La Germania restituisce all’Italia 14 reperti e alcuni reperti rubati dai musei – ARTnews.com

La Germania restituisce all’Italia 14 reperti e alcuni reperti rubati dai musei – ARTnews.com

La Germania ha recentemente restituito all’Italia 14 reperti dopo che erano stati rubati da musei italiani o scavi illegali.

Gli oggetti includevano un elmo corinzio in bronzo del III o IV secolo a.C. e una kylix attica del 550-40 a.C., ceramiche, oltre a quattro monete d’oro rubate dal Museo Archeologico Nazionale di Parma nel 2009.

“Le condizioni dell’elmo indicano che è stato conservato nel terreno per molto tempo”, ha detto. Comunicato stampa emesso dall’Ufficio di polizia criminale statale bavarese. Potrebbe essere stato scoperto nell’Italia meridionale durante gli scavi dei pirati.

Articoli Correlati

Anche la bara veneziana del XVI secolo, rubata dal Museo del Castello Sforzesco di Milano nel 2006, è stata recuperata e restituita all’Italia. È stato contrabbandato illegalmente attraverso il Regno Unito in Belgio e poi in Germania, dove è stato messo in vendita. La bara, prodotta nella bottega di Embriachi, presentava “una caratteristica miscela di intarsi in legno e intagli su ossa di animali”.

Nel dicembre 2019, la Polizia dei Beni Culturali dei Carabinieri in Italia ha identificato una casa d’aste a Monaco che vendeva una ciotola kylix, un bicchiere usato nell’antica Grecia, nonostante la sua esportazione illegale dal paese. La ciotola è stata indagata e messa al sicuro dalla polizia criminale statale bavarese ai sensi della legge sulla protezione dei beni culturali del paese.

Le quattro monete d’oro romano-bizantine, coniate singolarmente, furono introdotte come nuova unità monetaria dall’imperatore Costantino il Grande nel 309. Le monete in oro massiccio e in oro rimasero in circolazione per più di un millennio fino alla conquista di Costantinopoli. Sono stati recuperati da entrambe le società e proprietari privati.

READ  Interruzione del resort Disney Genie e Genie+ Experience, la merce del nuovo padiglione Italia arriva all'EPCOT e altro ancora: brief giornaliero (23/10/8)

La polizia tedesca aveva recuperato gli oggetti attraverso le indagini iniziate nell’estate del 2019.

Gli oggetti sono stati rimpatriati durante una cerimonia a Roma tra Guido Lemmer, vice capo dell’Ufficio della polizia criminale di Stato della Baviera, e Vincenzo Molinis, generale di brigata, il 5 giugno. “Il ritorno conferma ancora una volta l’ottima collaborazione tra le autorità italiane e bavaresi”, ha affermato Lemmer, “è il risultato di una riflessione più profonda che tutela i beni culturali come patrimonio comune europeo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *