L’amministratore delegato del Tottenham Fabio Paratici spera di riconquistare il suo successo alla Juventus nel nord di Londra

L’amministratore delegato del Tottenham, Fabio Paratici, promette di poter costruire qualcosa di “davvero davvero grande” dopo un inizio lento sotto Nuno Espirito Santo… mentre l’italiano spera di rilanciare il suo successo alla Juventus nel nord di Londra

  • Fabio Paratici si è ripreso la responsabilità di riportare in vetta il Tottenham
  • Ha trasformato la Juventus in una delle superpotenze europee durante i suoi 11 anni di permanenza
  • Il Tottenham ha iniziato con tre vittorie in Premier League seguite da tre sconfitte
  • Il Tottenham è salito all’ottavo posto in classifica battendo 2-1 l’Aston Villa lo scorso fine settimana


L’amministratore delegato del calcio del Tottenham, Fabio Paratici, insiste sul fatto che ci sono tutte le condizioni affinché il club possa costruire qualcosa di “davvero, davvero grande”.

All’italiano è stata affidata la responsabilità di riportare il Tottenham ai vertici del calcio inglese mentre cenava quando Mauricio Pochettino era al club dalla metà del 2010.

Lo scivolone da quando ha raggiunto la finale di Champions League nel 2019 è stato preoccupante e Paratici è stato portato al club a luglio dopo aver trasformato la Juventus in una superpotenza europea durante i suoi 11 anni di permanenza.

L’amministratore delegato del Tottenham, Fabio Paratici, si è impegnato per il “quadro generale”

Questo sembra essere un compito molto più grande in quanto gli Spurs non hanno il potere d’acquisto dei loro rivali e la loro squadra ha bisogno di una profonda revisione.

READ  Kevin Holland sussurra che non riesce a vedere il suo corner tra i round contro Marvin Vettori

Tutto è iniziato quest’estate dopo che Parací Nuno ha scelto Espirito Santo come nuovo allenatore, con Christian Romero, Brian Gill, Emerson Royal e Pierluigi Giulini che si sono uniti.

Parachi sa che ci saranno alti e bassi, ma è impegnato nel “quadro generale”.

“Quando abbiamo iniziato 11 anni fa, non era come gli ultimi anni alla Juventus, abbiamo iniziato in un’altra fase”, ha detto a Spurs TV.

Avevamo un obiettivo in mente e non abbiamo perso di vista il nostro obiettivo dopo un mese che non era buono. Siamo concentrati in quel modo e forti per seguire il nostro percorso. Nessuno può disturbarci con ciò che vogliamo ottenere. Questa è la nostra direzione.

Lo stile di gioco del Tottenham sotto Nuno Espirito Santo è stato oggetto di contesa in questa stagione

Lo stile di gioco del Tottenham sotto Nuno Espirito Santo è stato oggetto di contesa in questa stagione

Molte volte la strada non è semplice, devi essere su e giù e devi combatterla e non cambiare idea o concentrazione, resta lì ed è quello che dobbiamo fare.

Molte persone sanno cosa vogliono ottenere, ma non molti sanno cosa devono fare per ottenere risultati.

Non sono uno che sta sei mesi, un anno o due anni in un club. Le ultime due esperienze sono di 11 e 6 anni, quindi vorrei considerare il tempo necessario per costruire qualcosa come il nostro obiettivo.

Quando ho parlato del quadro generale, è questo, abbiamo la migliore infrastruttura del mondo, grandi fan, siamo in una grande città, la migliore città d’Europa, quindi abbiamo tutto per costruire qualcosa di veramente grande.

“Abbiamo bisogno del sostegno di tutti perché se siamo positivi e tutti insieme la strada è più facile”.

Ha avuto un inizio di stagione misto, con tre vittorie in Premier League seguite da tre sconfitte preoccupanti contro Crystal Palace, Chelsea e Arsenal prima che gli Spurs tornassero in pista contro l’Aston Villa lo scorso fine settimana.

Lo stile di gioco del Tottenham sotto Nuno è stato oggetto di contesa per molti in quanto è andato contro il desiderio del presidente del club Daniel Levy di “un calcio d’attacco, libero e divertente”.

Alla domanda su come sia il quadro generale, Paratici ha aggiunto: “Per essere competitivi, organizzare il club nel modo giusto e concentrarsi sulla squadra. Scegli i giocatori giusti, prima di mentalità, poi di stile di calcio”.

“Costruire la migliore squadra e il miglior calcio possibile. Questo è il nostro obiettivo e non è difficile pensarci, ma dobbiamo sapere cosa dobbiamo fare per realizzarlo”.

Abbiamo un quadro piccolo ma importante perché è questa stagione. La stagione non è di due mesi, sono sei, sette, otto mesi perché dobbiamo ottenere i nostri risultati, essere il meglio che possiamo fare, lavorare sodo per vincere ogni partita che possiamo vincere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *