Ali Abbasi presenta a Cannes il film “Persian Noir” con il film “The Holy Spider”

Il regista iraniano Ali Abbasi ha presentato in anteprima domenica al Festival di Cannes il suo “Holy Spider”, la storia di un serial killer nella città santa di Mashhad – basata su una storia vera – soprannominata “Fares Noir”.

“Questo è un film noir. Questo è noir persiano”, ha detto Abbasi a Reuters.

Il film porta gli spettatori alla periferia della città iraniana, dove il serial killer Saeed Hani, interpretato da Mehdi Baghistani, dà la caccia alle prostitute indigenti in quella che vede come una missione di epurazione.

È perseguitato dal giornalista investigativo Rahimi, che interpreta Zar Amir Ibrahimi, e sospetta che la corruzione locale stia ostacolando il suo arresto.

“Vogliamo costruire un universo, un universo che sia oscuro, che abbia la pancia, che abbia un vizio, che abbia problemi, con tutti i tipi di lotte in corso”, ha detto Abbasi. “È un quadro accurato dell’Iran?”

Il film mostra una società spietata per coloro che si discostano dalle sue regole religiose. Quando il vero “assassino di ragni” è stato arrestato nel 2001, ha trovato supporto per la sua argomentazione secondo cui stava sradicando quella che chiamava corruzione morale, anche se è stato condannato e giustiziato l’anno successivo.

“Parlo di un caso reale, non lo sapevamo… Verrà condannato? Verrà punito?”, ha detto Abbasi.

Il film, distribuito da Metropolitan Filmexport, è uno dei 21 film in lizza per la prima Palma d’Oro del festival. Abbasi ha vinto il Premio Cannes nella categoria “Un Certain Regard” nel 2018 per la categoria “Border”.

Descrivendo la natura ambivalente della società iraniana, in cui le donne possono essere dottori e ingegneri altamente qualificati, ma sono anche strettamente controllate su ciò che indossano e su come appaiono in pubblico, il regista ha affermato di aver cercato di esporre queste tensioni.

READ  Recensione: Gelsomina Verde - Cineuropa

Questa immagine non è unilaterale. C’è motivo di speranza. C’è anche motivo di avere paura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.