Just Dropped: nuove foto ravvicinate di Io da Juno, con altre in arrivo

Just Dropped: nuove foto ravvicinate di Io da Juno, con altre in arrivo

Il 1 marzo 2023, la navicella spaziale Juno della NASA ha sorvolato la luna di Giove Io, arrivando a 51.500 chilometri (32.030 miglia) dalla più profonda e terza più grande delle quattro lune galileiane. Nuove straordinarie immagini forniscono la visione migliore e più ravvicinata della luna vulcanica del nostro sistema solare da quando la missione New Horizons ha attraversato il sistema Io e il sistema Giove nel 2006 in viaggio verso Plutone.

La luna di Giove Io, vista dallo strumento JunoCam di Juno, il 1° marzo 2023. Credito: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS/Elaborato da Kevin M. Gill.

Chiaramente, Io sembra ancora una pizza. La superficie screziata e colorata deriva dall’attività vulcanica, con centinaia di prese d’aria e caldere sulla superficie che creano una varietà di caratteristiche. I pennacchi vulcanici e le colate laviche sulla superficie appaiono in tutti i colori, dal rosso al giallo, all’arancione e al nero. Alcuni “fiumi” di lava si estendono per centinaia di chilometri.

Nella sua missione estesa, Juno ha ora orbitato attorno a Giove 49 volte, ed è sulla buona strada per studiare diverse lune di Giove. Quest’ultimo sorvolo di Io è stato il terzo di nove sorvoli della luna vulcanica nel corso dell’anno successivo, con il primo sorvolo nel dicembre del 2022. Da Io.

Jason Perry, un esperto di monitoraggio Io che ha lavorato con i team di imaging di Cassini, Galileo e HiRISE ha detto su Twitter Un primo sguardo a queste immagini mostra alcuni sottili cambiamenti rispetto alle immagini di New Horizons.

READ  I 5 posti migliori per osservare l'eclissi solare totale del 2024 a Montreal

“I cambiamenti superficiali sono piuttosto sottili, ma ce ne sono almeno due”, ha scritto Perry. «Il primo è un piccolo corso d’acqua proveniente dall’estremità orientale di Jirou Est. Questo è il [volcanic] Un hotspot visto per la prima volta da New Horizons è nel mezzo di un miniburst. Ancora attivo secondo Juno Jerome.

Carta infrarossa delle aurore gioviane (Gerram) è uno strumento duale costituito da un imager e uno spettrofotometro che condividono lo stesso telescopio.

Altri dati mostrano il cratere a forma di ciotola di Choros Patera, ha detto Berry. “Il materiale rossastro su Io indica la presenza di S3-S4, uno zolfo a catena corta che deve essere regolarmente reintegrato attraverso l’attività vulcanica ad alta temperatura”, ha spiegato.

JunoCam è uno strumento a luce visibile ad alta risoluzione, che in realtà non fa parte del carico utile scientifico primario del veicolo spaziale. Inclusa nella missione come telecamera di sensibilizzazione del pubblico, le sue immagini vengono elaborate da membri del pubblico, molti dei quali elaborano attivamente le immagini di Giunone sin dal suo arrivo su Giove nel 2016. Tuttavia, con un’abbondanza di Immagini di JunoCam, Si scopre che le foto sono state utilizzate anche per la scienza.

Immagini qui da Andrea FortunaE Kevin M. Gill AAbbreviazione II Jason Perri.

Il prossimo incontro di Giunone con Io sarà durante Peregov 51 il 16 maggio 2023 a una distanza di 35.000 km.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *