La straordinaria immagine del telescopio mostra gli effetti “fantasma” della morte della stella gigante

Le organizzazioni spaziali non ci hanno fatto dimenticare che lunedì era Halloween.

L’account Twitter è diventato il Twitter degli esopianeti della NASA Sei pianeti NASA Era Goddard della NASA Ghoul Dard della NASA. Il James Webb Space Telescope ha aggiornato un file L’immagine dei pilastri celesti della creazione sprigionare Qualcosa di infernale. E lunedì, l’Osservatorio Europeo del Sud sul dramma spaventoso Con un’immagine di quelli che lei chiama i resti spettrali di una stella gigante.

È una gigantesca immagine di 554 milioni di pixel che dipinge una meraviglia cosmica, chiamata il resto della supernova Vela, in lavanda trasparente, blu pallido e colori filiformi del tramonto. Nello spirito di Halloween, posso ricordarvi che un residuo di supernova non è solo il cadavere di una stella. È un po’ l’equivalente di fare a pezzi quel cadavere e spargerne i pezzi nello spazio.

Il coraggio scintillante è ovunque.

Versione a grandezza naturale dell’immagine Vela Remnant dell’ESO.

Il team ESO/VPHAS+. Ringraziamenti: Cambridge Astronomical Survey Unit.

Tecnicamente, questa scena è composta da molte osservazioni prodotte da una telecamera ad ampio campo chiamata OmegaCAM, che ha una capacità di 268 milioni di pixel. I diversi filtri sul dispositivo sono ciò che consente ai bellissimi colori dell’immagine di brillare: quattro di questi sono stati utilizzati sul Vela appositamente per creare una combinazione di colori viola, blu, verde e rosso.

Per essere chiari, questo significa che l’immagine è a colori. All’esterno, i resti probabilmente non sembrano proprio un arcobaleno. È più facile analizzare i diversi aspetti astronomici delle immagini spaziali solo quando abbiamo alcune separazioni di colore. Ma ciò che non è stato tecnicamente migliorato è la forma strutturale della Villa – dal nome della costellazione meridionale che si traduce in “vele”.

8 foto che mostrano l'evoluzione di come il team ha decifrato l'aspetto dei resti di una villa.  Alcuni sono in bianco e nero.

In questa svolta dell’immagine, puoi vedere come gli scienziati hanno utilizzato OmegaCAM per fotografare il Vela Remnant. Puoi anche vedere come appare l’immagine prima di colorare.

ESO/M Kornmesser, squadra VPHAS+. Ringraziamenti: Cambridge Astronomical Survey Unit.

Queste bolle quasi 3D di polvere e gas sono reali. Ogni linea trasparente dovrebbe essere precisa. E la storia che questo racconta sull’eventuale scomparsa della stella gigante è, molto probabilmente, vera.

Tuttavia, se me lo chiedi, questo fantasma non è così spaventoso. è fantastica.

È una delle creazioni strabilianti dell’universo

Circa 11.000 anni fa, una stella massiccia morì e scatenò una potente esplosione che mandò i suoi strati esterni in un’onda d’urto nel gas circostante nella regione.

Questo gas turbolento, nel tempo, comprime e crea le strutture interconnesse che vediamo nell’immagine. Inoltre, qualsiasi energia sia stata rilasciata durante l’evento, ha costretto i punti a brillare brillantemente, risultando in un bagliore etereo sull’intera scena.

Per quanto riguarda la stessa stella morta, la radice di questa detonazione, ora è una stella di neutroni, un corpo stellare inimmaginabilmente denso Quel cucchiaio equivale a qualcosa come il peso dell’Everest. L’ESO spiega anche che questa particolare stella di neutroni è più estrema di una normale stella.

12 forzieri evidenziano estratti dei momenti più belli di Villa.

Alcuni punti salienti della foto della Villa dell’ESO.

Il team ESO/VPHAS+. Ringraziamenti: Cambridge Astronomical Survey Unit.

È una pulsar, il che significa che ruota sul proprio asse più di 10 volte al secondo. Non voglio nemmeno pensare a quante volte l’abbiamo fatto girare da quando ho iniziato a scrivere questo articolo.

“A soli 800 anni luce dalla Terra”, ha detto l’ESO in un comunicato stampa sull’immagine, “il drammatico residuo di supernova è uno dei più vicini che conosciamo”. Ma poiché un anno luce indica quanto lontano può viaggiare la luce in un anno, non direi che attraversi il nostro cortile cosmico.

Voglio dire, non mi interessa se possiamo vedere questo bellissimo “fantasma” fisicamente da qui sulla Terra – ovviamente, supponendo che le sue radiazioni (e altre sostanze pericolose) non ci inseguano prima di intravedere.

READ  Pianeta Urano: la meravigliosa dichiarazione di umanità della NASA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.