ha detto, invitando il governo etiope a non sabotare gli urgenti sforzi umanitari.

Ali Ferji, un consigliere anziano dell’Istituto per la pace degli Stati Uniti, ha dichiarato all’Associated Press che i discorsi delle forze del Tigray sull’inseguire i nemici “indicano quanto siano diffidenti nei confronti del cessate il fuoco”. “Certo, penso che sia estremamente irresponsabile per loro dire queste cose. Non fa nulla per le persone sull’orlo della fame. Allo stesso tempo, capisco che sono motivati ​​da un profondo sospetto nei confronti delle forze eritree in particolare. “

La peggiore crisi della fame nel mondo in un decennio

Rimangono interrogativi chiave sul destino di oltre un milione di civili che, secondo le Nazioni Unite, rimangono in parti del Tigray difficili, se non impossibili, da raggiungere con gli aiuti. Gli Stati Uniti hanno affermato che fino a 900.000 persone stanno affrontando condizioni di carestia, nella peggiore crisi alimentare del mondo in un decennio.

Il vicesegretario di Stato americano ad interim ha affermato che la carestia è stata “interamente causata dall’uomo”.

La prossima settimana o due saranno importanti, ha detto Sarah Charles, assistente amministratore dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, in un’udienza a Washington. Ha esortato l’Etiopia a revocare “l’interruzione delle comunicazioni” sul Tigray e ha affermato che le truppe della vicina regione di Amhara che aveva occupato il Tigray occidentale dovrebbero rimuovere i posti di blocco sulle principali rotte di consegna degli aiuti.

“L’impatto della situazione attuale sulle operazioni umanitarie nella regione è ancora sconosciuto al momento”, ha detto ai giornalisti martedì il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric. Ha detto che le operazioni sono state “limitate negli ultimi giorni a causa dei combattimenti in corso”, osservando che l’aeroporto di Mikkeli è stato chiuso e le vie di consegna degli aiuti non sono state aperte.

L’Etiopia ha affermato che il cessate il fuoco mira in parte a fornire aiuti, ma durerà solo fino alla fine della stagione cruciale della semina nel Tigray, a settembre.

Nella capitale etiope, Addis Abeba, la gente ha affermato di non essere sicura a chi credere tra le rivendicazioni sul campo di battaglia e di sperare nella pace.

“Bambini innocenti, contadini e poveri sono in prima linea nella guerra e stanno soffrendo”, ha detto Beroc Desalegn, un residente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *