Le dure esercitazioni di guerra invernale sulle montagne italiane regalano una grande emozione ai soldati dell’esercito americano

I soldati della 173a brigata aviotrasportata prendono parte all’esercitazione Steel Blizzard, vicino a Useaux, in Italia, nel febbraio 2022. Durante l’evento di addestramento della guerra di montagna e artica ospitato dall’esercito italiano, i paracadutisti imparano diversi modi di operare in condizioni montuose e artiche. (Facebook/esercito americano in Europa e Africa)

VICENZA, ITALIA – Non tutti i paracadutisti del 2° Battaglione, 503° Reggimento di Fanteria dell’esercito americano sono stati schierati in Lettonia il mese scorso in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

Alcuni sono andati a sciare nelle aspre Dolomiti italiane. Ma non era una vacanza.

Decine del battaglione Scout, già il più idoneo per la brigata, trascorsero settimane sotto la tutela delle Alpi italiane, la fanteria da montagna specializzata dell’esercito italiano famosa per le sue abilità di combattimento invernale.

Insieme alle truppe italiane e francesi in un’esercitazione chiamata Steel Blizzard, gli scout hanno appreso le tecniche di combattimento invernale, come lo sci in salita, il tiro con lo slittino e il soccorso in valanga. Hanno camminato su un terreno freddo e spietato per miglia, hanno combattuto battaglie simulate e poi hanno dormito nella neve.

“Penso che sia stato uno degli ambienti più belli in cui sia mai stato”, ha detto il tenente Jack Hanley, uno dei 46 paracadutisti che hanno preso parte alle esercitazioni iniziate a gennaio e concluse venerdì.

I soldati della 173a Brigata Aviotrasportata allestirono un campeggio nelle Dolomiti durante un'esercitazione di più settimane in Tecniche della Guerra Invernale guidata dall'Esercito Italiano.  L'esercitazione includeva una manovra in montagna di tre giorni che utilizzava elicotteri Osprey ed elicotteri italiani per spingere le truppe a 8.200 piedi sopra una montagna.

I soldati della 173a Brigata Aviotrasportata allestirono un campeggio nelle Dolomiti durante un’esercitazione di più settimane in Tecniche della Guerra d’Inverno guidata dall’Esercito Italiano. L’esercitazione includeva una manovra in montagna di tre giorni che utilizzava elicotteri Osprey ed elicotteri italiani per spingere le truppe a 8.200 piedi sopra una montagna. (Jack Hanley/esercito americano)

“È stata una grande opportunità per i giovani di scalare la montagna, apprendere abilità che si traducono nelle loro carriere, superare pendii impegnativi e scalare montagne con gli sci”, ha detto Hanley in una recente intervista telefonica.

Hanley ha detto che solo sei scout erano mai stati sugli sci.

“Ma alla fine della terza settimana, il 99% di noi si era qualificato per il Corso di sci avanzato italiano”, ha detto.

A livello ricreativo, ciò significa che possono regatare con successo nella Black Diamond Race.

Con il progredire della formazione, l’aspetto divertente ha lasciato il posto a un lavoro serio. In un movimento notturno, hanno sciato per 8 miglia attraverso il sobborgo, con le “pelli” intrappolate nella parte inferiore dei loro sci ibridi, su per la montagna.

Dormirono in tenda quella notte. Un’altra notte, hanno dormito “tatticamente” alcune ore all’aperto senza tende, ha detto Hanley, aggiungendo che la temperatura è scesa a meno 10 gradi Fahrenheit.

Ogni pochi anni si verifica una tempesta d’acciaio nelle Dolomiti e nella foresta a ovest di Torino. Le forze di brigata si addestrano con membri in servizio italiani e francesi sotto gli auspici della NATO.

“In pratica si sta trasformando in un gioco di guerra”, ha detto il sergente 173. John Yountz.

La formazione è tutta in inglese, ha detto Hanley, anche quando gli italiani si parlano.

La conclusione di Steel Blizzard ai tre giorni è diventata ancora più intensa. I falchi pescatori italiani e gli elicotteri hanno fatto volare le truppe su una montagna a un’altitudine di 8.200 piedi.

“Il primo giorno, ci siamo spostati per circa 9 chilometri (5,4 miglia) a piedi con le racchette da neve in salita” attraverso la neve alta fino alla cintola, ha detto Hanley.

Le truppe hanno esaminato i sistemi di pungiglione delle forze dell’opposizione, la guerra elettronica e le risorse di artiglieria. Hanno anche attaccato con il supporto aereo di un jet italiano Eurofighter Typhoon.

La Guerra d’Inverno fu condotta su larga scala durante la prima e la seconda guerra mondiale e l’addestramento continuò durante la Guerra Fredda come preparazione per un possibile conflitto con l’Unione Sovietica.

Oltre ad addestrare le forze statunitensi con gli alleati della NATO, Fort Drum, la 10a divisione da montagna con sede a New York e le unità con sede in Alaska continuano a specializzarsi nella guerra di montagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.