Il Castello di Rivoli aiuta a portare l’artista e curatore afghano in Italia

L’Italia ha assunto l’eminente artista e curatore afghano, Abdul Wasiah Rahru Omarzad, che ha fondato nel suo paese d’origine un college per artiste. Omarzad è fuggito dall’Afghanistan con l’aiuto e il supporto di funzionari del Ministero degli Affari Esteri italiano e del Ministero della Cultura italiano, insieme al Museo d’Arte Contemporanea del Castello di Rivoli situato vicino a Torino. giornale d’arte Capisce che Omarzad è riuscito a fuggire dall’Afghanistan con la sua famiglia via terra nelle ultime settimane ed è arrivato in Italia venerdì da un paese terzo.

Quando Caroline Christoph Bakargiev [the director of Castello di Rivoli] “Ho saputo a metà agosto che era ancora in Afghanistan, quindi ho fatto pressioni sul governo italiano per aiutarlo a chiedere asilo in Italia”, ha detto una portavoce del Castello di Rivoli. Anche il Museo d’Arte Contemporanea Thyssen-Bornemisza TBA21 di Madrid e donatori anonimi stanno contribuendo a sostenere la residenza e l’insegnamento di Omarzad presso l’Accademia Albertina di Torino.

Rahru Omarzad Foto: Maniz Nasrallah

Omarzad è il fondatore di entrambi il suo nome è qui, l’unica rivista d’arte in Afghanistan, fondata nel 2000, e lo spazio artistico no-profit CCAA Center for Contemporary Arts Afghanistan, fondato a Kabul nel 2004.

“È stato un piacere lavorare con il professor Omarzad dal 2010 al 2012 in occasione di Documenta (13) a Kabul, la prima mostra d’arte internazionale nel Paese dopo la caduta del primo regime talebano (1996-2001)”, afferma Christoph. – Bakarjiv che, come bibliotecario, ha mostrato le opere video di Omarzad vincere e perdere (2012) all’evento quinquennale di arte contemporanea tenutosi a Kabul nel 2012.

“Inoltre, Omarzad ha suggerito molti giovani artisti del suo centro CCAA ai workshop che abbiamo organizzato a Kabul… se fosse rimasto in Afghanistan dopo l’arrivo dei talebani [in] A fine agosto, Omarzad era una persona particolarmente esposta per vari motivi tra cui il fatto di aver istituito un Centro per lo sviluppo della cultura dell’arte contemporanea e una Scuola di formazione per donne artiste. [the Women’s Centre for the Arts]”, aggiunge.

READ  Lo spazio di archiviazione illimitato di Google Foto continuerà a essere disponibile per i pixel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *