Jacob Zuma, ex presidente sudafricano, rinvia la scadenza del carcere con l’ultima mossa legale

Nella domanda, il 79enne Zuma e il suo avvocato hanno affermato che la sentenza era in pericolo di vita e che la decisione della Corte costituzionale era ingiusta nei confronti del loro cliente.

Viene dopo che Zuma si è ordinato di arrendersi a una stazione di polizia nella sua città natale di Nkandla o Johannesburg entro la fine di domenica. In caso contrario, la polizia ha avuto tre giorni di tempo per portarlo dentro.

L’udienza della Corte Costituzionale si svolgerà il 12 luglio. Alcuni analisti legali affermano che è improbabile che la richiesta abbia successo, ma fa guadagnare più tempo alla necessità.

Martedì 6 luglio, un tribunale superiore di Pietermaritzburg ascolterà una richiesta separata di Zuma per fermare la sua detenzione da parte della Corte Costituzionale – ma data la decisione di ascoltare la richiesta di revoca, gli esperti legali ritengono di poter informare la loro decisione sull’opportunità di arrestare Zuma .

“testa in teflon”

Sabato, i sostenitori di Zuma si sono riuniti nella sua casa di campagna a Nkandla. Ad un certo punto, l’uomo conosciuto come il “Capo Teflon” ha lasciato il complesso circondato da capi Amabutu Zulu in costume tradizionale per ispezionare l’area. “Se viene arrestato, andremo in guerra”, ha gridato un sostenitore zulu.

La decisione della corte è arrivata poco dopo l’arrivo a Nkandla del segretario generale dell’African National Congress, Ace Magachul, per consultarsi con l’ex presidente. I problemi legali in corso di Zuma sono visti come una prova importante della democrazia costituzionale del Sudafrica.

Martedì Zuma è stato giudicato oltraggioso alla corte per essersi rifiutato di comparire davanti alla Commissione anticorruzione per rispondere alle domande sul suo presunto coinvolgimento nella corruzione durante la sua presidenza.

READ  Un numero crescente di senatori repubblicani è contrario a processare l'ex presidente

La commissione ha scoperto diffuse accuse di corruzione del governo durante la presidenza di Zuma. Zuma ha ripetutamente negato le accuse.

In una dura sentenza emessa martedì dalla Corte costituzionale, il giudice El-Sisi Kambibe ha affermato che Zuma ha cercato di minare la legittimità della Corte costituzionale lanciando una “campagna diffamatoria a sfondo politico” contro di essa, la commissione e la magistratura.

In risposta, la Zuma Foundation ha affermato che i giudici non sono al di sopra della legge. “Ha sempre insistito sul fatto che dovrebbe essere trattato come qualsiasi altro cittadino e che i suoi diritti a un’eguale protezione delle leggi devono essere rispettati e protetti”, si legge nella dichiarazione della fondazione rilasciata mercoledì sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *