Il capo della Ferrari conclude i colloqui sul ritorno di Jean Todt a Maranello

A quasi due decenni dal successo di Jean Todt con la Ferrari, la Scuderia ha escluso la possibilità di un ricongiungimento con l’ex presidente della FIA.

Unisciti a Todd Ferrari Nel 1993 ha giocato un ruolo chiave nella firma di Michael Schumacher.

Il tedesco è entrato a far parte della scuderia italiana nel 1996 e ha corso sotto la guida di Todt e Ross Brawn per vincere cinque titoli mondiali consecutivi mentre la squadra ha ottenuto un successo senza precedenti dal 200 al 2004.

Il titolo del campionato 2004 di Schumacher è stato il suo settimo in assoluto, con la Ferrari che ha raccolto i vantaggi di avere un pilota da record sul libro paga.

Schumacher ha lasciato la squadra dopo il 2006 dopo aver perso il titolo contro Fernando Alonso con la partenza di Todd due anni dopo.

Un anno dopo, il francese è stato eletto presidente della FIA, l’organo di governo del motorsport, carica che ha ricoperto fino al dicembre dello scorso anno, quando ha chiesto il suo mandato come presidente della FIA, ed è stato legato quasi subito al ritorno in Ferrari.

Sembra che questo non accadrà.

Secondo quanto riferito, l’amministratore delegato della Ferrari John Elkann ha deciso contro la società di riassumere il presidente uscente della FIA Jean Todt, Mark Hughes ha scritto per Motorsportmagazine.com.

Immaginava un ruolo di “super-consulente” che avrebbe unito la società e le divisioni di F1 dell’operazione, qualcosa che inizialmente trovò il favore sia di Elkann che del team manager Mattia Binotto.

Ma dopo una discussione a livello aziendale, secondo quanto riferito, Elkann ha cambiato idea, lasciando il 75enne Todd libero di dedicare il suo tempo ad altri progetti che gli stavano a cuore.

READ  Jorginho conferma quanto gli aveva detto Mohamed Salah prima del calcio di rigore del Chelsea ai calci di rigore per il Liverpool

La firma di Todd sarebbe stata controversa vista la sua recente uscita dalla prima posizione nel motorsport, la presidenza della FIA.

Il mese scorso è stato chiesto al boss della Ferrari Mattia Binotto delle voci di Todd, ma in qualche modo si è rifiutato di pareggiare.

“Quello che posso dire finora è solo una speculazione”, ha detto a dicembre.

“Personalmente ho lavorato con Jean Todt. Era il mio capo e penso di aver imparato molto da lui.

“È un onore lavorare con lui e lo direi anche io, non importa come sarà in futuro, sarà comunque un onore lavorare con lui perché credo ancora che, come Mattia e il team, ci sia c’è ancora molto da imparare”.

La Ferrari non ha ancora chiuso ufficialmente le indiscrezioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.