Il Comitato del 6 gennaio emette citazioni in giudizio per il Presidente della Camera Repubblicana e altri 4

Gli investigatori della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti hanno dichiarato giovedì di aver emesso citazioni in giudizio al leader repubblicano della Camera Kevin McCarthy e ad altri quattro legislatori repubblicani come parte della loro indagine sulla violenta ribellione del 6 gennaio, una mossa insolita che ha pochi precedenti e che sicuramente infiammerà ulteriormente le tensioni partigiane su la guerra. Attacco del 2021.

Le citazioni del comitato del 6 gennaio per McCarthy e i rappresentanti repubblicani Jim Jordan dell’Ohio, Scott Perry della Pennsylvania, Andy Bigs dell’Arizona e Mo Brooks dell’Alabama arrivano quando l’indagine si conclude e il comitato si prepara per una serie di audizioni pubbliche quest’estate.

Dopo l’annuncio, McCarthy, che aspira a essere il presidente della Camera se i repubblicani ottengono la maggioranza alle elezioni di medio termine, ha detto ai giornalisti che “non ha visto un mandato di comparizione” e che la sua opinione sul comitato non è cambiata da quando hanno chiesto sua partecipazione volontaria. – Operativo all’inizio di quest’anno.

“Non stanno conducendo un’indagine legittima”, ha detto McCarthy. “Sembra che vogliano solo inseguire i loro oppositori politici”.

Il comitato aveva precedentemente richiesto la cooperazione volontaria dei cinque uomini, insieme a una manciata di altri legislatori repubblicani, ma tutti hanno rifiutato di parlare con il comitato, che ha discusso per mesi se emettere citazioni in giudizio.

“Prima di tenere le nostre audizioni il mese prossimo, ci sarebbe piaciuto avere l’opportunità per i membri di discutere queste questioni con il comitato volontariamente”, ha affermato il rappresentante Benny Thompson, presidente democratico del comitato. “Purtroppo, le persone che hanno ricevuto le citazioni di oggi hanno rifiutato e siamo obbligati a fare questo passo per garantire che la Commissione riveli i fatti relativi al 6 gennaio”.

READ  Soccorso subacqueo: subacquei spagnoli liberano una balena intrappolata in una rete da pesca illegale

Le conseguenze delle citazioni in giudizio non sono chiare

Le citazioni del Congresso per gli attuali membri del Congresso, in particolare per un leader del partito, hanno pochi precedenti negli ultimi decenni e non è chiaro quali saranno le conseguenze se uno o tutti i cinque uomini si rifiutano di obbedire. La Camera dei rappresentanti ha votato per trattenere in disprezzo altri due testimoni non conformi, gli ex aiutanti di Trump Steve Bannon e Mark Meadows, e ha deferito il loro caso al Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti.

Il comitato stava indagando sulle conversazioni di McCarthy con l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump il giorno dell’attacco e sugli incontri che gli altri quattro legislatori hanno avuto con la Casa Bianca in cui Trump e i suoi collaboratori hanno complottato come invertire la sua sconfitta.

Nell’annunciare le citazioni, il comitato del 6 gennaio ha affermato che esisteva un precedente storico per la mossa e ha osservato che il Comitato etico della Camera “ha emesso una serie di citazioni ai membri del Congresso per testimonianza o documentazione”, sebbene tali azioni generalmente avvengano in segreto.

I ribelli fedeli a Donald Trump cercano di raggiungere il Campidoglio degli Stati Uniti mentre si ribellano a Washington il 6 gennaio 2021. Il comitato stava indagando sulle conversazioni di McCarthy con Trump il giorno dell’attacco e sugli incontri con altri 4 legislatori. Casa Bianca. (José Luis Magana/Associated Press)

McCarthy ha ammesso di aver parlato con Trump il 6 gennaio 2021, che è quello che è successo quando i sostenitori di Trump stavano picchiando la polizia fuori dal Campidoglio ed entrando nell’edificio. Ma non ha condiviso molti dettagli. Il comitato ha chiesto informazioni sulle sue conversazioni con Trump “prima, durante e dopo” le rivolte.

McCarthy è sceso in aula dopo che i rivoltosi sono stati assolti, dicendo in un potente discorso che Trump “si assume la responsabilità” dell’attacco e che è stato “il giorno più triste che abbia mai avuto” al Congresso, anche se si è unito al 138 altri repubblicani della Camera nel voto su Rifiutare i risultati elettorali.

Il leader repubblicano si è rapidamente riconciliato con Trump, nonostante lo abbia visitato in Florida e abbia mobilitato i repubblicani della Camera per votare contro le indagini sull’attacco.

Gli altri quattro uomini erano stati in contatto con la Casa Bianca per diverse settimane prima della ribellione e hanno parlato con Trump e i suoi consulenti legali dei modi per fermare il conteggio delle elezioni del Congresso del 6 gennaio per certificare la vittoria di Joe Biden. Molti dei loro sforzi sono dettagliati nei testi presentati al comitato da Meadows, che all’epoca era il capo di gabinetto di Trump.

“Questi membri includono coloro che hanno partecipato alle riunioni alla Casa Bianca, coloro che hanno avuto conversazioni dirette con il presidente Trump prima e durante l’attacco al Campidoglio e coloro che hanno partecipato alla pianificazione e al coordinamento di alcune attività a gennaio e prima”, ha detto il comitato in una nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.