La capsula Boeing ritorna dalla stazione spaziale dopo un volo di prova senza equipaggio

Il taxi dell’equipaggio della Boeing è tornato sulla Terra dalla Stazione Spaziale Internazionale mercoledì, completando un volo di prova ripetuto prima che gli astronauti della NASA vi salissero a bordo.

Il viaggio di ritorno è stato veloce: la capsula Starliner si è paracadutata nel deserto del New Mexico solo quattro ore dopo aver lasciato il laboratorio in orbita, con airbag attaccati per attutire l’atterraggio. Solo il manichino era attorcigliato.

A parte i guasti al propulsore e gli ostacoli al sistema di raffreddamento, lo Starliner sembrava aver risolto la sua crociera traballante e ad alto rischio, due anni e mezzo dopo il suo lancio. Primo tentativo fallito. I controllori di volo di Houston hanno applaudito e acclamato l’attacco a occhio di bue.

Porterà i prossimi astronauti della NASA in viaggio verso la stazione spaziale. L’agenzia spaziale desiderava da tempo che due compagnie statunitensi concorrenti facessero volare astronauti, fornendole un’assicurazione aggiuntiva in quanto ha ridotto significativamente la sua dipendenza dalla Russia per i voli da e per la stazione spaziale.

SpaceX di Elon Musk è già l’ammiraglia consolidata, lanciando astronauti dal 2020 e persino turisti. Le capsule dell’equipaggio stanno cadendo al largo della costa della Florida. Un Boeing Starliner torna nell’ampio raggio missilistico dell’esercito americano nel New Mexico.

Questa immagine della NASA TV mostra un Boeing Starliner in avvicinamento alla Stazione Spaziale Internazionale lo scorso venerdì. (NASA/Stampa Associata)

Boeing ha annullato il suo primo tentativo di raggiungere la stazione spaziale nel 2019, dopo che i bug del software hanno lasciato la capsula nell’orbita sbagliata e l’hanno quasi spazzata via. L’azienda ha corretto i difetti e ha riprovato l’estate scorsa, ma l’usura delle valvole ha fermato il conto alla rovescia. Dopo ulteriori riparazioni, lo Starliner è finalmente decollato da Cape Canaveral giovedì scorso e ha attraccato alla stazione spaziale venerdì.

Gli astronauti della stazione hanno testato i sistemi informatici e di comunicazione di Starliner durante i suoi cinque giorni sulla stazione spaziale. Hanno anche scaricato centinaia di chilogrammi di generi alimentari e altri rifornimenti che sono volati nella capsula Boeing, quindi li hanno riempiti con serbatoi d’aria vuoti e altre apparecchiature scartate.

La bandiera americana piegata inviata dalla Boeing è rimasta indietro, solo per essere recuperata dal primo equipaggio di Starliner.

“Siamo un po’ tristi di vederlo andare”, ha detto l’astronauta Bob Hines alla radio mentre la capsula volava via.

Lungo il volo c’era un manichino di prova Starliner: Rosie the Rocketeer, un decollo su Rosie the Riveter nella seconda guerra mondiale.

Le riparazioni e le migrazioni sono costate a Boeing quasi 600 milioni di dollari.

READ  NASA e USGS rilasciano le prime immagini di Landsat 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.