Il miglior nuovo ristorante italiano in America è a St. Louis

Questa città senza pretese del Midwest potrebbe essere meglio conosciuta per essere la sede del Gateway Arch, ma St. Louis è ugualmente orgogliosa di essere la sede di uno dei quartieri italiani più duraturi d’America: The Hill. In effetti, la collina è probabilmente l’ultima “Little Italy” rimasta negli Stati Uniti (secondo Questo documentario è di giugno 2020). Ma la prova è nella panna cotta e non può esserci maggiore enfasi sulla genuinità italiana di St. Louis del tanto atteso debutto di La casa di Don Alfonso—Il leggendario primo sito americano con due stelle Michelin Don Alfonso 1890 a Sant’Agata, Italia. Casa Don Alfonso prende il suo posto come il grandioso ristorante principale nell’hotel recentemente rinnovato The Ritz-Carlton, St. Louis. Per Mario Iaccarino, amministratore delegato di Don Alfonso 1890 (ristorante in gran parte a conduzione familiare), St. Louis è stato amore a prima vista. “Dal momento in cui sono atterrato a St. Louis, le persone mi hanno accolto come una famiglia”. Racconta Iaccarino: “Quando la gente della Collina è venuta a mangiare a Casa Don Alfonso e li ho sentiti dire: ‘Mario, sto sognando la casa, la mia infanzia. “Va bene, allora sapevo che stavamo andando nella giusta direzione.”

In effetti, è impossibile non essere trasportati mentre si mangia qui. La salsa di pomodoro fatta in casa arriva con il suo vivace colore arancione dai pomodori coltivati ​​alle pendici del Vesuvio e l’olio d’oliva biologico proviene da un piccolo produttore siciliano. Anche un costume da servitore presenta cravatte e sciarpe realizzate in una piccola fabbrica tessile a Positano in Costiera Amalfitana.

Durante la creazione del menu, Iaccarino ha passato ore a sfogliare i libri di ricette di sua nonna per trovare ispirazione. Voleva che questo menu riflettesse la cucina tradizionale della Costiera Amalfitana italiana e il ruolo storico della regione come una delle prime tappe lungo la Via della Seta. “Molta della nostra cucina è stata influenzata da queste culture”, spiega. “Il menu di Casa Don Alfonso rappresenta 2000 anni di storia del Mediterraneo, dalle spezie e dalle verdure al vino e persino alla pasta originaria della Cina”.

Rappresenta anche i migliori ingredienti italiani.

Considera la pasta. Dice Iaccarino, “Ho fatto ricerche approfondite e studiato ogni dettaglio, non solo le ricette, ma gli elementi di design ei prodotti che possiamo portare a St. Louis”. A questo punto Iaccarino avvicina un sacchetto di pasta alla telecamera sulla chiamata zoom e dice, indicando la pasta: “È quello che serviamo a Casa Don Alfonso. È la migliore pasta che puoi comprare al mondo. Quando mangi un rigatoni, mangi i rigatoni migliori in faccia.” Terra Vogliamo che il tuo pasto sia un’esperienza culturale completa, quando chiudi gli occhi e mangi il nostro cibo Fritto Misto Vogliamo che tu senta il profumo del mare e il sole a Napoli”.

Assaggerai il sole italiano, ma in questo ristorante c’è molto di più di un ottimo piatto di cibo. L’intero ristorante è un tempio meraviglioso per i dettagli; Fino alla spettacolare esposizione di 600 lastre di vetro soffiato a mano (che devono essere lucidate a mano ogni due settimane) che si librano dolcemente sulla sala da pranzo principale. L’enorme cucina aperta è una scena culinaria pura con piastrelle piastrellate trapuntate a mano e un soffitto rivestito di rame che fa da palcoscenico a uno sciame di chef turbolenti.

I posti a sedere sono una vasta gamma di divanetti in pelle e sedie di peluche. L’energia della sala da pranzo è vibrante ed elettrica, ma i lavori di insonorizzazione e le sedute sono realizzati in modo così intelligente che puoi ancora goderti la quiete personale e sarai in grado di ascoltare i tuoi compagni.

Il menu non è un classico menu italiano. Spiccano l’olio della nonna e i maccheroni gratinati (dalla ricetta di nonno Alfonso), ma ci sono anche proposte fresche e innovative come lo stufato di verdure antietà o il cammeo speziato di dentice – fettine sottili di dentice condite con erbe fresche e pepe rosa condite con deliziose arance e un filo di yogurt alla menta. La pizza cotta a legna è sempre un’opzione (tartufo nero o Nduja calabrese), ma il nostro cameriere indica la lasagna, che spiega con orgoglio, “fatta con costata corta e richiede tre giorni per essere realizzata”.

Le tagliatelle fatte in casa sono leggere e delicate, con zuppa di granchio, granchio e polvere di maggiorana e condite con gamberi grassocci e succosi. Se non ti sei già perso nel Mediterraneo, sarai sicuramente con il pescato del giorno: pesce fresco affogato in brodo salato e servito al tavolo avvolto come regalo di compleanno in un bellissimo sacchetto di alluminio trasparente.

Dal momento in cui è arrivato allo Show-Me State, Iaccarino si è sentito come se St Louis fosse un’altra casa. “Era un luogo naturale per costruire una seconda casa per il ristorante”, dice; “Qui ho incontrato una comunità di persone davvero meravigliose. Vogliamo che Casa Don Alfonso sia una bella signora a St. Louis, la fabbrica della felicità.”

READ  Bellissima! Scopri qui la migliore moda made in Italy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *