Il cane da guardia antitrust francese si schiera con Apple contro l’imminente funzione sulla privacy [Update]

Secondo un rapporto prima ReutersL’organismo di vigilanza antitrust francese ha respinto le richieste degli inserzionisti di sospendere Apple in arrivo Trasparenza del monitoraggio delle applicazioni Proprietà. Tuttavia, il produttore di iPhone deve ancora indagare sul fatto che favorisca ingiustamente i propri prodotti.

L’imminente funzionalità per la privacy di Apple consente agli utenti di impedire agli inserzionisti di rintracciarli su diverse app. Tuttavia, la società sta affrontando le critiche di Facebook, sviluppatori di app e startup che basano i loro modelli di business sul monitoraggio degli annunci.

Il capo della censura francese Isabel de Silva ha affermato di aver lavorato a stretto contatto con il regolatore francese per la privacy dei dati, CNIL, per prendere la decisione di rifiutare la richiesta di sospensione della funzione.

“Potrebbe esserci un lavaggio della privacy”, ha detto, “non siamo ingenui”. “Tuttavia, il GDPR è vincolante per noi e in quanto membro di un sistema legale europeo, penso che tutti dovrebbero tenerne conto”.

Tuttavia, l’agenzia ha affermato che continuerà a indagare se Apple favorisce i suoi servizi e prodotti, con una decisione attesa al più tardi all’inizio del prossimo anno.

I denuncianti si sono detti delusi dalla decisione, ma hanno accolto favorevolmente l’indagine sul comportamento di Apple.

Aggiornare: Ha detto Apple Voci di Mac La seguente dichiarazione:

Siamo grati all’autorità francese garante della concorrenza per aver riconosciuto che la trasparenza del monitoraggio delle app in iOS 14 è nel migliore interesse degli utenti iOS francesi. ATT fornirà una potente funzionalità per la privacy degli utenti richiedendo agli sviluppatori di richiedere l’autorizzazione dell’utente prima di condividere i propri dati con altre società per scopi pubblicitari o con broker di dati. Crediamo fermamente che i dati degli utenti appartengano a loro e che debbano controllare quando e con chi questi dati vengono condivisi. Non vediamo l’ora di impegnarci ulteriormente con la FCA su questo problema critico della privacy e della concorrenza degli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.