Il sabotaggio ucraino del ponte di Crimea “rovescia” le operazioni navali – capo dell’intelligence

Il sabotaggio ucraino del ponte di Crimea “rovescia” le operazioni navali – capo dell’intelligence

Vasyl Malyuk, recentemente nominato capo del servizio di sicurezza dello Stato ucraino, osserva durante una sessione del parlamento ucraino, nel mezzo dell’attacco russo all’Ucraina, a Kiev, in Ucraina, il 7 febbraio 2023. Servizio stampa presidenziale ucraino/Dispensa tramite Reuters/Foto d’archivio Ottenere i diritti di licenza

24 novembre (Reuters) – Un attacco di droni navali ucraini al ponte russo di Crimea a luglio ha “annullato” le operazioni navali e costretto Mosca a ricorrere ai traghetti per trasportare armi, ha detto il capo della principale agenzia di intelligence ucraina in un video trasmesso venerdì.

Vasyl Malyuk, capo dei servizi di sicurezza ucraini, ha affermato che il secondo dei due grandi attacchi di agosto ha gravemente interrotto le operazioni sul ponte lungo 19 chilometri, il più lungo d’Europa, e ha indebolito l’idea che la Russia fosse invincibile.

“Abbiamo praticamente invertito la filosofia delle operazioni navali”, ha detto Malik nella prima parte di una serie di documentari televisivi intitolati “SBU, Operazioni Speciali per la Vittoria”.

“Abbiamo distrutto il mito dell’invincibilità della Russia. Lo Stato è falso. Il ponte è destinato al fallimento. Molte sorprese ci aspettano, e non solo il ponte di Crimea.”

Malyuk ha spiegato come l’attacco, sostenuto dal presidente Volodymyr Zelenskyj, abbia coinvolto cinque droni SeaBaby marittimi, controllati a distanza da Kiev, 1.000 chilometri (600 miglia) a nord.

I videoclip hanno mostrato una violenta esplosione sul ponte e i tecnici applaudivano per il risultato nella sala di controllo.

Il documentario afferma che i rapporti forniti dagli agenti mostrano che sei delle otto strutture di supporto sono state distrutte e due danneggiate, e le forze russe si sono rivolte ai traghetti per rifornire le loro forze di armi.

READ  Russia-Ucraina: nuove informazioni si aggiungono ai timori degli Stati Uniti che la Russia si stia preparando per un'azione militare

La Russia ha affermato che l’attacco di luglio ha ucciso due persone sul ponte che collega la Crimea alla terraferma russa su strada e ferrovia. Da allora, il traffico sul ponte è continuato, anche se le autorità russe affermano che i lavori di riparazione sono ancora in corso.

Il ponte è stato completato in pompa magna nel 2018, quattro anni dopo che Mosca aveva annesso la penisola e l’aveva dichiarata territorio russo per sempre.

L’attacco al ponte è una di una serie di operazioni offensive ucraine nel Mar Nero, compreso un attacco missilistico al quartier generale della flotta del Mar Nero a Sebastopoli a settembre.

Zelenskyj ha affermato questo mese che l’Ucraina ha preso l’iniziativa della Russia nel Mar Nero e, grazie all’uso di droni navali, ha costretto la flotta navale e le navi da guerra russe a ritirarsi.

(Segnalazione di Ron Popeski e Oleksandr Kozhar – Preparato da Muhammad per l’Arab Bulletin) Montaggio di Josie Kao

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *