Italia: un sopravvissuto a un naufragio afferma che i contrabbandieri hanno chiesto il pagamento dopo essere sfuggito alla morte

Italia: un sopravvissuto a un naufragio afferma che i contrabbandieri hanno chiesto il pagamento dopo essere sfuggito alla morte

Dopo che una nave è affondata al largo dell’Italia meridionale alla fine di febbraio e ha provocato 88 morti, i contrabbandieri chiedono ancora ai sopravvissuti di pagare per il viaggio, ha detto questa settimana un testimone a un giudice per le indagini preliminari.

Il sopravvissuto RK ha dichiarato martedì (21 marzo) in un tribunale dell’Italia meridionale che le persone che hanno organizzato la traversata in barca dalla Turchia all’Italia hanno richiesto ai sopravvissuti di completare il pagamento per la traversata, indipendentemente dal fatto che abbiano perso i membri della famiglia nel naufragio.

Ha testimoniato in udienza preliminare presso il Tribunale per i Minorenni di Catanzaro, nell’ambito del procedimento giudiziario a carico di un presunto contrabbandiere di 17 anni.

Il testimone ha detto che i sopravvissuti hanno scattato foto di se stessi o dei loro familiari hanno scattato foto – sebbene fonti giudiziarie affermassero che quei dettagli non erano ancora chiari nella testimonianza – presso il Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cara) nel comune di Isola di Capo Rizzuto. sapeva chi era ancora vivo dopo il naufragio.

Ha detto alla corte che gli è stato chiesto di pagare 8.300 euro tramite bonifico.

I trafficanti non hanno permesso ai migranti di chiedere aiuto

Come racconta R. K. I dettagli su ciò che è accaduto prima e durante il naufragio sono davanti al tribunale.

Ha detto che i contrabbandieri volevano arrivare in Italia di notte per eludere le forze di sicurezza. Per non essere visti, il 25 febbraio si sono fermati in mare ad aspettare la notte, nonostante le proteste degli immigrati.

Secondo r. K. I trafficanti hanno preso i telefoni dei migranti non appena sono saliti a bordo e li hanno restituiti poco prima che raggiungessero la riva. Ha detto che hanno attivato uno scrambler per impedire loro di chiamare i soccorsi.

READ  È morto Andrea Francetti, il principale produttore italiano

disse R. K. I contrabbandieri si sono rifiutati di allertare le autorità quando erano in prossimità della costa nonostante le insistenze dei passeggeri a bordo.

disse R. K. Secondo il tribunale, non appena si sono avvicinati alla riva, hanno notato alcune luci e, temendo la presenza delle forze dell’ordine, hanno fatto una brusca virata. Secondo quanto riferito, la barca, battuta dalle onde, si è inclinata di lato e poi si è capovolta.

disse R. K. È sopravvissuto nuotando “dai 20 ai 30 minuti” fino alla riva “dove c’erano i Carabinieri”.

Il più grave incidente marittimo di migranti al largo dell’Italia da anni

Proseguirà nei prossimi giorni a Catanzaro l’udienza preliminare del 17enne sospetto contrabbandiere. La prossima settimana potrebbe iniziare a Crotone un’altra udienza preliminare per altri presunti trafficanti di adulti.

Sulle operazioni di soccorso sta indagando anche la Procura di Crotone per capire se siano stati commessi errori penalmente rilevanti da parte delle autorità.

I giocattoli vengono deposti vicino alle bare bianche dei bambini morti nel naufragio dei migranti al Palasport di Crotone, nel sud-est dell’Italia | Foto: EPA/Carmelo Empisi

Il naufragio del 26 febbraio è stato il più mortale incidente di barche di migranti vicino alle coste italiane degli ultimi anni. Finora sono stati recuperati i corpi di 88 passeggeri mentre un numero imprecisato di passeggeri risulta ancora disperso. Il corpo di un uomo che si ritiene avesse circa 30 anni è stato l’ultimo corpo recuperato martedì (21 marzo).

Tra coloro che sono morti tra le macerie c’erano dozzine di bambini, un’atleta pakistana che sperava di ottenere migliori cure mediche per il figlio disabile e una giornalista afghana fuggita dai talebani con la sua famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *