La NASA scopre un “buco nero in rapida crescita” che è l’anello mancante nella galassia misteriosa

GNz7q era in agguato inosservato in una delle aree meglio studiate di notte.

astronauti dell’agenzia spaziale americana, Il Centro Nazionale per l’Aeronautica e l’Amministrazione Spaziale (NASA) ha recentemente trovato prove di un “buco nero in rapida crescita” – a lungo considerato l'”anello mancante” nella nostra conoscenza dell’universo primordiale. Utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble, gli astronauti hanno scoperto l’oggetto “mostro” che si è formato circa 750 milioni di anni dopo il Big Bang.

Agenzia spaziale americana spiegareFinora, il mostro, soprannominato GNz7q, è rimasto in agguato inosservato in una delle regioni più studiate del cielo notturno, la Great Observations Origins Deep Survey-North (GOODS-North).

“Il team ha ottenuto prove che GNz7q è un buco nero di nuova formazione. Hubble ha trovato una sorgente compressa di radiazioni ultraviolette (UV) e infrarosse. Non può essere causata dall’emissione delle galassie, ma è coerente con la radiazione prevista dal materiale esistente”. La NASA ha aggiunto. .

Inoltre, secondo gli astronauti, i buchi neri in rapida crescita nelle polverose galassie di formazione stellare, previsti da teorie e simulazioni al computer, non sono ancora stati osservati. Seiji Fujimoto, astronomo del Niels Bohr Institute dell’Università di Copenaghen, ha spiegato che analisi recenti indicano che GNz7q è il primo esempio di buco nero in rapida crescita nel nucleo polveroso di una galassia stellare in un’epoca vicina al supermassiccio più vicino. Il buco nero conosciuto nell’universo.

“Le proprietà dell’oggetto attraverso lo spettro elettromagnetico sono in ottimo accordo con le previsioni delle simulazioni teoriche”, ha aggiunto Seiji Fujimoto in una dichiarazione.

Le attuali teorie prevedono che i buchi neri supermassicci inizino la loro vita nei nuclei ricoperti di polvere di galassie “starburst” ad alta formazione di stelle prima di espellere il gas e la polvere circostanti ed emergere come quasar iperluminosi, che sono essenzialmente gli oggetti molto luminosi nell’universo che si dice siano alimentati da buchi neri.

READ  L'Harrison Park ha soppresso uccelli, anatre e oche a causa dell'influenza aviaria

Ha detto agli astronauti che, sebbene ciò sia estremamente raro, nell’universo primordiale sono state scoperte sia polverose galassie starburst che quasar luminosi. Pertanto, il team ritiene che GNz7q potrebbe essere l'”anello mancante” tra le due classi di oggetti poiché contiene esattamente entrambi i lati della galassia starburst e del quasar.

Vale la pena notare che questa ultima scoperta fornisce un nuovo modo per comprendere la rapida crescita dei buchi neri supermassicci nei primi giorni dell’universo. Pertanto, gli astronauti della NASA ritengono che l’ultima scoperta fornisca un esempio dei precursori dei buchi neri supermassicci che hanno osservato in epoche successive.

Ora, il team spera ora di cercare sistematicamente oggetti simili utilizzando sondaggi personalizzati ad alta risoluzione e sfruttando la NASA Telescopio spaziale James Webb spettrofotometri per studiare oggetti come GNz7q con dettagli senza precedenti”, ha affermato l’agenzia spaziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.