La prima giornalista sportiva a raggiungere la sua Honda 50

In più di un’occasione, Dóirín Mhic Mhurchú è stata respinta al tornello quando si è presentata per coprire una partita di calcio per Raidió na Gaeltachta. Quando è riuscita a convincere i funzionari che una donna era in grado di coprire lo sport, il palmo della mano dell’uomo sembrava impedirle di entrare nella tribuna stampa.

Dicevano: “Questo è per la stampa, signora”.

Lei rispondeva: “Io sono la stampa”.

Erano i primi anni ’70 e Dóirín Mhic Mhurch fu il primo e unico giornalista sportivo della stazione. In effetti, è stata probabilmente la prima giornalista sportiva donna del paese. I suoi figli sono disposti a correggerlo, ma è giusto dire che questa donna di 5 piedi e due – “Sono così orgogliosa di quel mezzo pollice”, diceva – ha superato il limite come giornalista sportiva in viaggio per partite, in lungo e in largo, su una Honda 50.

Non perdere mai una partita, indipendentemente dal tempo. Quando tornava a casa nevicando e gelando, suo marito Eamonn era in fiamme e diceva sempre che era spaventoso mandare ragazzi con quel tipo di tempo.

A quel punto, nel suo rapporto, si era già fermata mentre andava al telefono.

Teneva in equilibrio il suo taccuino cablato su un telefono pubblico e premeva il pulsante A – i lettori più grandi capirebbero – e alzava la voce al di sopra del rumore di un bar o di un hotel locale.

Tutti i giornalisti hanno fatto e ricordano quei giorni a bassa tecnologia, con Raidió na Gaeltachta che compie 50 anni, un pezzo importante della storia sociale.

È anche importante ricordare un tempo, non molto tempo fa, in cui la presenza di una donna da segnalare per una partita GAA era un evento raro.

In effetti, i primi tempi furono così difficili che Dóirín Mhic Mhurchú si realizzò una scheda stampa, usando un Pritt Stick, un pezzo di cartone e il logo del triskele Raidió na Gaeltachta. Non ha avuto problemi di nuovo, e quando è arrivata la carta ufficiale NUJ, gli ascoltatori erano quasi tutti maschi. Sport un Domhnaigh Non solo si è abituata alla sua voce, ma lui la vedeva come un’autorità.

READ  Agnelli è rimasto solo e la sua presidenza bianconera è "discutibile", secondo la stampa italiana

È stata coinvolta con il Rinn GAA Club a Co Waterford dagli anni ’70, ricoprendo una serie di incarichi da cancelliere, PRO, funzionario di lingua irlandese, a vicepresidente. Ha anche giocato e nel 1974 si è schierata come attaccante a pieno titolo, giocando insieme a sua figlia Shin, per vincere la finale della contea di Kamoji Junior. Era già nonna.

Non solo GAA lo ha coperto. Ha riferito di tutto, da un punto all’altro, allo stadio, alla radio e alla televisione, e ha anche scritto in inglese per Stampa irlandeseE il Indipendente irlandeseE il Irish TimesE il re d’irlandatra le altre cose.

Quando la famiglia ha installato un telefono intorno al 1975, è stata una manna dal cielo. Infatti, sua figlia, la scrittrice Shen Ui Foglu, dice che installare un telefono in quel momento era come una piscina, un lusso.

Tuttavia, sua madre ha avuto un nuovo problema, poiché ha dovuto trovare un angolo tranquillo della casa o bandire la sua “zampa selvaggia” di cinque bambini dalla cucina per poter scrivere il suo rapporto.

“Ma non ha mai mancato di rispettare le sue scadenze”, aggiunge sua figlia.

Nel 1978, la vita è diventata più facile quando ha ottenuto la sua prima macchina, una Mini.

Mentre Dóirín Mhic Mhurch non ha guadagnato molto da quello che ha fatto – “guadagnava solo la buccia”, dice sua figlia – è giustamente ricordata come una donna che ha rotto una barriera nella stampa sportiva.

