I vigili del fuoco affermano che due canadesi sono rimasti bloccati dal terremoto di Taiwan

I vigili del fuoco affermano che due canadesi sono rimasti bloccati dal terremoto di Taiwan

I vigili del fuoco di Taiwan hanno detto che due canadesi erano tra un gruppo di persone rimaste bloccate da frane in una valle dopo il più forte terremoto dell'isola degli ultimi 25 anni.

L'agenzia ha dichiarato in un post su Facebook durante la notte che i canadesi erano tra le 12 persone bloccate su un sentiero nel Parco Nazionale Taroko, una popolare destinazione escursionistica, e che gli sforzi di salvataggio stavano continuando.

Altri canadesi coinvolti nel terremoto descrivono scene di caos e violente scosse che hanno spostato mobili e quasi fatto cadere le persone durante il terremoto, avvenuto mercoledì mattina nelle ore di punta.

Charlie Wu, un organizzatore di eventi comunitari con sede a Vancouver, dice che il suo appartamento in affitto al 12° piano nella capitale Taipei di Taiwan ha tremato “per quelli che sembravano minuti”, facendo cadere bottiglie e piatti dagli armadietti chiusi a chiave.

Yvonne Chen, dipendente di un'azienda tecnologica che divide il suo tempo tra Burnaby, British Columbia, e Taipei, afferma che le scosse nel suo appartamento al 10° piano hanno causato lo spostamento di 15 cm di una grande cassettiera dalla sua base e lei ha dovuto chinarsi per trattenersi cadente.

Il sisma, il cui epicentro è stato al largo della contea di Hualien, a circa 150 chilometri a sud di Taipei, ha avuto una magnitudo di 7,2, uccidendo almeno nove persone, ferendone altre 946 e bloccandone altre 152, ha detto il Centro centrale per le operazioni di emergenza di Taiwan.

READ  Ecco quando il tuo orologio cambia per l'ora legale in Ontario

Global Affairs Canada ha affermato in una nota che qualsiasi canadese che abbia bisogno di assistenza dovrebbe contattarlo immediatamente, aggiungendo che ci sono 5.518 cittadini canadesi registrati a Taiwan.

Wu dice che il terremoto principale è stato seguito da una serie di scosse di assestamento nelle ore successive.

“È come scendere da una nave da crociera”, dice Wu del suo stato mentale dopo il terremoto. “C'è la sensazione che non sei veramente fermo. È come se tutto si muovesse e tu guardassi il sipario (per vedere) se si sta muovendo o se sei solo nella tua testa, ti stai muovendo.”

“Sento ancora scosse di assestamento occasionali, veloci e molto più piccole di quelle di stamattina. Ma, ancora una volta, quando ero in cima al 12° (piano), era facile sentirle, e non so se le ho sentite farlo o no.” “Potrò dormire bene con quella sensazione nella testa.”

Chen dice che il terremoto è stato lieve quando è iniziato e lei ha continuato a prepararsi per andare al lavoro finché la scossa non è diventata più forte.

“Sono arrivata al punto in cui non riuscivo più a stare in piedi, ho dovuto chinarmi”, dice, stimando che il tremito sia durato circa un minuto.

Sia Chen che Wu affermano che il terremoto è stato simile a quello del 1999 che colpì Taiwan con una magnitudo di 7,3, uccidendo più di 2.400 persone e distruggendo circa 52.000 edifici.

Il primo ministro Justin Trudeau ha affermato che il Canada ha contattato i funzionari taiwanesi ed è pronto a fornire supporto se necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *