Il giocatore dell’Atalanta Gasperini ringrazia Guardiola e Klopp per aver resistito alla Premier League


Milan (AFP) – Il tecnico dell’Atalanta Gian Piero Gasperini ha espresso il suo sollievo mercoledì dopo il crollo della Lega Europea e ha ringraziato gli allenatori delle società interessate per essersi espressi contro il progetto.

Dodici importanti club europei, tra cui Juventus, Inter e Milan, hanno annunciato l’inizio del torneo separatista, in cui 15 club fondatori non avrebbero dovuto qualificarsi, lunedì.

Tuttavia, meno di 48 ore dopo, la proposta è stata lasciata a brandelli con il ritiro dei sei club inglesi, e sembra che le squadre della Lega italiana e dell’Atletico Madrid seguiranno l’esempio mercoledì.

L’allenatore del Manchester City Pep Guardiola e l’allenatore del Liverpool Juergen Klopp sono stati tra coloro che hanno criticato i piani, anche se i loro club ne facevano parte.

“Siamo molto contenti di essere tornato in campo”. Gasperini ha detto prima della partita di Serie A di giovedì contro la Roma, lunedì che sembrava non fosse più necessario giocare e ci chiedevamo tutti se il torneo sarebbe finito lì o no.

“Quello che si può imparare da questa giornata è una grande ammirazione per quanto hanno detto Guardiola, Klopp, i giocatori del Liverpool, i tifosi del Chelsea e (il tecnico del Sassuolo Roberto) de Zerby.

“Le persone e i fan hanno reagito magnificamente”.

L’Atalanta ha giocato la Champions League 2019/20 per la prima volta nella sua storia e ha raggiunto i quarti di finale prima di raggiungere gli ottavi di finale di questa stagione, e punta di nuovo al campionato la prossima stagione.

Lo scorso fine settimana il Bergamo ha sconfitto la Juventus per la prima volta in prima divisione dal 2001 ed è terzo in classifica davanti ai campioni d’Italia.

READ  Un altro disastro perché l'Italia non è riuscita a qualificarsi per la Coppa del Mondo

“Fino a due giorni fa non si sentiva molto di meriti sportivi, si parlava solo di obiettivi economici”, ha proseguito Gasperini.

“Posso solo sperare che, con tutto questo, spettacoli come l’Atalanta o altri piccoli club diventino sempre più popolari, con un sistema che lo consente”.

In Italia, l’allenatore del Sassuolo De Zerbi ha dichiarato di voler boicottare la partita di mercoledì contro il Milan per il coinvolgimento del club.

Da allora il Milan ha accettato il fallimento del progetto.

“Voglio scusarmi con i tifosi”, ha detto l’allenatore del Milan Paolo Maldini, in vista della partita del Sassuolo.

“È naturale che la dirigenza di un grande club nel 2021 si renda conto dell’importanza delle entrate finanziarie, ma la lezione da trarre da questo tema è fino a che punto possiamo spingerci.

“Certamente non per cambiare i principi dello sport, del merito e dei sogni che devono essere garantiti a tutti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *