Indagine sul trasferimento da 12,9 milioni di sterline di Cristiano Ronaldo dalla Juventus al Manchester United

Il trasferimento di 12,9 milioni di sterline di Cristiano Ronaldo dalla Juventus al Manchester United è oggetto di indagine da parte dei pubblici ministeri italiani mentre il club di Serie A vede i loro uffici perquisiti per la seconda volta

  • Si indaga sul trasferimento di Cristiano Ronaldo dalla Juventus al Manchester United
  • Le autorità italiane hanno ordinato una seconda perquisizione degli uffici della squadra italiana di Serie A
  • L’attaccante portoghese ha completato un ritorno all’Old Trafford per £ 12,9 milioni ad agosto


I pubblici ministeri italiani hanno ordinato una nuova perquisizione degli uffici della Juventus nell’ambito di un’indagine in corso sul campionato di calcio italiano mentre studiano i termini finanziari della vendita del giocatore Cristiano Ronaldo, ha detto la società giovedì in tarda serata.

La procura di Torino ha dichiarato la scorsa settimana che stavano già esaminando se i dirigenti della Juventus avessero fatto false chiamate agli investitori e fatturato transazioni inesistenti.

Il club ha confermato che sta collaborando pienamente con le autorità in questo senso.

La Procura italiana studia i termini della cessione di Cristiano Ronaldo dalla Juventus allo United

Venerdì scorso la polizia ha fatto irruzione negli uffici del club di Torino e Milano, prendendo come prova contratti, fatture e bilanci dei giocatori.

Ne consegue che la Juventus abbia erroneamente registrato i valori di trasferimento tra il 2019 e il 2021 per consentirle di rispettare una corretta regolamentazione finanziaria.

Le autorità italiane hanno sequestrato documenti relativi a trasferimenti, fatture e bilanci con sei funzionari della Juventus – tra cui il presidente del club Andrea Agnelli e il vicepresidente Pavel Nedved sotto inchiesta, oltre alla stessa Juventus.

READ  Grace Staberg ha vinto un bronzo verticale alla Coppa del Mondo di sci alpinismo italiano

Indagato anche Fabio Paratici, che è stato direttore sportivo della Juventus prima di ricoprire un ruolo simile con il Tottenham la scorsa estate. Un’inchiesta è già stata aperta dall’organismo di vigilanza del calcio italiano Covisoc e dal regolatore finanziario Consob.

Venerdì scorso gli uffici del club sono stati perquisiti e tutti i contratti, le fatture e i rendiconti sono stati registrati

Venerdì scorso gli uffici del club sono stati perquisiti e tutti i contratti, le fatture e i rendiconti sono stati registrati

come Sportsmail Segnalato all’inizio di questa settimana, l’accordo da 47 milioni di sterline per Christian Romero al Tottenham ad agosto – lo stesso giorno in cui ha lasciato la Juventus per l’Atalanta per soli 13,5 milioni di sterline – è uno dei 42 accordi che sono stati esaminati dalla polizia tra le accuse di falso in bilancio.

Altre offerte della Juventus che sono sotto inchiesta includono la firma di Joao Cancelo da 27,4 milioni di sterline da parte del Manchester City due anni fa.

Il processo di trasferimento ha visto Danilo spostarsi nella direzione opposta in uno scambio parziale, oltre a un altro accordo di scambio che ha visto il centrocampista bosniaco Miralem Pjanic unirsi al Barcellona con il centrocampista brasiliano Arthur Melo trasferirsi alla Juventus.

L’autorità italiana per i diritti dei consumatori ha affermato che la Juventus potrebbe essere retrocessa in Serie B ed essere privata del titolo di Serie A 2020 a causa delle indagini.

Ad agosto, la Juventus ha raggiunto un accordo per vendere la stella del calcio portoghese al Manchester United per 23 milioni di euro (19,5 milioni di sterline), di cui 8 milioni di euro (6,8 milioni di sterline) legati al raggiungimento di obiettivi di prestazione specifici.

La Juventus ha dichiarato all’epoca che l’accordo aveva un impatto economico negativo di 14 milioni di euro (11,9 milioni di sterline) sui risultati per l’anno finanziario 2020-2021.

Reportage in Italia, made in Gazzetta dello sport, hanno affermato che ci sarebbero state registrazioni di telefonate in cui i dirigenti della Juventus parlavano di un “documento che in teoria non dovrebbe esistere” riguardo a Ronaldo, ma gli inquirenti non hanno ancora trovato il documento in questione.

Secondo quanto riferito, i dirigenti della Juventus interrogati dai pubblici ministeri finora non sono riusciti a spiegare la natura dell’accordo fatto con Ronaldo, che ha segnato 101 gol in 134 partite per i giganti italiani.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *