Le autorità greche hanno annunciato che nella zona colpita da un grave incendio boschivo sono stati ritrovati i corpi di 18 persone – notizie dal mondo

Le autorità greche hanno annunciato che nella zona colpita da un grave incendio boschivo sono stati ritrovati i corpi di 18 persone – notizie dal mondo

I vigili del fuoco greci hanno trovato i corpi di 18 persone in una regione della Grecia nord-orientale devastata da un grande incendio boschivo che bruciava da giorni, hanno detto martedì le autorità.

Ioannis Artopios, portavoce dei vigili del fuoco, ha detto in un comunicato televisivo che la polizia greca ha attivato la squadra nazionale di identificazione delle vittime del disastro per identificare i corpi, che sono stati trovati vicino a una capanna nel quartiere Avanta del distretto di Alessandropoli, nel nord-est di Paese.

Artobius ha spiegato che, poiché non sono state segnalate persone scomparse nella zona, le autorità stanno esaminando la possibilità che le vittime fossero migranti entrati nel paese dal vicino confine con la Turchia.

Centinaia di vigili del fuoco hanno combattuto martedì per controllare i grandi incendi che erano fuori controllo da diversi giorni nel nord-est della Grecia e a Tenerife, nelle Isole Canarie in Spagna, mentre forti venti alimentavano le fiamme e spingevano all’evacuazione dei villaggi e di un ospedale cittadino in Grecia.

Condizioni calde, secche e ventose hanno visto dozzine di incendi infuriare in tutta la Grecia, con il più grave che è entrato nel suo quarto giorno e ha inghiottito la città costiera di Alessandropoli, nel nord-est del paese. Lunedì due persone sono morte e due vigili del fuoco sono rimaste ferite in diversi incendi avvenuti nel nord e nel centro della Grecia.

Martedì il livello di pericolo di incendio in molte aree, inclusa la più ampia regione di Atene, è stato classificato come “estremo” per il secondo giorno. Le autorità hanno vietato l’accesso del pubblico alle montagne e alle foreste di quelle zone almeno fino a mercoledì mattina e hanno ordinato pattuglie militari.

READ  Arriva in Italia una donna afgana protagonista dell'iconica copertina del National Geographic

E nelle Isole Canarie, in Spagna, i vigili del fuoco hanno lottato per controllare un incendio che bruciava da una settimana nella famosa destinazione turistica di Tenerife. Più di 12.000 persone furono evacuate dalle loro case e quasi 15.000 ettari (37.000 acri) di pinete e cespugli furono bruciati. Gran parte della Spagna era in allerta per il pericolo di incendi a causa di un’ondata di caldo che ha portato temperature superiori a 38 gradi Celsius (100 gradi Fahrenheit) in molte aree.

E nel nord-est della Grecia, un enorme muro di fuoco si è esteso durante la notte attraverso le foreste verso Alessandropoli, spingendo le autorità a evacuare altri otto villaggi e l’ospedale cittadino. Le fiamme hanno tinto di rosso il cielo sopra la città e in tutta la regione, mascherando il sole mentre fumo soffocante e chiazze vorticose di cenere riempivano l’aria.

Circa 65 degli oltre 100 pazienti ricoverati nell’ospedale sono stati trasferiti su un traghetto ormeggiato nel porto della città, mentre altri sono stati trasferiti in altri ospedali nel nord della Grecia. Il traghetto salperà martedì mattina tardi per portare i pazienti a ovest, nella città costiera di Kavala, dove saranno trasferiti in un altro ospedale.

Parlando alla televisione greca Skai TV, il vice ministro della Sanità Dimitris Vartzopoulos ha affermato che il fumo e la cenere nell’aria intorno all’ospedale di Alexandroupolis sono la ragione principale dietro la decisione di evacuare la struttura.

“Siamo stati evacuati entro quattro ore”, ha detto Vartsopoulos.

Una scuola, diverse case e un cimitero sono stati danneggiati in due villaggi vicino ad Alessandropoli, dove più di 200 vigili del fuoco stavano combattendo le fiamme, supportati da quattro aerei e tre elicotteri. Le autorità locali hanno detto che decine di altre case sono state danneggiate da un altro incendio boschivo nel distretto di Kavala. Un incendio separato è scoppiato nella regione di confine di Evros attraverso una foresta in un parco nazionale protetto, e le immagini satellitari hanno mostrato il fumo proveniente dalla regione di Evros che ricopriva gran parte della Grecia settentrionale e occidentale.

READ  I paesi hanno tagliato i legami con il Regno Unito, con l'Italia solo con una quarantena obbligatoria

Vicino ad Atene, martedì mattina, un nuovo incendio è scoppiato ad Aspropyrgos, alla periferia occidentale della capitale, spingendo le autorità a emettere ordini di evacuazione per due villaggi della zona.

La Romania ha inviato 56 vigili del fuoco, Cipro ha inviato due aerei lancia-acqua per aiutare a combattere gli incendi boschivi ad Alessandropoli, mentre i vigili del fuoco francesi hanno contribuito a domare un incendio separato sull’isola di Evia.

Ogni estate la Grecia è colpita da devastanti incendi boschivi. L’incendio più mortale del paese ha ucciso 104 persone nel 2018, in una località balneare vicino ad Atene che i residenti non erano stati avvertiti di evacuare. Da allora, le autorità hanno commesso un errore di prudenza, emettendo frettolosi ordini di evacuazione di massa ogni volta che le aree popolate sono minacciate.

E il mese scorso, un incendio boschivo nella località turistica dell’isola di Rodi ha portato all’evacuazione di circa 20.000 turisti. Giorni dopo, due piloti dell’aeronautica militare rimasero uccisi quando il loro idrovolante si schiantò mentre stavano effettuando una picchiata a bassa quota per domare un incendio a Eubea. Quest’estate sono stati registrati altri tre decessi legati agli incendi.

Con le loro estati calde e secche, i paesi dell’Europa meridionale sono particolarmente vulnerabili agli incendi.

In Italia, le autorità hanno evacuato 700 persone dalle loro case e da un campo sull’isola toscana dell’Elba dopo un incendio scoppiato lunedì sera. Due aerei stanno aiutando a spegnere l’incendio che ha consumato cinque ettari sulla famosa isola turistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *