L’arte sensuale della sirena sta facendo scalpore in Italia

L’arte sensuale della sirena sta facendo scalpore in Italia
L’installazione de “Il Mare” (2023) è installata in Piazza Rita Levi-Montalcini a Monopoli, Italia (Tutte le foto per gentile concessione di Tempi di monopolio)

Se il consiglio scolastico della Florida considera pornografico il “David” di Michelangelo, Dio sa cosa dire della nuova opera d’arte pubblica svelata la scorsa settimana in un piccolo paese di pescatori della Puglia. Nella piazza Rita Levi-Montalcini adiacente a uno stadio della città di Monopoli è stata installata una statua di una sirena un po’ sexy chiamata “Il Mare” (2023), molto controversa su Internet tra coloro che vedevano il suo fisico come “provocatorio”.

“Il Mare” è una delle numerose parti di una serie commissionata dal sindaco di Monopoli al locale Liceo Artistico Luigi Russo per un progetto di riqualificazione della città. Secondo il custodeIl preside della scuola, Adolfo Marciano, ha detto che gli studenti hanno avuto l’idea da soli dopo essere stati incaricati di creare un progetto a tema marino per la piazza pubblica in onore della famosa scienziata italiana e premio Nobel Rita Levi-Montalcini. Dalla parte anteriore, le braccia incrociate della sirena sollevano i suoi seni eccezionalmente grandi mentre la sua schiena, probabilmente la parte più accattivante di lei, è ben definita da quelle che sembrano natiche migliorate chirurgicamente dal set di Kardashian.

L’utente di Twitter Sally Morgan ha domande sulla nuova statua. (Sceneggiatura di Valentina de Licia/ipersensibilità attraverso Cinguettio)

La domanda più urgente nella mente di tutti in questo momento è perché deve essere una sirena doppia guancia Giovedì pomeriggio, crack e tutto? Le sirene hanno bisogno di calzoni anche se hanno la coda di pesce invece delle gambe? Alcuni residenti di Monopoli erano agitati da quella che vedevano come una statua sessualmente esplicita installata anche accanto a un nuovo parco giochi nella piazza, e hanno messo in dubbio la decisione della città di esporre l’opera d’arte vicino a un luogo frequentato da bambini.

READ  Bromsgrove, la madre della vittima italiana di un incidente aereo Dominic Bosti, pubblica un aggiornamento mentre è ancora al capezzale

Altri non riescono a vedere la connessione tra una creatura mitica e un premio Nobel onorato dall’arena, con un ipotetico critico che ricorda Levi Montalcini una volta dicendo: “Le donne che hanno cambiato il mondo non avevano bisogno di mostrare altro che la loro intelligenza. ”

Per il preside Marciano la statua è “un omaggio alla stragrande maggioranza delle donne che hanno un aspetto grassoccio, soprattutto nel nostro Paese”. In difesa della sirena, Marciano ha affermato di vedere la statua come una “rappresentazione della realtà”, e che sarebbe “un peccato se fossimo rappresentati come una donna molto magra”.

“È un peccato perché gli studenti d’arte meritano elogi piuttosto che critiche”, ha continuato Marciano. Né Marciano né altri rappresentanti della Scuola d’Arte Luigi Russo sono stati immediatamente disponibili per un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *