Il corridore bielorusso entra nell’ambasciata polacca a Tokyo dopo aver chiesto aiuto al Comitato Olimpico Internazionale

Un’atleta bielorussa è entrata lunedì nell’ambasciata polacca in Giappone, il giorno dopo che si era rifiutata di salire a bordo di un aereo all’aeroporto di Tokyo che, secondo lei, la sua squadra aveva preso contro la sua volontà.

Un membro della comunità bielorussa con cui era in contatto ha detto che Kristina Tsimanoskaya, 24 anni, avrebbe chiesto asilo in Polonia.

Il viceministro degli Esteri polacco Marcin Przydać ha scritto su Twitter che Tsimanoskaya “ha ottenuto un visto umanitario ed è libera di proseguire la sua carriera sportiva in Polonia se lo desidera”.

Un gruppo di attivisti ha detto che il corridore sta facendo domanda per un visto. Vadim Krivoshiev della Fondazione bielorussa per la solidarietà sportiva ha affermato che il gruppo le ha comprato un biglietto per Varsavia il 4 agosto.

Il portavoce del CIO Mark Adams ha detto in una conferenza stampa che Tsimanoskaya ha trascorso la notte in un hotel dell’aeroporto dopo essere andata dalla polizia giapponese all’aeroporto di Haneda per la protezione di domenica. Ha detto che un certo numero di agenzie sono state in contatto con l’ostilità, incluso l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

In un incidente diplomatico, sia la Polonia che la Repubblica Ceca hanno offerto pubblicamente il loro aiuto lunedì.

“Ci ha assicurato che è al sicuro”, ha detto Adams. “Le stiamo parlando di nuovo questa mattina per capire i prossimi passi”. “Dobbiamo ascoltarla, sapere cosa vuole e sostenerla nella sua decisione”.

La runner, che lunedì avrebbe dovuto correre i 200 metri allo Stadio Olimpico, ha interrotto i suoi giochi quando ha detto di essere stata portata all’aeroporto su un aereo della Turkish Airlines.

Rimuovi il comando “dall’alto”

Ha detto a un giornalista della Reuters tramite Telegram che l’allenatore della Bielorussia è venuto nella sua stanza domenica al villaggio degli atleti e le ha detto che doveva andarsene.

“L’allenatore è venuto da me e ha detto che c’era un ordine dall’alto per rimuovermi”, ha scritto nella lettera. “5 in punto [p.m.] Sono venuti nella mia stanza e mi hanno chiesto di fare le valigie e portarmi all’aeroporto”.

La runner bielorussa Kristina Tsimanoskaya parla domenica con gli agenti di polizia all’aeroporto internazionale di Haneda a Tokyo. Tsimanoskaya afferma che la sua squadra olimpica ha cercato di cacciarla dal Giappone in una disputa che ha portato a uno scontro all’aeroporto. (Issa Kato/Reuters)

Ma si è rifiutata di salire sull’aereo, dicendo a Reuters: “Non tornerò in Bielorussia”.

Il Comitato olimpico bielorusso ha dichiarato in una nota che gli allenatori hanno deciso di ritirare Tsimanoskaya dai Giochi su consiglio dei medici riguardo al suo “stato emotivo e psicologico”.

Yuri Moiseevich, allenatore di atletica bielorussa, ha detto alla televisione di stato che “poteva vedere che c’era qualcosa che non andava in lei… O si è isolata o non ha voluto parlare”.

Tsimanoskaya corre i 100 metri femminili alle Olimpiadi di Tokyo venerdì. (Peter David Guzek/The Associated Press)

Adams ha affermato che il CIO continuerà i colloqui con Tsimanoskaya lunedì e che l’organo di governo delle Olimpiadi ha richiesto un rapporto completo al Comitato olimpico bielorusso.

In risposta a una serie di domande dei giornalisti su cosa farà il CIO per garantire la protezione degli altri atleti nel villaggio, un portavoce del CIO ha affermato che stanno ancora raccogliendo dettagli su cosa sia successo esattamente.

Precedente domanda di asilo in Giappone

Un membro della comunità locale bielorussa, che è rimasta in contatto con l’atleta per tutta la notte, ha detto a Reuters che dopo lunghi colloqui con vari funzionari, ha chiesto asilo in Giappone.

Il governo giapponese ha affermato che l’atleta è rimasta al sicuro mentre gli organizzatori di Tokyo 2020 e il Comitato olimpico internazionale hanno indagato sulle sue intenzioni.

“Il Giappone si sta coordinando con le parti interessate e continua ad adottare misure appropriate”, ha affermato il segretario di gabinetto capo Katsunobu Kato.

Guarda | Un’atleta bielorussa ha dichiarato di essere stata portata all’aeroporto contro la sua volontà:

La velocista bielorussa Kristina Tsimanoskaya ha dichiarato di essere stata rimossa dalla squadra nazionale e portata all’aeroporto di Tokyo contro la sua volontà perché ha criticato gli allenatori nazionali. 2:48

Il Comitato Olimpico Polacco non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il ministro degli Esteri ceco Jakob Kolhanek ha dichiarato di considerare la situazione intorno alla Bielorussia uno “scandalo”.

“La Repubblica Ceca è pronta ad aiutare”, ha scritto su Twitter. “Le stiamo offrendo un visto per entrare nel territorio in modo che possa richiedere protezione internazionale con noi. Anche la nostra ambasciata a Tokyo è pronta ad aiutare”.

Il rifiuto di Tsimanoskaya di salire sull’aereo, riportato per la prima volta da Reuters, ha evidenziato la spaccatura in Bielorussia, l’ex Paese sovietico che il presidente Alexander Lukashenko gestisce a pugno chiuso.

Lunedì, una portavoce del CIO ha dichiarato di aver adottato una serie di misure contro il Comitato olimpico bielorusso in vista delle Olimpiadi sulla scia delle proteste nazionali nel paese.

A marzo, il Comitato Olimpico Internazionale ha rifiutato di riconoscere l’elezione del figlio di Viktor Lukashenko a capo del Comitato Olimpico del Paese. Al padre e al figlio è stato vietato di partecipare ai giochi a dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *