Il robot della NASA scopre l’enorme terremoto marziano che ha battuto tutti i record precedenti

La NASA ha molti modi per osservare Marte, e uno di questi è il lander InSight dell’agenzia, progettato per misurare l’interno del pianeta e consentire ai ricercatori di sviluppare una migliore comprensione della storia, del presente e del futuro di Marte.

In passato, il lander InSight, che è atterrato per la prima volta su Marte nel novembre 2018, ha Monitoraggio e misurazione dei terremoti con un sismometroLo strumento scientifico di base. Ora, secondo uno studio recentemente pubblicato su Giornale di registrazione sismicala sonda InSight ha rilevato due grandi terremoti che si sono schiantati Tutti i record preimpostati. Il primo è stato rivelato il 25 agosto 2021, seguito dal secondo il 18 settembre 2021.

La prima palude si chiamava S0976a e durò diversi secondi prima di passare. I lander di InSight hanno registrato un’intensità di 4,2. Il secondo terremoto è durato molto più a lungo del primo, coprendo 94 minuti prima di passare. Il terremoto marziano di 94 minuti è ora il più lungo mai rilevato dall’uomo. In particolare, entrambi i terremoti provenivano dal lato opposto di Marte, poiché la maggior parte dei terremoti già registrati è stata fatta risalire a fonti di origine vicino al lander InSight.

Non solo gli eventi più grandi e distanti con un ampio margine, S1000a ha uno spettro e una durata diversi da qualsiasi altro evento osservato in precedenza. Questi sono eventi davvero interessanti nel catalogo sismico marziano,Ha detto l’autrice principale dello studio Anna Hurleston.

I 3 migliori articoli consigliati da Jak:

Leggi di più: La NASA conferma che un asteroide largo più di 1.000 piedi si avvicinerà alla Terra ad aprile

READ  Linguaggio: lo studio ha scoperto che i cani raccolgono singole parole in modo simile ai bambini

Leggi di più: 17 Esplosioni solari L’esplosione del Sole ha colpito la Terra a quasi 2 milioni di miglia orarie

Leggi di più: L’esercito ucraino vince il primo premio e si impossessa dell’ultimo equipaggiamento russo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.