Ha anche sfondato un’altra barriera: la barriera linguistica. Lei e suo marito non potevano aprire un conto bancario a Dungarvan, nella contea di Waterford, alla fine degli anni ’60 perché si rifiutavano di fornire la versione inglese dei loro nomi. Hanno portato i loro affari in un’altra banca prima dei loro nomi irlandesi.

READ  Lo svizzero Goat Behrami ha mantenuto il titolo Super G in un incidente segnato da incidenti

L’amore e la padronanza della lingua irlandese di Dóirín Mhic Mhurch sono stati tanto più sorprendenti perché è nata a Liverpool.

Ha sentito suo padre, Dennis Harding, un medico, parlare la lingua da bambina e poi ha preso lezioni quando lavorava per la Dublin Corporation a Dublino nei primi anni ’50. Il suo futuro marito, Eamonn McMurshaw, era il suo mentore.

Ci ho pensato quando ho compilato il mio modulo di censimento durante il fine settimana ed ho esitato a chiedere se parlavo irlandese o meno. Dopo 14 anni di studi in Irlanda dovevo dire di sì, ma dovevo anche spuntare la sezione in cui ammetto di non parlarlo bene. Non credo che occorra aspettare che torni il censimento per sapere che non sono solo.

È chiaro che Dóirín Mhic Mhurchú aveva un talento per le lingue. Parlava correntemente cinque lingue – irlandese, inglese, spagnolo, francese e italiano – e aveva una certa conoscenza di arabo, polacco, svedese e tedesco.

Ma, come chiede suo figlio, Ariel McMurshaw, CEO di Nemeton TV, perché accettiamo di passare così tanto tempo a studiare una lingua a scuola, ma ancora non la parliamo?

È un’ottima domanda che merita più attenzione ora che la riparazione di Leaving Cert è nell’aria.

Mettila in un altro modo. Cosa accadrebbe se abbandonassimo la scuola dopo aver trascorso 14 anni a studiare matematica, ma non potessimo aggiungere?

Ci sarà una protesta nazionale e molte inchieste. Perché allora lasciamo che così tanto tempo scolastico scompaia effettivamente sotto il buco nero?

Non possiamo incolpare tutto il povero Peig Sayers, anche se potremmo accusare un sistema scolastico che ha trattenuto le parole del talentuoso narratore. L’ha anche modificato, suscitando molto colore e pettegolezzo.

READ  La stampa italiana ha elogiato il tecnico "speciale" della Lazio Sarri per aver vinto il "Festival dei Gol" su Mourinho a Roma

È facile inculcare l’amore per le lingue, come dimostrarono Dóirín ed Éamonn quando parlarono irlandese ai loro figli dopo essersi trasferiti nel bush australiano nel Queensland nel 1960. Vi trascorsero tre anni prima di tornare in Irlanda e infine stabilirsi a Rennes.

Big Sayers: C’era di più nel narratore principale di quanto pensassi.

Entrambi si sono profondamente immersi nella comunità locale, Eamonn come manager della cooperativa locale An Stór e Dóirín come giornalista locale, appassionato di kamoji, organista della chiesa e membro di innumerevoli organizzazioni di Comhaltas Ceoltóirí Éireann e Irish Rural Society Gaeltacht Civil Rights.

Era una scrittrice e autrice Pilash Na Bo Vin Pubblicato nel 1994 sul pellegrinaggio gaelico a Santiago de Compostela), artigiano, musicista, compositore, ballerino e cantante, insegnante e affermato viaggiatore.

Il lunedì prima della sua morte, all’età di 84 anni nel 2014, si è seduta in ospedale e ha prodotto una rivista che pubblicizzava Viaggi in Turchia: “Guarda, possiamo arrivare in Turchia per 129 euro!”, ha detto a sua figlia!

Il suo contributo alla lingua irlandese nella sua vita è stato riconosciuto quando l’allora presidente Mary McAleese le ha conferito l’Oireachtas na Gaeilge Award nel 2008. Ma questo non sembra essere abbastanza.

Per lo meno, ci dovrebbe essere un premio giornalistico a suo nome, o meglio ancora, potremmo prendere un foglio dal suo libro quando insegni (e impari) le lingue a scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.