Intervista AP: la Serie A cerca di correggere l’antirazzismo

Il portiere del Milan Gianluigi Donnarumma, centro, e il giocatore della Fiorentina Germain Pizella, sinistro, si salutano sotto uno striscione con la scritta “Elimina il razzismo” nell’ambito della nuova campagna antirazzismo lanciata domenica scorsa dal campionato italiano di calcio, prima dell’inizio del campionato italiano. Serie A. Una partita tra Fiorentina e Milan allo stadio Artemio Franchi di Firenze, domenica 21 marzo 2021. Gli sforzi della Serie A per combattere il razzismo in casa sono in rovina da più di un anno quando il CEO della Liga Luigi De Cervo ha deciso di prendere la decisione. le sue stesse mani. (SPADA / Labrese tramite The Associated Press)

ROMA – Non è riuscita a lanciare una campagna contro il razzismo, compresa la pittura di scimmie. Continui fallimenti nel punire i club i cui fan cantano le scimmie ai giocatori di colore. Un pungente attacco verbale del presidente della FIFA Gianni Infantino, che ha criticato le autorità calcistiche italiane per “nascondere la verità” sulla discriminazione.

E persino il malcontento pubblico nei confronti di un sopravvissuto all’Olocausto diventato senatore italiano.

Gli sforzi della Serie A per combattere il razzismo in casa erano a pezzi poco più di un anno fa, quando il CEO della Liga Luigi De Cervo decise di subentrare.

Mentre i titoli dei giornali parlavano di comportamenti offensivi nei confronti di Mario Balotelli, Romelu Lukaku e Calido Coulibaly, è stato lo sconosciuto portiere senegalese ad attirare l’attenzione di De Cervo.

Verso la fine del 2019, Omar Dafi è stato eliminato dal campo di una partita a cui ha partecipato la squadra dilettantistica di Agazanez quando nessuno è intervenuto per impedire agli spettatori del comune di Banolo nel Piano Emilia Romagna di lanciare canti offensivi contro di lui. La partita è stata sospesa e Daffe è stato – inspiegabilmente – bandito da una partita.

READ  Rugby a sei nazioni | Elisa Giordano: il supereroe italiano, dentro e fuori dal campo

“Quando ho sentito la sua storia, l’ho chiamato e gli ho chiesto se voleva cambiare lavoro e venire a lavorare per noi e iniziare il processo”, ha detto de Cervo.

Il 39enne è stato colto di sorpresa quando De Siervo gli ha offerto l’opportunità di assumere la responsabilità dell’ufficio antidiscriminazione e responsabilità sociale d’impresa di Serie A.

“Sì, sono rimasto davvero sorpreso, ma poi quando gli ho parlato ho capito che voleva davvero cambiare le cose. Questo è ciò che mi ha convinto ad accettare il lavoro”, ha detto Duffy all’Associated Press in un’intervista. “Mi è stato chiesto di fornire la mia esperienza e i miei sentimenti come giocatore e come persona per fornire un punto di vista”.

Una prospettiva che ha contribuito a influenzare la campagna di sensibilizzazione rivista del campionato che è stata lanciata in tutti i formati della Serie A italiana lo scorso fine settimana in coordinamento con il Dipartimento antidiscriminazione del governo italiano.

Prima di tutte e 10 le partite è stato riprodotto un video clip che mostra i giocatori di tutti i 20 club di Serie A e tutti i tipi di sfondi che trasmettono un forte messaggio di inclusività. I giocatori hanno indossato toppe speciali – e forse la cosa più importante – la Lega italiana ha collaborato con EA Sports per introdurre “Keep Racism Out” nel videogioco FIFA 21 in modo che “i giocatori di tutto il mondo possano acquistare l’uniforme e usarla per la loro squadra “.

“Abbiamo cercato di farlo in un modo che abbraccia ogni livello del calcio, così anche i bambini che praticano sport imparano quanto sia importante combattere la discriminazione”, ha detto de Servo.

READ  L'Inter punta a Roma, Fiorentina e Emerson del Chelsea per creare un "nucleo italiano", hanno spiegato i media italiani

Può sembrare strano che il lancio sia avvenuto in un momento in cui ai tifosi non è consentito assistere alle partite in Italia a causa della pandemia di Coronavirus. Ma, come ha sottolineato de Cervo, l’assenza di curiosi ha mascherato solo temporaneamente il razzismo.

L’amministratore delegato ha detto: “È ancora lì”. Il problema del razzismo è antico quanto la storia del mondo. Con il dovuto rispetto, né l’Inghilterra né nessun altro l’hanno risolto.

“Non è che ci sia meno razzismo in Inghilterra. Ma c’è un diverso livello di tolleranza, perché le persone (diverse) vivono insieme più a lungo”, ha aggiunto de Servo. “L’Italia è un Paese in cui l’immigrazione di massa è arrivata solo di recente. La Francia ha fatto più progressi perché è un Paese più multiculturale del nostro”.

Circa tre decenni fa, l’immigrazione era un nuovo fenomeno in Italia, una nazione cattolica prevalentemente bianca con una lunga storia di immigrazione. Oggi, circa il 9% della popolazione italiana di 60 milioni di abitanti è di nazionalità straniera, secondo l’ISTAT, l’agenzia nazionale di statistica del paese.

Quasi un quinto di questi stranieri proviene da paesi africani, come Duffy, arrivato in Italia all’età di 18 anni e alla fine è diventato cittadino italiano.

Tuttavia, la percezione dall’esterno è che il razzismo sia gestito con molta leggerezza in Italia.

“C’è sfiducia nei confronti di persone diverse, ovvero un diverso ‘straniero’ o semplicemente una persona diversa”, ha detto Duffy. “Anche tra gli italiani, e mi metto in questa categoria perché sono italiano, c’è discriminazione tra persone di altre regioni. Tra nord e sud. Lo vediamo nella discriminazione contro le terre. C’è lavoro che resta da fare. essere fatto anche in quest’area. ”

READ  La Juventus tiene l'Inter per raggiungere la finale di Coppa Italia

Di seguito sono riportati gli incontri dell’ufficio antidiscriminazione del campionato con giocatori come Balotelli, Lukaku e Coulibaly che hanno subito il razzismo, mentre ci sono già gruppi di lavoro che studiano come imporre sanzioni più efficaci.

“Ciò di cui abbiamo veramente bisogno è consentire alle forze dell’ordine di utilizzare la tecnologia di riconoscimento facciale per identificare le persone responsabili e non consentire loro di entrare negli stadi”, ha detto de Cervo. Ma ci vorranno mesi.

“È solo l’inizio. Abbiamo una lunga strada da percorrere.”


Lo scrittore londinese di Associated Press World Soccer Rob Harris ha contribuito a questo rapporto.


Altro da AP Soccer: https://apnews.com/hub/Soccer e https://twitter.com/AP_Sports


Andrew Dampf è su https://twitter.com/AndrewDampf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *