La Ferrari Roma Spider è una bestia aggraziata sotto quelle linee eleganti – riferisce Rob

La Ferrari Roma Spider è una bestia aggraziata sotto quelle linee eleganti – riferisce Rob

Il nuovo modello con tetto opzionale della Ferrari Roma, un’auto sportiva ispirata alla capitale italiana e costruita a Maranello, non ha dovuto andare lontano per il suo debutto tematicamente dinamico. La Sardegna è solo a un passo dalla terraferma del paese, ma trasuda il massimo dello stile cosmopolita e di una natura selvaggia che sembra perfettamente in armonia con la sorprendentemente performante Roma Spider della Ferrari.

Con l NO Nuova Dolce Vita logo, la coupé ha segnato un cambiamento radicale nel linguaggio del design della casa automobilistica, guidato dall’abbraccio della sensualità da parte del capo del design della Ferrari, Flavio Manzoni. Convertire un hardtop in un’elegante decappottabile non è un compito facile, soprattutto quando l’argomento è platonico come la coupé Roma. La Spider rappresenta anche una pietra miliare nella storia della Ferrari in quanto prima decappottabile con motore anteriore e capote in tela dai tempi della Daytona, che terminò la produzione mezzo secolo fa.

Ferrari Roma Spider da 612 CV.

Ferrari Spa

In quanto tale, lo zingaro conserva il suo muso grande e appariscente, che vanta un’attraente combinazione di curve complesse e punte di postura. La distanza tra la plancia e l’asse continua questo tema, addolcito da una lunga portiera e da una sezione posteriore abbastanza compatta. Risolvere il meccanismo di ripiegamento della capote con la sezione della coda deve essere stata una vera sfida perché il montante C della coupé incontra una serie di elementi di design, tra cui la curvatura delle estremità posteriori, il montaggio piatto del lunotto e la relativamente sbalzo di coda corto.

La parte posteriore della decappottabile sembra avere molto da offrire visivamente, soprattutto quando la capote in tessuto a cinque strati è ripiegata. La combinazione di tutte queste forme può sembrare strana da certi angoli, sfidando la semplice grazia del muso con caratteristiche notevolmente più provocatorie che completano lo spoiler attivo.

La parte posteriore della Roma Spider sembra visivamente molto interessante, soprattutto quando la capote in tessuto a cinque strati è ripiegata.

Ferrari Spa

Almeno dal posto di guida, c’è uno spettacolo familiare e rassicurante per gli appassionati del marchio: davanti e al centro c’è una rappresentazione digitale convincente dell’enorme contagiri, evidenziato da una linea rossa di 7.500 giri/min. Il volante è stato ripreso dalla Purosangue ed è un aggiornamento rispetto al volante della coupé perché è meno suscettibile all’attivazione accidentale dei sensori tattili. Un ingegnere Ferrari ha rivelato che i conducenti sperimentano la metà del numero di interazioni con la nuova ruota; Diciamo che l’aggiornamento non arriverà abbastanza presto.

La parte superiore si ripiega in 13,5 secondi e funziona a velocità fino a 60 km/h, aprendo l’interno riccamente dettagliato al sole e alle stelle. I rinforzi della carrozzeria e l’aggiunta di elementi come un roll bar, che si apre automaticamente in caso di ribaltamento imminente, aggiungono un totale di 185 libbre alla Roma Spider. Ma il rapporto peso/potenza è una forte controargomentazione alla massa leggermente aumentata, grazie a un V-8 da 3,9 litri biturbo che produce 612 cavalli con 561 piedi-libbra di coppia.

La parte superiore può scendere o salire in 13,5 secondi e funzionare a velocità fino a 37 mph.

Ferrari Spa

Il propulsore fa sembrare l’auto veloce senza sforzo, soprattutto perché l’80% della coppia arriva a 1.900 giri al minuto. Il cambio automatico a doppia frizione a otto velocità è posizionato sopra l’asse posteriore per il bilanciamento e funziona all’unisono con il motore in modalità Comfort (regolato dal quadrante Manettino montato sul volante), anche se i cambi possono diventare bruschi in impostazioni più aggressive. La trasmissione tende a cambiare marcia presto e ignorando la strategia automatica toccando le grandi palette si ottengono rapidi cambi di marcia, sebbene la trasmissione non si sposterà automaticamente alla linea rossa a meno che non sia selezionata la modalità bagnato. Tieni d’occhio le eleganti luci degli interruttori montate sul volante e fai clic di conseguenza; La tua attività dipende da questo.

Il volante della Roma Spider, ripreso dalla Purosangio, è un aggiornamento rispetto a quello della coupé.

Ferrari Spa

Entra nella zona e il V-8 si avvia con notevole forza, soprattutto considerando che la Roma Spider sembra troppo elegante e raffinata per una spinta così potente. Anche se è necessaria un po’ di coordinazione occhio-mano per ottimizzare il cambio aggressivo, abbiamo scoperto che le sospensioni fanno un ottimo lavoro nel bilanciare una guida conforme con sufficiente aderenza e compostezza per gestire con sicurezza le curve strette. C’è una risposta dello sterzo acuta ed esaltante, con una sensazione stabile e facile da controllare su come il telaio si adatta in curva. Sebbene il suono dello scarico del motore sembri sostanziale man mano che sale attraverso la gamma di regimi, è anche abbastanza sottile da trasmettere il sibilo del turbocompressore quando il tetto in tessuto è abbassato.

La capote è disponibile con una texture metallica che le conferisce una struttura quasi tridimensionale, che i designer Ferrari paragonano all’effetto “optical”. . . Effetto “cucitura”. Il tetto fornisce un buon isolamento acustico quando attivato. Abbassandolo, tuttavia, il rumore del vento entrerà nell’abitacolo finché il parabrezza non verrà azionato con la semplice pressione di un pulsante. Quest’ultimo aziona un lembo ampio e piatto per sollevare i sedili posteriori. È un pezzo ben rifinito e rivestito in pelle, anche se la grande chiusura nella parte inferiore ne sminuisce l’aspetto minimalista.

Il tetto fornisce un buon isolamento acustico quando attivato.

Ferrari Spa

Coloro che si chiedono perché il deflettore del vento interferisce con i sedili posteriori non devono preoccuparsi, poiché la Ferrari lo chiama 2+ (non 2+2) per un motivo: i sedili posteriori sono solo cerimoniali, con pochissimo spazio per le gambe per un adulto di taglia normale. . Una volta in posizione, il deflettore consente una notevole riduzione della turbolenza, anche se per riporlo è necessario raggiungere un po’ i sedili anteriori per rimetterlo in posizione.

Lungo le tortuose strade costiere della Sardegna, la Roma Spyder riesce a far sentire il conducente non solo connesso con la macchina e la strada, ma con l’insieme di questi splendidi dintorni: la definizione di automobilismo NO dolce Vita.

Clicca qui per altre foto della Ferrari Roma Spider.

Ferrari Roma Spider da 612 CV.

Ferrari Spa

READ  La batteria MagSafe più potente offre al tuo iPhone una straordinaria potenza di 10.000 mAh: Yanko Design

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *