Le Filippine accusano le navi cinesi di “brulicare” le barriere coralline al largo delle sue coste Notizie sul Mar Cinese Meridionale

Le Filippine accusano le navi cinesi di “brulicare” le barriere coralline al largo delle sue coste  Notizie sul Mar Cinese Meridionale

La guardia costiera filippina ha affermato che più di 135 navi cinesi sono state avvistate vicino a Whitsun Reef nel Mar Cinese Meridionale.

La Guardia Costiera filippina ha dichiarato domenica che più di 135 navi cinesi si stavano “riunendo” in una barriera corallina al largo delle coste delle Filippine, nel Mar Cinese Meridionale, in mezzo alle rinnovate tensioni tra i due paesi.

Domenica i funzionari della Guardia Costiera hanno descritto il numero crescente di barche al largo della costa di Whitsun Reef, che le Filippine chiamano Julian Felipe Reef, uno “sviluppo preoccupante”.

Il numero delle navi militari cinesi è aumentato nelle ultime settimane. Quando la Guardia Costiera ha schierato due motovedette nella zona, i funzionari hanno indicato che il numero era salito a 135 barche, dalle 111 contate il 13 novembre.

“Le sfide radiofoniche lanciate dal PCG non hanno ricevuto risposta [Philippines Coast Guard] La Guardia Costiera di Manila ha affermato che le navi CMM, che ora si stima siano aumentate a più di 135, sono disperse e sparse all’interno dell’area di Julian Felipe Reef.

Le barche cinesi erano “sparse e disperse” all’interno dell’area di Whitsun Reef a più di 1.000 chilometri (620 miglia) dalla principale massa continentale cinese più vicina, l’isola di Hainan, e a circa 320 chilometri (200 miglia) a ovest dell’isola di Palawan nelle Filippine.

Pechino rivendica la maggior parte del Mar Cinese Meridionale, comprese le acque e le isole vicino alle coste dei suoi vicini, e ha ignorato una sentenza di un tribunale internazionale secondo cui la sua affermazione non ha base legale.

Anche Filippine, Brunei, Malesia, Taiwan e Vietnam rivendicano la sovranità su diverse isole e barriere coralline nel mare, che si ritiene contenga ricche riserve di petrolio nelle profondità delle sue acque.

READ  Inondazioni e piogge torrenziali rallentano i soccorsi mentre un ciclone mortale colpisce il sud-est asiatico

Quest’anno, la Cina e le Filippine sono state coinvolte in una serie di incidenti, con Manila che ha accusato Pechino di sforzi aggressivi per affermare le sue rivendicazioni su quasi tutto il Mar Cinese Meridionale sotto la cosiddetta linea dei nove tratti.

All’inizio di questo mese, le navi dei due paesi sono state coinvolte in collisioni ravvicinate vicino a Second Thomas Shoal, anch’essa situata all’interno della zona economica esclusiva di Manila. Secondo la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS), questa zona si estende per 200 miglia nautiche (circa 370 km) dalla costa di un paese.

filippini Ha preso in mano il suo caso Alla Corte permanente di arbitrato dell’Aia, quando la Cina prese il controllo di Scarborough Shoal.

Sebbene la corte si sia pronunciata a favore delle Filippine, Pechino non ha riconosciuto la sentenza e ha intensificato le sue rivendicazioni idriche costruendo isole artificiali, espandendo siti militari e dispiegando la guardia costiera, la milizia marittima e la flotta peschereccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *