Il negozio di fiori di Burnaby è stato condannato a pagare gli ex dipendenti, gli straordinari e le ferie – BC News

Il negozio di fiori di Burnaby è stato condannato a pagare gli ex dipendenti, gli straordinari e le ferie – BC News

Un ex dipendente di un negozio di fiori di Burnaby è stato pagato $ 3.616,97 dopo aver presentato un reclamo al direttore degli standard di occupazione della contea.

Katrina Chang ha lavorato Fiore d’Epargne in Metrotown (4923 Kingsway) dal 1 gennaio 2020 fino alle sue dimissioni in data 31 gennaio 2022, ai sensi L’Employment Standards Tribunal ha deciso la scorsa settimana.

Ha presentato una denuncia a marzo, sostenendo che il negozio ha violato l’Employment Standards Act non riuscendo a pagare i suoi salari regolari e straordinari, l’indennità di ferie legale e il compenso per la sua anzianità di servizio, secondo la sentenza del 23 febbraio.

Dopo un’indagine, il direttore degli standard di occupazione della contea ha stabilito che la società ha effettivamente violato la legge trattenendo $ 2.116,92 di stipendio, $ 1.344,90 di ferie e $ 53,80 di ferie.

Ma a causa delle dimissioni di Zhang, il preside ha deciso che non aveva diritto a un compenso per l’orario di servizio.

Il manager ha anche schiaffeggiato la società, che è di proprietà di Meda Holdings Ltd. , con multe amministrative di $ 2.000 per violazione della legge.

La proprietaria dell’azienda, Eliza Oh, ha sostenuto che Zhang era un manager del negozio e quindi non aveva diritto agli straordinari legali o alle ferie pagate.

Au ha anche contestato le affermazioni di Zhang sul suo orario di lavoro durante l’ultimo periodo di stipendio.

Ma il preside ha preferito le prove di Zhang, secondo la sentenza, osservando che Au ha fornito tre diverse versioni degli eventi e non ha fornito prove a sostegno delle sue affermazioni.

READ  Rugby: Gli All Blacks raggiungono la fine del girone nel North Round

Nel frattempo, Zhang ha fornito prove sotto forma di messaggi di testo tra lei e il suo datore di lavoro, secondo la sentenza.

Il manager ha anche stabilito che Chang non era un manager del negozio di fiori e aveva diritto a straordinari e ferie non pagati.

“Il manager ha scoperto che sebbene la dipendente potesse aver svolto alcuni compiti di gestione, i suoi compiti principali erano quelli di assistente alle vendite”, afferma la sentenza.

Au ha presentato ricorso contro la decisione del regista al Tribunale per gli standard di occupazioneche sta impugnando le decisioni dell’amministratore, ma il tribunale ha rigettato il ricorso.

“Nel rivedere il verbale e la decisione, non ho trovato alcuna base per interferire con la decisione”, si legge nella sentenza del membro del tribunale Carol L. Roberts. “L’appello del datore di lavoro è, in sostanza, semplicemente un disaccordo con i risultati e le conclusioni del delegato. Spetta al ricorrente dimostrare che esiste una base perché il tribunale interferisca con la decisione. Non sono convinto che il datore di lavoro abbia assunto quel fardello”.

Fleurs D’epargne ha recentemente chiuso il suo negozio Metrotown.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *