La qualità dell’aria sotto la maschera è accettabile – Südtirol News

Bolzano – La concentrazione di anidride carbonica (CO2) nell’aria che respiriamo quando indossiamo protezioni per bocca e naso corrisponde a quella degli ambienti interni ed è molto inferiore al contenuto di anidride carbonica nell’aria che respiriamo. In breve, questo è il messaggio principale dello studio UNMAS. L’agenzia governativa per l’ambiente e la protezione del clima ha presentato oggi (23 ottobre) a Bolzano lo studio del consigliere statale per l’ambiente Giuliano Vittorato e degli esperti responsabili del monitoraggio della qualità dell’aria.

Risultati

Quando si indossa la maschera, parte dell’aria espirata viene bloccata dalla maschera e viene nuovamente inspirata. “L’Agenzia di Stato per l’Ambiente e la Protezione del Clima, che ha già maturato molta esperienza nel monitoraggio della qualità dell’aria indoor, sta realizzando ora una delle prime rilevazioni in Italia con focus sulla protezione della bocca e del naso”, conferma il consigliere provinciale Vittorato. L’obiettivo dello studio presentato oggi è aumentare la consapevolezza del pubblico. Vogliamo anche sottolineare quanto sia importante seguire rigorose procedure di protezione e igiene “.

Il Laboratorio per l’Analisi dell’Aria e la Protezione dalle Radiazioni dell’Agenzia di Stato per l’Ambiente e la Protezione del Clima ha esaminato la qualità dell’aria che respiriamo coprendo il naso e la bocca, con l’utilizzo di varie forme di protezione della bocca e del naso: maschera autofilettante, maschera protettiva chirurgica, maschera FFP2 o KN95, maschera protettiva per il viso e panno tubolare . Come parte dello studio, è stata determinata la percentuale di anidride carbonica respirata rispetto all’anidride carbonica espirata.

Agenzia statale per l’ambiente e la protezione del clima

“L’aria che espiriamo contiene circa 40.000 parti per milione (quattro per cento), che è un’alta concentrazione di anidride carbonica”, afferma Luca Verdi, direttore del Laboratorio di analisi dell’aria e protezione dalle radiazioni. Dallo studio è emerso che sebbene la bocca e il naso siano coperti, c’è un significativo ricambio d’aria, che porta ad una significativa riduzione del contenuto di anidride carbonica nell’aria che respiriamo. Nello specifico, inspiri almeno il tre percento (con la maschera) e fino a un massimo del 14 percento (con la maschera fatta a mano) dell’aria che espiriamo di nuovo. “

READ  Stelle libanesi pluripremiate per il remake italiano di "The Perfect Strangers"

Le stanze sono adeguatamente ventilate

Sullo sfondo di questi valori di CO2, che sono considerati un indicatore della qualità dell’aria interna, gli esperti dell’Agenzia statale per l’ambiente e la protezione del clima sottolineano anche l’importanza di ventilare frequentemente ambienti in cui sono presenti più persone: “Negli spazi interni con molti Le persone, come in classe, il contenuto di anidride carbonica sta aumentando molto rapidamente “. Se si aggiunge anidride carbonica per un interno scarsamente ventilato a un’anidride carbonica reinalata sotto la maschera, diventa subito chiaro perché una ventilazione ottimale della stanza è così importante. “In breve, si può dire che la concentrazione di anidride carbonica nell’aria che inaliamo quando indossiamo la maschera per bocca e naso corrisponde a quella interna ed è molto inferiore al contenuto di anidride carbonica nell’aria espirata”, riassume Verdy.

Disagio quando si indossa una cuffia per la bocca e il naso

Oltre alla qualità dell’aria che respiriamo, lo studio ha esaminato anche le cause di eventuali disagi associati all’uso delle coperture bocca e naso per lunghi periodi di tempo. “Grazie alla termocamera, abbiamo misurato la temperatura superficiale del viso con maschera e senza maschera”, spiega Clara Perretti, consulente di laboratorio per analisi dell’aria e radioprotezione per il progetto dell’Unione Europea “QAES – Air Quality in School Buildings”. “È stato dimostrato che nelle parti del viso coperte dalla maschera, la temperatura superficiale aumenta di due gradi. Questo aumento di temperatura e la sudorazione associata possono farti sentire a disagio”.

Metodo di indagine

Lo studio è stato condotto tra giugno e agosto 2020 nei laboratori dell’Agenzia di Stato per l’ambiente e la protezione del clima. Sono stati valutati 350 campioni di soggetti che si siedono o si muovono (esercizio e tensione estrema non sono stati presi in considerazione) con e senza tappi per bocca e naso. Come spiega la responsabile della serie di misurazioni, Ganmaria Fulici, durante le misurazioni è stato seguito un protocollo speciale e l’aria inspirata è stata rigorosamente separata dall’aria espirata. “Per fare questo, abbiamo preso una piccola quantità di aria quando abbiamo inalato con una sonda posta tra la nostra bocca e il naso, e l’abbiamo raccolta in un sacchetto di campionamento del gas Tedlar e poi l’abbiamo esaminata per la concentrazione di anidride carbonica”, dice Fulici.

READ  Marion Moroder vince a UploadSounds 2020 - Südtirol News

Agenzia statale per l’ambiente e la protezione del clima

studiando ‘Qualità dell’aria sotto la maschera’ Si possono trovare online sul sito web dello Stato sul tema dell’ambiente. Ulteriori informazioni, comprese le istruzioni per una corretta ventilazione in classe, possono essere trovate sul sito web del progetto “Aria cattiva in classe.”

Agenzia statale per l’ambiente e la protezione del clima

Da: luk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *