La polizia francese schiera droni al confine italiano per rintracciare i migranti

La polizia francese schiera droni al confine italiano per rintracciare i migranti

Nel mezzo di una lite tra Italia e Francia sulla politica di immigrazione, le autorità francesi hanno iniziato a utilizzare i droni al confine con l’Italia per monitorare il numero di migranti. L’Italia dice che l’interpretazione della Francia delle cifre è sbagliata.

Giovedì (11 maggio) un quotidiano francese Bel mattutino Ha riferito che la prefettura di polizia locale di Nizza (non lontano dal confine italiano) aveva accettato di utilizzare i droni alla frontiera per monitorare il numero di migranti che attraversano almeno i prossimi tre mesi.

Il rapporto affermava che quattro droni sarebbero stati inizialmente utilizzati per pattugliare quattro diverse aree intorno a Mentone. Uno lungo il confine del Mar Mediterraneo. Uno intorno a un grande centro commerciale tra Mentone e Castelar, un terzo nella zona di Sospel e un quarto intorno a Brill-sur-Roya. Sulla pagina Twitter del giornale, l’immagine di un drone racconta la storia:

Le autorità francesi hanno affermato di aver bisogno dei droni a causa delle “molte opportunità di raggiungere il confine in queste aree”, aggiungendo che “è fisicamente impossibile impedire alle persone di attraversare irregolarmente il confine senza l’uso di droni”, ha affermato la Prefettura di Nizza.

Leggi anche: “Metodi illegali” nelle zone d’ombra schierate dalla polizia francese sul suolo italiano

La tensione francese è aumentata Il ministro accusa il leader italiano di “mentire”

Questo passo avanti Una serie di sviluppi che portarono ad un aumento della tensione tra Italia e Francia sulla politica dell’immigrazione. Il governo francese, a sua volta preso di mira dai partiti di estrema destra dell’opposizione che affermano che il governo francese sta fallendo nella sua politica sui rifugiati, ha annunciato il 26 aprile che avrebbe inviato 150 agenti di polizia al confine italiano.

Poi, la scorsa settimana, il ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, ha annullato un viaggio programmato a Parigi per parlare con la sua controparte, il ministro degli Esteri Catherine Colonna, citando gli insulti del ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin contro il governo italiano e il primo ministro italiano Giorgia Meloni.

Parla in una stazione radio francese RMCDarmanin ha accusato la Meloni di “mentire” agli elettori non mantenendo le sue promesse pre-elettorali per fermare l’immigrazione. Ha anche affermato che il governo italiano è “incapace” e responsabile dell’aumento del numero di migranti che entrano in Francia attraverso il confine italiano sulla costa occidentale e oltre le Alpi.

Da file: Migranti monitorano i treni da Ventimiglia in Italia alla stazione Garavane di Mentone da parte della Polizia di Stato e del Protettorato Civile | Foto: Jean-François Otonello / picture alliance / dpa / MAXPPP

Sebbene il ministro degli Esteri francese si sia scusato, Tajani e il governo italiano hanno affermato che le scuse erano “insufficienti” e avrebbero dovuto essere gestite in modo diverso.

READ  L'Italia firma un accordo per accogliere lavoratori migranti dalla Tunisia

Sulla stampa italiana di questa settimana, anche le autorità francesi sono state accusate di aver segnalato più valichi di frontiera di quanti ce ne siano in realtà.

Attraversamenti di frontiera: le ONG respingono le richieste di aumento del numero

Secondo un giornale italiano di destra Giornale di ElleIl prefetto francese ha affermato che 12.607 migranti sono stati fermati al confine italo-francese intorno a Mentone dall’inizio dell’anno. secondo dpaÈ un aumento del 40%. Ma, Bel mattutino Mettere i numeri a circa 9.000.

secondo Giornale di ElleNon c’è boom di immigrati alla frontiera. Il giornale ha pubblicato un articolo il 9 maggio, in cui si diceva che la Francia annuncia che c’è un aumento del 33% nel numero di migranti che attraversano dall’Italia alla Francia, ma questo non era vero.

Avvocati e associazioni che aiutano i migranti alla frontiera negano che si siano verificati aumenti così consistenti Giornale di Elle. “Il boom di cui parlano i politici non corrisponde alla realtà sul campo”, ha detto Mireille Damiano, un avvocato di Nizza che lavora con le associazioni di migranti nella regione e rappresenta i bambini migranti. Giornale di Elle. Le associazioni dicono che le cifre sono più dovute al fatto che a causa dell’inasprimento dei controlli, i migranti tentano più volte di attraversare il confine e ogni volta che vengono catturati, vengono registrati.

Le associazioni di migranti affermano che il numero effettivo di migranti nell’area non è aumentato, e lo si capisce dal numero di persone a cui vengono distribuiti i pasti. Un portavoce delle organizzazioni ha dichiarato: “In estate, di solito serviamo circa 300 pasti al giorno, e in questo momento la media è tra 100 e 150”.

Leggi anche: Perché così tanti migranti arrivano sulle coste italiane?

Dal fascicolo: Migranti espulsi e scortati dalle forze dell'ordine a Ventimiglia lungo la statale Orillia, chiusa al traffico per motivi di sicurezza |  Foto: Carlo Alessi/ANSA
Dal fascicolo: Migranti espulsi e scortati dalle forze dell’ordine a Ventimiglia lungo la statale Orillia, chiusa al traffico per motivi di sicurezza | Foto: Carlo Alessi/ANSA

L’associazione medica Medici Senza Frontiere, che lavora anche con i migranti nella zona, conferma questa valutazione. “Non stiamo assistendo a un aumento del numero di immigrati a Ventimiglia”, hanno detto alla stampa italiana. io dimentico. “A volte i numeri che cercano di incrociare salgono, a volte scendono, ma rimane abbastanza costante.”

🎧 Ascolta anche: Informazioni Racconti di migranti dal confine Podcast dal confine italo-francese (Francia)

Minori non accompagnati: centri di accoglienza pieni, cd respingimenti

Ad aprile, i funzionari del dipartimento francese responsabile della regione di confine, Alpes-Maritimes, hanno affermato che un numero così elevato di minori non accompagnati aveva attraversato il confine che le loro strutture di accoglienza non erano più in grado di gestire i numeri.

Il 19 aprile, il dipartimento ha dichiarato che dall’inizio dell’anno erano arrivati ​​in totale 1.202 minori non accompagnati e 110 nella settimana precedente a quella data, ha riferito il quotidiano in lingua italiana. L’Indipendente.

Alcuni immigrati hanno subito un congelamento e sono morti mentre cercavano di percorrere gli alti sentieri alpini tra Italia e Francia per evitare i numerosi controlli |  Foto: Danny Mitzman/Information Migrants
Alcuni immigrati hanno subito un congelamento e sono morti mentre cercavano di percorrere gli alti sentieri alpini tra Italia e Francia per evitare i numerosi controlli | Foto: Danny Mitzman/Information Migrants

Le autorità italiane hanno ripetutamente affermato che le autorità francesi effettuano de facto respingimenti alla frontiera e violano accordi bilaterali e diritti umani. Secondo il regolamento di Dublino, i migranti devono rimanere nel primo paese di ingresso dell’UE, che nella maggior parte dei casi sarebbe l’Italia per coloro che tentano di attraversare il confine italiano verso la Francia. Tuttavia, la polizia francese non è autorizzata a respingere i minori non accompagnati, anche se l’Italia è il primo Paese in cui entrano.

READ  Il giro di Wayne per l'Italia sulla KTM SMT - Terza parte

ha detto un volontario dell’ente di beneficenza cattolico Caritas, che lavora con i migranti al confine L’Indipendente Avevano infatti saputo che le autorità francesi avevano allontanato alcuni minori. “Spesso i minori ci dicono che verranno lasciati alla frontiera e che la polizia scriverà loro una data di nascita falsa, o che la polizia di frontiera francese prenderà loro i documenti”.

Il giornalista per cui ha scritto la storia L’Indipendente Citando un immigrato di 15 anni, che si fa chiamare Kaleido, dalla Guinea. Ha detto di essere arrivato a Lampedusa alla fine di marzo. Ha soggiornato per alcune settimane in un centro per minori non accompagnati a Catania, in Sicilia, e poi ha deciso di iniziare il suo viaggio verso la Francia, dove racconta di avere una zia a Parigi.

Leggi anche: Medici Senza Frontiere afferma che la Francia ha rimpatriato in Italia i minori non accompagnati

La storia di Caleido

Kalido disse L’Indipendente che i suoi genitori erano morti in Guinea e sognava di diventare un elettricista in Francia. “In Guinea non ci sono opportunità reali o posti di lavoro permanenti, in Francia ci sono più opportunità”. Calido ha detto che le autorità italiane si sono prese cura di lui, ma poiché parlava già francese, ha pensato che sarebbe stato meglio attraversare il confine con la Francia.

Kalido ha detto di aver tentato di attraversare in treno ed è stato catturato dalle autorità italiane. Raccontare L’Indipendente Lo hanno lasciato in un container durante la notte prima di respingerlo oltre il confine al mattino. Hanno registrato i suoi dettagli dai documenti in suo possesso, ma ha affermato di aver cambiato la sua data di nascita. Dice che il poliziotto gli ha detto: “Non hai 15 anni, ne hai 20”.

Kalidou dice di aver mostrato al poliziotto il documento che dice che è nato nel 2008 ma il poliziotto non ne vuole sapere.

Lo ha detto l’avvocato Jacobo Colomba, che collabora con diverse associazioni che aiutano gli immigrati a Ventimiglia, tra cui WeWorld e CaritasIndipendente che casi come Kalidous sono “all’ordine del giorno”. Di recente, ha affermato, hanno visto aumentare il numero di minori non accompagnati che arrivano dalla Costa d’Avorio e dalla Guinea. Ciò corrisponde ai numeri generalmente più elevati di immigrati provenienti da questi due paesi attualmente in Italia. Molti di loro hanno lasciato la Tunisia e parlano francese, quindi sperano di arrivare in Francia nella speranza di trovarvi lavoro o posti di studio.

READ  Kosher Brooklyn, la food blogger Chaney Apfelbaum diventa italiana - The Forward

🎧 Ascolta anche: Informazioni Migranti Racconti dal confine Podcast dalla Sicilia

La polizia italiana rimpatria i minori in Francia

secondo L’IndipendenteLa polizia italiana ha ora iniziato a restituire i minori espulsi dalla Francia ai loro colleghi francesi. Columba ha commentato: “È un vero ping pong”. l’Indipendente. Secondo i dati della provincia di Imperia, le autorità italiane hanno rimpatriato in Francia circa 360 minori nei primi tre mesi del 2023.

Nel 2019, un gruppo di cinque ONG, tra cui Amnesty International, ha gestito un’inchiesta parlamentare sulle pratiche della polizia di frontiera al confine tra Francia e Italia. Hanno documentato molte delle pratiche segnalate dai migranti, comprese le accuse di rimpatrio di minori non accompagnati. Tuttavia, nonostante il rapporto, pubblicato nel 2021, “nulla è cambiato molto nella pratica al confine”, afferma Martine Landry di Amnesty International a Mentone.

Dal file: I migranti camminano lungo il fiume Roga, vicino a Ventimiglia, nel nord-ovest dell'Italia, verso il confine francese, questa è l'area in cui verrà dispiegato uno dei droni |  Foto: Ansa/Chiara Carnini
Dal file: I migranti camminano lungo il fiume Roga, vicino a Ventimiglia, nel nord-ovest dell’Italia, verso il confine francese, questa è l’area in cui verrà dispiegato uno dei droni | Foto: Ansa/Chiara Carnini

Sul versante italiano del confine anche le strutture di accoglienza hanno difficoltà a fornire posti letto a tutti coloro che ne hanno bisogno. Di conseguenza, molti immigrati finiscono a dormire per strada. Molti dei campi allestiti nella zona sono stati chiusi. I volontari temono che con più arrivi in ​​Italia, la situazione al confine francese dovrebbe peggiorare.

I volontari della Caritas, come Federica, concordano sul fatto che c’è una “crisi dei migranti” ma non nel senso che molti politici intendono, ma nel senso che non ci sono abbastanza strutture di accoglienza su entrambi i lati del confine. disse Federica l’Indipendente“Non risolveremo le cose impedendo alle persone di muoversi, perché troveranno sempre un modo per attraversare le frontiere. Dobbiamo invece assicurarci che il nostro sistema di accoglienza sia adeguatamente impostato per accogliere le persone”.

Negli ultimi anni, decine di migranti hanno perso la vita nel tentativo di attraversare i confini, saltando sui camion, nascondendosi sui treni o arrampicandosi sulle Alpi, a volte morendo di congelamento o congelamento. Per evitare ripetute pattuglie della polizia.

🎧 Ascolta anche: Informazioni Migrants’ Tales from the Border Podcast Dal confine italo-francese (Italia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *