Il primo ministro sudanese è trattenuto a casa del generale dopo che l’esercito ha preso il potere

Il maggiore generale sudanese Abdel Fattah al-Burhan ha difeso l’acquisizione dell’esercito, affermando martedì di aver estromesso il governo di transizione del primo ministro Abdalla Hamdok per evitare la guerra civile.

Nella sua prima conferenza stampa da quando è stata annunciata la sua acquisizione lunedì, Al-Burhan ha accusato i politici di incitamento contro le forze armate. Ha detto che Hamdok non è stato ferito e che è stato portato a casa di al-Burhan.

Al-Burhan ha detto: “Il primo ministro era a casa sua. Tuttavia, temevamo che fosse in pericolo, quindi è stato messo con me a casa mia”.

“I pericoli a cui abbiamo assistito la scorsa settimana avrebbero potuto portare il Paese alla guerra civile”.

I ministri del Consiglio dei ministri avevano partecipato a manifestazioni la scorsa settimana per protestare contro la possibilità di un colpo di stato militare.

I soldati hanno arrestato lunedì il primo ministro e membri del suo gabinetto e ore dopo Burhan è apparso in televisione per annunciare lo scioglimento del Consiglio di sovranità, un organismo istituito per condividere il potere tra rappresentanti militari e civili.

La presa del potere da parte dell’esercito ha fermato la transizione del Sudan alla democrazia due anni dopo che una rivolta popolare aveva rovesciato l’ex presidente Omar al-Bashir.

Un funzionario del ministero della salute ha detto che sette persone sono state uccise lunedì negli scontri tra manifestanti e forze di sicurezza.

Chiusura negozi e sciopero generale

Le immagini sui social media hanno mostrato nuove proteste nelle strade martedì nelle città di Atbara, Dongola, El Obeid e Port Sudan. I manifestanti cantavano: “Non voltare le spalle all’esercito. L’esercito non ti proteggerà”.

READ  Apparentemente i social media e le app di messaggistica sono stati chiusi in Zambia il giorno delle elezioni

Khartoum e la città di Omdurman, che si trova sulle rive del Nilo dalla capitale, sono state parzialmente chiuse, con negozi chiusi e pennacchi di fumo che si alzavano da dove i manifestanti stavano bruciando pneumatici.

Gli inviti per uno sciopero generale sono stati trasmessi dagli altoparlanti della moschea. Strade e ponti sono stati chiusi da soldati o barricate di manifestanti.

I sudanesi hanno eretto barricate per protestare contro il colpo di stato militare che lunedì ha rovesciato la transizione al governo civile nell’area di Shagara, a sud di Khartoum. (AFP/Getty Images)

Al-Burhan ha affermato che il lavoro dell’esercito non è stato un colpo di stato, perché l’esercito stava cercando di aprire la strada a una transizione politica.

“Volevamo solo correggere la rotta verso una fase di transizione”, ha detto. “Abbiamo promesso al popolo del Sudan e al mondo intero: proteggeremo questa transizione”.

Ha detto che si sarebbe formato un nuovo governo che non includerebbe nessun politico tipico.

Condannato il sequestro e chiesto il rilascio dei ministri

I paesi occidentali hanno condannato il colpo di stato, hanno chiesto il rilascio dei ministri detenuti e hanno affermato che taglierebbero gli aiuti se i militari non si preparassero a condividere il potere con i civili.

Il Sudan, evitato per decenni sotto Bashir, ha fatto affidamento sugli aiuti occidentali per superare una crisi economica nei due anni trascorsi dal rovesciamento di Bashir.

Le forze di sicurezza sudanesi guardano fuori da un ospedale militare e da uffici governativi nella città di Omdurman, capitale, durante le proteste di lunedì. (AFP/Getty Images)

Le banche e gli sportelli automatici sono stati chiusi martedì e le applicazioni mobili ampiamente utilizzate per trasferire denaro erano inaccessibili.

“Stiamo pagando per questa crisi”, ha detto un uomo sulla cinquantina in cerca di medicine in una farmacia dove le scorte erano scarse.

“Non possiamo lavorare, non troviamo pane, servizi e soldi”.

Nella città occidentale di El Geneina, il cittadino Adam Haroun ha affermato che c’è una completa disobbedienza civile, con scuole, negozi e distributori di benzina chiusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *