Il robot Marte su cui ha lavorato uno scienziato della Columbia Britannica si ritrae mentre la polvere cade sui pannelli solari – Victoria News

Uno dei pannelli solari larghi 7 piedi di InSight fotografati dalla telecamera di atterraggio. (credito: NASA/JPL-Caltech)
Tramonto su Marte il 25 aprile 2019, il 145° giorno marziano dell'anno, intorno alle 18:30 (Credit: NASA/JPL-Caltech)Tramonto su Marte il 25 aprile 2019, il 145° giorno marziano dell’anno, intorno alle 18:30 (Credit: NASA/JPL-Caltech)

La polvere rossa di Marte si deposita lentamente sui pannelli solari dei robot della NASA, segnando la fine di una missione di quattro anni per esaminare il funzionamento interno di Marte.

Lanciata nel 2018, la sonda InSight è stato il primo atterraggio della NASA su Marte dal 2012. È stata anche la prima a misurare con successo la crosta, il mantello e il nucleo del pianeta.

Usando il suo braccio lungo sei piedi, il robot stazionario è stato in grado di posizionare una talpa meccanica e un sismometro a terra. La talpa semovente ha quindi tagliato 16 piedi verso il basso per misurare il calore interno del pianeta, mentre un sismometro ad alta tecnologia ascolta i possibili piccoli movimenti del suolo noti come paludi.

“… ha effettuato misurazioni del movimento della Terra (dati sismici) e del tempo (temperatura, vento, pressione e persino campo magnetico) e ha misurato con precisione la rotazione del pianeta, il tutto per aiutarci a capire come si sono formati i pianeti rocciosi nel nostro sistema solare”, ha detto la co-investigatrice di Insight e professoressa UBC Kathryn Johnson in un comunicato stampa.

Una delle grandi domande dei ricercatori era scoprire come la Terra sia diventata così ospitale, mentre altri pianeti no. Marte una volta aveva fiumi e laghi che scorrevano, ma ora i suoi delta e bacini lacustri si sono prosciugati e il pianeta è freddo.

Johnson ha detto che quattro anni (due anni di Marte) non hanno permesso loro di rispondere alla grande domanda, ma ha dato risultati per altri, tra cui “lo spessore della crosta di Marte, quanto è grande il nucleo metallico, la struttura interna del pianeta, quando e dove accadono i terremoti e quanto sono grandi”.

READ  Il nucleo interno della Terra potrebbe effettivamente essere morbido

Johnson ha detto di aver notato più terremoti durante alcuni periodi dell’anno marziano, portandoli a credere che debba essere stagionale. Il motivo del suo verificarsi è sconosciuto.

Hanno anche appreso come le rocce sotto la sonda sono state magnetizzate e che ci sono differenze nel campo magnetico del pianeta. Come la Terra, il campo magnetico cambia dal giorno alla notte, ma a differenza della Terra, si verificano anche brevi fluttuazioni di un minuto. Johnson ha detto che il motivo rimane un mistero.

Con l’alimentatore InSight ora disabilitato, non sarà operativo a breve, anche se il resto rimane in perfette condizioni. Johnson ha detto che stanno mettendo offline le macchine una per una e le spegneranno completamente entro giugno.

Ma, ha aggiunto, se i pannelli solari verranno rimossi in futuro da forti venti, il team sarà pronto a riutilizzarli.

File dell’Associated Press


Incorpora il tweet
[email protected]

come noi Facebook e seguici Twitter.

Marsquaker, pannelli solari, SpaceUBC


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.